Cerca insegnamenti o docenti



Voi siete qui

Corso di laurea in LINGUE E LETTERATURE STRANIERE (Classe L-11)
Immatricolati dall'a.a. 2016/2017

Tipo di corso di studiLaurea
Anno accademico2017/2018
Classe di laureaclasse L-11, LINGUE E CULTURE MODERNE
Titolo rilasciatoDottore
Curricula
Durata3 anni
Crediti richiesti per l’iscrizione al 1° anno di corso
Cfu massimi acquisibili180
Anni di corso attivati1 anno, 2 anno
AccessoLibero
Conoscenze richieste per l'iscrizione al 1° anno di corsoPer essere ammessi al corso di studio occorre essere in possesso di un diploma di scuola secondaria di secondo grado o di altro titolo di studio conseguito all'estero, riconosciuto idoneo.
Lauree magistrali cui accedere senza debiti formativiL’offerta formativa proposta dal presente corso di studio soddisfa integralmente i requisiti per l’accesso alla laurea magistrale in Lingue e letterature europee ed extraeuropee (Classe LM-37) attivata presso l’Università degli Studi di Milano.

Introduzione al corso

Il corso di studio in Lingue e letterature straniere appartiene alla Classe delle lauree in Lingue e culture moderne - Classe L11 e rientra nell'offerta formativa della Facoltà di Studi umanistici. Le lezioni si svolgono principalmente negli edifici di Piazza S. Alessandro e di via Santa Sofia, in pieno centro città e comodamente raggiungibili con i mezzi pubblici.

Obiettivi formativi

Obiettivo del corso di studio è assicurare una serie di competenze teorico-scientifiche di base e di competenze pratiche di alto livello relative alla sfera delle lingue e delle letterature straniere, avendo presente la dimensione internazionale della sua offerta formativa. La prevalenza è data all’insegnamento delle principali lingue europee, non disgiunto dalla riflessione sugli aspetti della linguistica teorica e applicata, e si accompagna allo studio delle corrispondenti manifestazioni letterarie, nel tempo (con percorsi diacronici e sincronici) e nello spazio (con aperture sulla diffusione di tali lingue e letterature al di fuori dell’Europa).

Sbocchi professionali

L’attenzione che il corso di studio accorda alle discipline linguistiche, sia teoriche sia pratiche, assicura al laureato competenze immediatamente spendibili in tutti quei campi del mondo del lavoro e della professione che richiedono una padronanza scritta e orale delle lingue straniere, accompagnata da una solida formazione di base umanistico-letteraria di matrice internazionale. In particolare i laureati saranno attivi come “specialisti in scienze umane, sociali e gestionali”, in qualità di traduttori di livello elevato oppure di linguisti o revisori di testi; potranno operare in case editrici tradizionali e orientate alle pubblicazioni multimediali, agenzie di traduzione e di localizzazione di siti e portali web; si inseriranno nei settori della gestione delle risorse umane, dei rapporti con multinazionali, camere di commercio e aziende straniere, dei servizi di accoglienza e accompagnamento collegati a fiere, eventi e congressi; lavoreranno nell’ambito della business intelligence e della relazione con istituti culturali ed enti non governativi stranieri; getteranno le basi per un’eventuale carriera nell’insegnamento.