Cerca insegnamenti o docenti



Filologia romanza - (I-Z)
Romance philology - [A-Z]

Stampa pagina

ROBERTO TAGLIANI , responsabile dell'insegnamento

CdL in SCIENZE DEI BENI CULTURALI (Classe L-1) Immatricolati fino al 2016/2017 - Laurea - 2017/2018

Insegnamento obbligatorioNo
Anno di corso
Periodo di svolgimentosecondo semestre
Settori scientifico disciplinari
  • L-FIL-LET/09 - Filologia e linguistica romanza
Crediti (CFU) obbligatori9
Crediti (CFU) facoltativi-

Programma

Modalità di esame, prerequisiti, esami propedeutici

Esame in un'unica volta o suddiviso in partiunico
Modalità di accertamento conoscenzeEsame
Giudiziovoto verbalizzato in trentesimi

Prerequisiti e modalità di esame Scritto preliminare (facoltativo) + orale: Le tre uu.dd. possono essere portate all’esame orale.
È anche possibile sostenere la prova scritta per la sola u.d. C, che prevede alcune domande a risposta aperta sul programma d’esame e si effettua in tre sessioni, nei mesi di maggio, settembre e gennaio. Una volta superata la prova scritta, il candidato potrà portare all’esame orale solo le uu.dd. A e B. Il voto della prova scritta rimane valido per un anno solare dalla data del superamento. Lo studente che non ottenesse la sufficienza può presentare il programma dell’u.d. C all’esame orale anche nella stessa sessione, senza salto d’appello.
Nel colloquio orale sarà invece accertata la preparazione degli argomenti delineati nel programma, valutando sia la dimestichezza con questioni di carattere linguistico (u.d. C) e storico-letterario (u.d. A e B) sia la capacità di tradurre, commentare e contestualizzare i primi documenti delle lingue ro-manze (u.d. A) e i brani in francese antico commentati a lezione (u.d. B).
Si ricorda che l’esame sull’u.d. B prende sempre avvio dalla lettura e traduzione di uno o più brani oggetto del corso: la capacità di lettura e traduzione all’impronta (senza ausilio di traduzioni interli-neari e/o appunti personali) dei brani suddetti è condizione preliminare ed essenziale per il supera-mento dell’esame.

Organizzazione della didattica

Unita' didattica A

obbligatorio

Settori e relativi crediti

  • Settore:L-FIL-LET/09 - Filologia e linguistica romanza - Crediti: 3
Attività didattiche previste

Lezioni: 20 ore

Unita' didattica B

obbligatorio

Settori e relativi crediti

  • Settore:L-FIL-LET/09 - Filologia e linguistica romanza - Crediti: 3
Attività didattiche previste

Lezioni: 20 ore

Unita' didattica C

obbligatorio

Settori e relativi crediti

  • Settore:L-FIL-LET/09 - Filologia e linguistica romanza - Crediti: 3
Attività didattiche previste

Lezioni: 20 ore

Ricevimento docenti

Orario di ricevimento Docenti
DocenteOrario di ricevimentoLuogo di ricevimento
ROBERTO TAGLIANI , responsabile dell'insegnamentoPer tutto il I semestre il ricevimento si terrà il giovedì, dalle ore 10:00 alle ore 13:00. Si invitano gli studenti ad annunciarsi nei giorni precedenti con una mail.Dipartimento di Studi filologici, linguistici e letterari, Sezione di Modernistica, primo piano
MASSIMILIANO GAGGEROSezione di Modernistica, primo piano. Lunedì, 11-13 e venerdì 12-13. Il ricevimento è spostato a martedì, 12,15-13,15, a causa della sovrapposizione con il convegno "Amore e follia nella narrativa breve dal Medioevo e Cervantes"Dipartimento di Studi filologici, linguistici e letterari, Sezione di Modernistica, primo piano

Programma d'esame

Argomento del corso: Esperienze romanzesche del Medioevo romanzo (60 ore, 9 cfu)

Unità didattica A (20 ore, 3 cfu): Origini e sviluppo delle letterature romanze medievali [Massimi-liano Gaggero]
Unità didattica B (20 ore, 3 cfu): La seconda generazione della narrativa arturiana: Le Bel Incon-nu [docente da definire]
Unità didattica C (20 ore, 3 cfu): Introduzione alla linguistica romanza [docente da definire]

Il corso è rivolto agli studenti della Facoltà di Studi Umanistici il cui cognome inizia con le lettere da I a Z che preparino la disciplina per la prima annualità. Per gli studenti del curriculum di Lettere moderne è obbligatorio e dà 9 crediti, per gli studenti del curriculum di Scienze dell’antichità è con-sigliato in alternativa con altre discipline e dà 6 crediti, tre dei quali dovranno essere obbligatoria-mente afferenti al modulo C. Il corso è rivolto anche agli studenti del corso di Laurea in Scienze dei Beni culturali a cui è consigliato in alternativa con altri insegnamenti e dà 9 crediti. Per gli studenti del corso di laurea magistrale in Storia e critica dell’arte, ove già non sostenuto nel triennio, è consi-gliato in alternativa con altre discipline e dà 6 crediti (tre dei quali obbligatoriamente afferenti al modulo C), e nel corso magistrale in Archivistica e biblioteconomia è consigliato in alternativa con altre discipline e dà 9 crediti.

Presentazione del corso
Il corso introduce ai problemi e ai metodi che fondano lo studio storico e comparato delle lingue e delle letterature romanze, segnatamente della loro articolazione medievale, con un costante riferi-mento con le fonti scritte. L’u.d. A affronta le nozioni essenziali di storia delle letterature romanze a partire da alcuni dei più antichi documenti letterari dell’ambito galloromanzo, iberoromanzo e italo-romanzo. L’u.d. B concentra l’attenzione sul romanzo arturiano in versi noto col titolo vulgato di Le Bel inconnu (il bel cavaliere sconosciuto), opera di Renaut de Bâgé (anche Baugé o Beaujeu), lette-rato e aristocratico alverniate del XII secolo. Analizzando ampie sezioni del romanzo, l’u.d. appro-fondirà le peculiari caratteristiche del genere romanzesco, con particolare attenzione alla tradizione e alla fortuna della materia arturiana. L’u.d. C analizza l’evoluzione delle lingue romanze, sofferman-dosi sulle continuità e innovazioni nel rapporto tra le stesse e la loro origine latina, alla luce delle prospettive scientifiche succedutesi nel tempo, con particolare attenzione alla grammatica storica dell’antico francese.

Indicazioni bibliografiche
Unità didattica A
1- Appunti delle lezioni (gli studenti non frequentanti dovranno procurarsi autonomamente i mate-riali presso i colleghi frequentanti);
2- Materiali pubblicati sul sito Ariel 2.0 del docente;
3- M.L. Meneghetti, Le origini delle letterature medievali romanze, Bari-Roma, Laterza, 2009 (8a ed.): limitatamente alle pp. 3-17; 19-41; 53-80; 86-92; 125-233 (N.B.: la sezione delle tavole foto-grafiche è parte integrante del programma);
4- Pietro G. Beltrami, La filologia romanza, Bologna, Il Mulino, 2017: studio approfondito delle pp. 199-301 e lettura informata delle pp. 53-61 (gli studenti non frequentanti porteranno all’esame lo studio approfondito anche di quest’ultima serie di pagine).

Unità didattica B
1- Appunti delle lezioni (vedere l’Avvertenza per i non frequentanti qui di seguito);
2- Renaut de Beaujeu, Il bel cavaliere sconosciuto, a cura di A. Pioletti, Roma, Carocci, 1992 (i versi da portare all’esame saranno indicati alla fine delle lezioni).
3- M.L. Meneghetti, Il romanzo nel Medioevo, Bologna, Il Mulino, 2010.
4- Ulteriore bibliografia da preparare sarà raccolta in un’apposita dispensa che sarà scaricabile dal si-to Ariel 2.0. La versione cartacea potrà essere acquistata presso la Libreria Cortina di Via Festa del Perdono.

Unità didattica C
1- Appunti delle lezioni (gli studenti non frequentanti dovranno procurarsi autonomamente i mate-riali presso i colleghi frequentanti);
2- Materiali pubblicati sul sito Ariel 2.0 del docente;
3- Pietro G. Beltrami, La filologia romanza, Bologna, Il Mulino, 2017: studio approfondito delle pp. 19-22; 37-52; 63-73; 85-110; 133-196; 305-309 e lettura informata delle pp. 23-36; 75-81 (gli stu-denti non frequentanti porteranno all’esame lo studio approfondito anche di quest’ultima serie di pagine).

Avvertenza per i non frequentanti. La frequenza al corso è vivamente consigliata: anche gli studenti non frequentanti, infatti, saranno tenuti a procurarsi dei buoni appunti delle lezioni, dato che a tutti i candidati all’esame sarà richiesto di tradurre all’impronta (senza testo italiano a fronte e senza ausi-lio di appunti o versioni interlineari) alcuni versi commentati e tradotti a lezione del romanzo antico-francese oggetto di questo modulo e segnalati alla fine del corso come facenti parte del programma definitivo. Quali sussidi alla traduzione e al commento linguistico dei testi, oltre alle indicazioni con-tenute nella dispesa citata al punto precedente, si suggerisce l’impiego del profilo di grammatica sto-rica del francese antico di Au. Roncaglia, La lingua d’oïl. Profilo di grammatica storica del francese antico, Pisa, Istituti editoriali e poligrafici internazionali, 2005, che potrà essere utilmente associato al volume di A. Varvaro, Avviamento alla filologia francese medievale, Roma, Carocci, 2003 (spe-cialmente l’Introduzione e il Glossario). Per scongiurare spiacevoli inconvenienti in sede d’esame, è vivamente consigliato agli studenti non frequentanti di prendere contatto con i docenti prima di ini-ziare la preparazione dell’esame, presentandosi al ricevimento studenti o contattandoli via mail.

19/03/2018