Cerca insegnamenti o docenti



Voi siete qui

Corso di laurea in LINGUE E LETTERATURE EUROPEE ED EXTRAEUROPEE (Classe LM-37)
Immatricolati dall'a.a. 2018/2019

Tipo di corso di studiLaurea Magistrale
Anno accademico2018/2019
Classe di laureaclasse LM-37, LINGUE E LETTERATURE MODERNE EUROPEE E AMERICANE
Titolo rilasciatoDottore Magistrale
Curricula
Durata2 anni
Crediti richiesti per l’iscrizione al 1° anno di corso180
Cfu massimi acquisibili120
Anni di corso attivati1 anno
Accesso
Conoscenze richieste per l'iscrizione al 1° anno di corsoL’ammissione alla laurea magistrale in Lingue e letterature europee ed extraeuropee è consentita a tutti i laureati di primo livello o ai possessori di un titolo straniero ritenuto equivalente, purché, in aggiunta al titolo, i candidati siano in possesso di alcuni requisiti minimi, espressi in CFU, e dimostrino il possesso di adeguate competenze linguistiche e di una formazione adeguata in ambito letterario. Gli studenti madrelingua diversa dall'italiano dovranno dare prova di una solida conoscenza della lingua italiana.
La verifica della preparazione dei candidati sarà condotta secondo le modalità specificate nel Regolamento didattico del Corso di Studio. Una volta verificato il possesso dei requisiti curriculari minimi, i candidati saranno invitati a un colloquio di accertamento delle competenze.
Il mancato possesso dei requisiti minimi o l’esito non positivo del colloquio di accertamento impediscono di procedere con l’immatricolazione, anche nel caso di studenti che intendano trasferirsi da altri Corsi di Studio Magistrali, di classe LM-37 o di altra classe. I candidati potranno recuperare i requisiti mancanti mediante l’iscrizione a corsi singoli, secondo le indicazioni fornite dalla Commissione. Solo in seguito alla completa acquisizione dei requisiti minimi, nel rispetto delle scadenze indicate ogni anno, i candidati potranno essere ammessi al Corso di Studio.
I requisiti minimi sono i seguenti:
- almeno 6 CFU in insegnamenti di Glottologia o Linguistica generale (L-LIN/01)
- almeno 18 + 18 CFU (in almeno 2 annualità ciascuna) in due diverse lingue
- almeno 12 + 12 CFU (in almeno 2 annualità) nelle due corrispondenti letterature
Per lingue e letterature si intendono insegnamenti di “Lingua” e di “Letteratura”, opportunamente graduati, distinti in annualità e non iterati, e non altri insegnamenti appartenenti agli stessi Settori Scientifico Disciplinari.

I due insegnamenti di lingua e quelli della corrispondente letteratura devono essere compresi fra quelli sotto elencati; in via eccezionale possono venire ammessi anche studenti che abbiano seguito nel triennio solo una delle lingue e letterature sotto elencate, avendo acquisito almeno altri 12 + 12 CFU in una lingua e letteratura diversa, e purché abbiano almeno altri 18 CFU in insegnamenti ricompresi nei Settori Scientifico Disciplinari L-FIL-LET/09-10-11-12-14-15, M-STO/01-02-03-04, SPS/05-13; in questo caso, lo studente verrà ammesso al Corso di Studio ma dovrà obbligatoriamente optare per proseguire la lingua e letteratura studiate tra quelle offerte.

Lingua francese (L-LIN/04 – Lingua e traduzione – lingua francese)
Lingua inglese (L-LIN/12 – Lingua e traduzione – lingua inglese)
Lingua polacca (L-LIN/21 – Slavistica)
Lingua portoghese (L-LIN/09 – Lingua e traduzione – lingue portoghese e brasiliana)
Lingua russa (L-LIN/21 – Slavistica)
Lingua spagnola (L-LIN/07 – Lingua e traduzione – lingua spagnola)
Lingua tedesca (L-LIN/14 – Lingua e traduzione – lingua tedesca)
Lingue scandinave (L-LIN/15 – Lingue e letterature nordiche)
Letteratura angloamericana (L-LIN/11 – Lingue e letterature anglo-americane)
Letteratura francese (L-LIN/03 – Letteratura francese)
Letteratura inglese (L-LIN/10 – Letteratura inglese)
Letteratura polacca (L-LIN/21 – Slavistica)
Letteratura russa (L-LIN/21 – Slavistica)
Letteratura spagnola (L-LIN/05 – Letteratura spagnola)
Letteratura tedesca (L-LIN/13 – Letteratura tedesca)
Letterature ispanoamericane (L-LIN/06 – Lingua e letterature ispano-americane)
Letterature portoghese e brasiliana (L-LIN/08 – Letterature portoghese e brasiliana)
Letterature scandinave (L-LIN/15 – Lingue e letterature nordiche)

Inoltre, nel caso di laureati di primo livello con elevata preparazione, il Collegio Didattico può, previa attenta valutazione del curriculum, deciderne l’ammissione anche in parziale deroga ai requisiti di cui sopra (si veda D.M. 386 del 26 luglio 2007, Allegato 1, punto 3.e).
Corsi triennali che danno accesso senza debiti

Introduzione al corso

Il Corso di Studio magistrale in Lingue e letterature europee ed extraeuropee (che si inserisce nella classe LM-37, Lingue e letterature moderne europee e americane) è attivato presso la Facoltà di Studi Umanistici.
Le lezioni si svolgono principalmente negli edifici di Piazza S. Alessandro e di via Santa Sofia, in pieno centro città e comodamente raggiungibili con i mezzi pubblici.

Obiettivi formativi

Obiettivo del corso di laurea magistrale è assicurare al laureato in Lingue e letterature europee ed extraeuropee approfondite competenze metodologiche e teorico-scientifiche relative a una o due lingue e letterature straniere di matrice europea, nelle espressioni da loro assunte sia nei paesi di origine che in quelli di più recente diffusione. Il Corso di Studio permette allo studente di impostare il proprio percorso formativo secondo linee coerenti e precise, integrando la formazione nelle lingue e letterature straniere con altre discipline di ambito umanistico. A seconda dell’impostazione scelta e dell’argomento della tesi di laurea magistrale, lo studente potrà orientare il proprio piano di studi in base a particolari prospettive, quali ad esempio le materie linguistiche e filologiche, quelle letterarie e comparatistiche, l’area storica, geografica e filosofica, le discipline inerenti la comunicazione, l’editoria e l’espressione artistica, o quelle antropo-psico-pedagogiche, utili a conseguire i crediti necessari per i percorsi di formazione dei futuri docenti.

Competenze acquisibili

I laureati acquisiranno padronanza nelle lingue e nelle letterature europee o extraeuropee, con ampie e approfondite competenze relative all’analisi critica dei differenti fenomeni linguistici e letterari, alla pratica della traduzione di testi letterari o saggistici, nonché alla didattica delle lingue.
Lo studente acquisirà competenze ed abilità in approcci interdisciplinari di tipo culturale in una prospettiva storica (tematiche relative alla medievistica, alla modernistica o alla contemporaneistica), geografica (tematiche relative alle letterature e alle culture europee, americane, africane, asiatiche, australiane), linguistico-comunicativa (lingue e linguistiche europee ed extraeuropee, lingua e linguistica generale) o contrastiva (lingue e linguistiche europee ed extraeuropee, letterature europee e letterature extraeuropee).
Il laureato sarà in grado di cogliere i punti nodali delle varie problematiche e di esporre correttamente in lingua straniera, sia i contenuti, sia le varie interpretazioni ad essi sottese, traendone le opportune conclusioni. Sono portanti ed irrinunciabili, in tale ottica, i corsi di lingua straniera che comportano moduli a carattere monografico (e d'argomento linguistico-applicato), integrati da esercitazioni pratiche di alto livello. Esami relativi a competenze scritte ed orali saranno il momento di verifica finale relativa a tali competenze. I corsi di area letteraria (con l'ampliamento significativo che, a livello di discipline e di metodologia, questa laurea magistrale può assicurare), a loro volta raffineranno le capacità comunicative ed espositive dello studente.

Sbocchi professionali

Il livello di conoscenze e competenze raggiunto permetterà ai laureati magistrali in Lingue e letterature europee ed extraeuropee di esercitare un’attività, anche con funzioni di elevata responsabilità, nei vari comparti ove sia richiesta la padronanza di più lingue straniere accompagnata da un’approfondita cultura umanistica. In particolare i laureati potranno operare in qualità di traduttori di livello elevato oppure di linguisti o revisori di testi; lavoreranno come consulenti, traduttori o redattori in case editrici, anche orientate alle pubblicazioni multimediali, agenzie di traduzione e di localizzazione di siti e portali web; si inseriranno nei settori della gestione delle risorse umane, dei rapporti con multinazionali, camere di commercio e aziende straniere, dei servizi gestionali collegati a fiere, eventi e congressi; opereranno nella business intelligence e nell'ambito delle relazioni con istituti culturali ed enti non governativi stranieri; potranno inoltre acquisire la preparazione necessaria per proseguire gli studi con il terzo livello della formazione universitari (dottorato). I laureati che avranno crediti in numero sufficiente in opportuni gruppi di settori potranno partecipare, come previsto dalla legislazione vigente, alle prove di ammissione per i percorsi di formazione per l’insegnamento secondario.