Cerca insegnamenti o docenti



Voi siete qui

Metodologia della ricerca archeologica - [A-Z]
Methodology of archaeological researc - [A-Z]

Stampa pagina

FEDERICA CHIESA , responsabile dell'insegnamento

CdL in LETTERE (Classe L-10) Immatricolati dall'aa 2011/2012 - Laurea - 2017/2018

Insegnamento obbligatorioNo
Anno di corso
Periodo di svolgimentosecondo semestre
Settori scientifico disciplinari
  • L-ANT/10 - Metodologie della ricerca archeologica
Crediti (CFU) obbligatori6
Crediti (CFU) facoltativi3

Informazioni generali

Obiettivi dell'insegnamento: Tracciare una storia della metodologia archeologica dagli aspetti teorici a quelli pratici sul campo, con ampliamenti collaterali nei campi dell'antropologia e dell'etnologia quali strumenti indicati dalla moderna ricerca per un approfondimento dell'interpretazione.

Programma

Modalità di esame, prerequisiti, esami propedeutici

Esame in un'unica volta o suddiviso in partiunico
Modalità di accertamento conoscenzeEsame
Giudiziovoto verbalizzato in trentesimi

Prerequisiti e modalità di esame La prova orale consiste di un colloquio sugli argomenti a programma, volto ad accertare le competenze maturate dallo studente sui temi illustrati a lezione e contenuti nella bibliografia di riferimento e, per i non frequentanti, sugli argomenti illustrati nel programma relativo.

Organizzazione della didattica

Settori e relativi crediti

  • Settore:L-ANT/10 - Metodologie della ricerca archeologica - Crediti: 9
Attività didattiche previste

Lezioni: 60 ore

Unita' didattica A

obbligatorio

Settori e relativi crediti

  • Settore:L-ANT/10 - Metodologie della ricerca archeologica - Crediti: 3
Attività didattiche previste

Lezioni: 20 ore

Unita' didattica B

obbligatorio

Settori e relativi crediti

  • Settore:L-ANT/10 - Metodologie della ricerca archeologica - Crediti: 3
Attività didattiche previste

Lezioni: 20 ore

Unita' didattica C

facoltativo

Settori e relativi crediti

  • Settore:L-ANT/10 - Metodologie della ricerca archeologica - Crediti: 3
Attività didattiche previste

Lezioni: 20 ore

Ricevimento docenti

Orario di ricevimento Docenti
DocenteOrario di ricevimentoLuogo di ricevimento
FEDERICA CHIESA , responsabile dell'insegnamentovenerdì dalle ore 10 alle ore 13sezione di Archeologia

Programma d'esame

Argomento del corso: Metodologie della ricerca archeologica

UNITÀ DIDATTICA A
Introduzione all’archeologia come scienza umana: dai metodi al metodo.
Introduzione alle scienze archeologiche dalla Preistoria all’Archeologia Classica. I più importanti manuali archeologici. Storia dell’archeologia attraverso le fonti (da Nabonedo in Iraq alla purificazione di Delo) ed evoluzione del metodo attraverso gli scavi storicamente più importanti. Le Scuole Archeologiche europee in Grecia. l’allestimento della cronologia mediterranea sulla base storica e stratigrafica dagli scavi, dalle liste faraoniche alla Grecia dell’età del Bronzo sino al Vicino Oriente. Il concetto di cronologia assoluta e cronologia relativa. I contributi fondamentali delle Scuole inglesi, francesi e italiane alla definizione del metodo sul campo e le maggiori personalità di studiosi e scavatori del Novecento: da Wheeler a Leroi-Gourhan, da Barker ad Harris sino a Carandini. L’importazione del metodo anglosassone in Italia. Lettura e interpretazione dei dati: le Scuole di pensiero teoriche. Dalla New Archaeology al Post-Processualismo e alle sue derivazioni, dalla Gender Archaeology all’Agency etc. Marjia Gimbutas e l'archeolomitologia. Esempi di lettura di necropoli attraverso gli indicatori archeologici. L’archeologia sperimentale e i suoi campi di applicazione. Storia dell’archeologia sperimentale. I contributi dell’etnologia e del folklore, dell’antropologia e dell’etnoarcheologia.
La nascita dell'etnoarcheologia. Esemplificazioni applicative, ipotesi di lavoro nei diversi ambiti dell’archeologia (preistorica, preclassica e classica).

UNITÀ DIDATTICA B
Figure di studiosi di rilievo nell'archeologia mediterranea.

UNITÀ DIDATTICA C
La ricerca sul campo: metodi e strumenti; dal terreno all’edizione
La valutazione del sito da indagare: La ricognizione archeologica o survey e le sue tipologie in ragione agli scopi da perseguire nel quadro dell’archeologia ambientale e in previsione degli interventi sul terreno. Crop-markers, fotografia aerea, metodi geoelettrici, geofisici, GPS, GIS etc. L’allestimento e l’organizzazione del cantiere. La procedura moderna di scavo: il concetto di strato e di stratigrafia e la sua rappresentazione attraverso il diagramma stratigrafico o matrix di Harris. Simulazioni ed esercitazioni a proposito delle ricostruzioni delle sequenze stratigrafiche. Il regime della documentazione e la strumentazione, specialmente ai fini del rilievo (livello ottico, stazione elettronica totale). Il rilievo manuale: il disegno archeologico (piante di scavo, piante di fase, sezioni etc.) e le riprese fotografiche. Le tecnologie di rilevamento elettronico in uso. L’apporto delle scienze naturali e la bioarcheologia: archeobotanica, archeozoologia, paleoantropologia Cronologia assoluta e cronologia relativa attraverso le datazioni cronometriche e radiometriche (varve, dendrocronologia, radiocarbonio, termoluminescenza, etc.).
Lo studio dei manufatti: i concetti di tipologia e classificazione, funzione e contesto. Le tabelle delle associazioni, l’ausilio dei sistemi matematico-statistici.
La pubblicazione dello scavo.

PROGRAMMA E BIBLIOGRAFIA STUDENTI FREQUENTANTI (9 CREDITI)
Oltre al programma integrale del corso svolto in aula:
- C. RENFREW-P.BAHN, Archeologia. Teorie, metodi, pratica, Bologna 2006 (Zanichelli); le parti da studiare, salvo le schede se non espressamente menzionate, sono: Cap. I, pp. 1-32; Cap. III, tutto ivi comprese le schede; Cap. IV, pp. 108-155, ivi comprese le schede 4.2, 4.3, 4.6; Cap. V, pp. 178-182, scheda 5.4; Cap. VI , pp. 227-250, ivi comprese le schede 6.4, 6.6, 6.7; Cap. VII, pp. 267-270, 302-304, ivi comprese le schede 7.2, 7.4, 7.6; Capitolo X, pp. 385-387, 408-409, scheda 10.2; Capitolo XI, pp. 421-477; 481-491, ivi comprese le schede 12.3, 12.4, 12.7, 12.9.
- F. CHIESA, Orme sull’acqua, orme nella terra. Temi di natura e di metodo in archeologia, Milano 2012 (Mimesis).
- A. RIBOLDI, Al cuore dell'Europa. Una rilettura dell'opera di Marjia Gimbutas, Mimesis 2015 (lo studente potrà scegliere di portare all'esame o la parte relativa al culto della dea o quella relativa agli scavi, oppure fino a p. 164 o da p. 164 alla fine del volume. La lettura integrale del volume è tuttavia consigliata, anche se non obbligatoria)
Inoltre e a scelta tra i seguenti testi:
- G. MELANDRI, Un'archeologia personale. Biografie di figure carismatiche e discusse del Novecento, Milano 2013 (Mimesis): una selezione di sette biografie scientifiche a scelta del candidato.
Oppure, E. C. HARRIS, Principi di stratigrafia archeologica, Milano (Longanesi).
- Oppure, insieme, i due volumetti: E. GIANICHEDDA, Archeologia teorica, Carocci e M. VIDALE, Che cos'è l'etnoarcheologia, Carocci.

PROGRAMMA E BIBLIOGRAFIA STUDENTI FREQUENTANTI (6 CREDITI)
Oltre al programma del corso svolto in aula (con riferimento ai moduli A e C):
- C. RENFREW-P.BAHN, Archeologia. Teorie, metodi, pratica, Bologna 2006 (Zanichelli); le parti da studiare, salvo le schede se non espressamente menzionate, sono: Cap. I, pp. 1-32; Cap. III, tutto ivi comprese le schede; Cap. IV, pp. 108-155, ivi comprese le schede 4.2, 4.3, 4.6; Cap. V, pp. 178-182, scheda 5.4; Cap. VI , pp. 227-250, ivi comprese le schede 6.4, 6.6, 6.7; Cap. VII, pp. 267-270, 302-304, ivi comprese le schede 7.2, 7.4, 7.6; Capitolo X, pp. 385-387, 408-409, scheda 10.2; Capitolo XI, pp. 421-477; 481-491, ivi comprese le schede 12.3, 12.4, 12.7, 12.9.
- F. CHIESA, Orme sull’acqua, orme nella terra. Temi di natura e di metodo in archeologia, Milano 2012 (Mimesis).
- A. RIBOLDI, Al cuore dell'Europa. Una rilettura dell'opera di Marjia Gimbutas, Mimesis 2015 (tutto il volume); oppure E. C. HARRIS, Principi di stratigrafia archeologica, Milano (Longanesi) e il volumetto di M. Vidale.

PROGRAMMA E BIBLIOGRAFIA STUDENTI NON FREQUENTANTI (9 CREDITI)
Rispetto al programma indicato per gli studenti frequentanti, gli studenti non frequentanti che intendano sostenere un esame da 9 crediti dovranno portare, tra i testi sopra segnalati a scelta, il volume di C.E. Harris e i due volumetti di E. Gianicchedda e M. Vidale come obbligatori; oppure l'intero volume di A. Riboldi e una scelta di 5 biografie dal volume di G. Melandri e il volume di C.R. Harris come obbligatori.

PROGRAMMA E BIBLIOGRAFIA STUDENTI NON FREQUENTANTI (6 CREDITI)
Rispetto al programma base degli studenti frequentanti (uguale per 9 crediti e 6 crediti), gli studenti non frequentanti che intendano sostenere l'esame da 6 crediti dovranno portare, oltre al programma base indicato per tutti, tra i testi sopra segnalati, una scelta tra: il volume di C.E. Harris e i due volumetti di E. Gianicchedda e M. Vidale come obbligatori; oppure l'intero volume di A. Riboldi e una scelta di 5 biografie dal volume di G. Melandri e il volume di C.R. Harris come obbliigatori.

20/07/2017