Cerca insegnamenti o docenti



Manifesto degli studi

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MILANO
MANIFESTO DEGLI STUDI A.A.  2016/17
LAUREA MAGISTRALE IN
ARCHEOLOGIA (Classe LM-2)
Immatricolati dall'a.a. 2014/2015
 
GENERALITA'
Classe di laurea di appartenenza:LM-2  ARCHEOLOGIA
Titolo rilasciato:Dottore Magistrale
Durata del corso di studi:2 anni
Crediti richiesti per l'accesso:180
Cfu da acquisire totali:120
Annualità attivate:1° , 2°
Modalità accesso:Libero con valutazione dei requisiti di accesso
Codice corso di studi:C79
 
RIFERIMENTI
Presidente Collegio Didattico
Prof. Giorgio Zanchetti
Docenti tutor
Tutor: http://www.bac.unimi.it/ecm/home/didattica/materiale-scaricabile
Commissioni e orientamento
    http://www.bac.unimi.it/ecm/home/didattica/materiale-scaricabile/docenti-di-riferimento  
Dipartimento di Beni culturali e Ambientali
Via Festa del perdono, Via Noto 8     http://www.bac.unimi.it  
IMMATRICOLAZIONI E AMMISSIONI
    http://www.unimi.it/studenti/matricole/77648.htm  
Referenti del corso
Giorgio Zanchetti      
Sito web del corso di laurea
    http://www.bac.unimi.it  
 
CARATTERISTICHE DEL CORSO DI STUDI
Premessa
Il corso di laurea magistrale in Archeologia appartiene alla classe delle lauree magistrali in Archeologia - Classe LM-2 e si svolge nella Facoltà di Studi umanistici.
Obiettivi formativi generali e specifici
Il corso di laurea magistrale in Archeologia si pone l’obiettivo di portare i propri laureati ad acquisire una solida formazione culturale e sicure competenze in ambito professionale.
Abilità e competenze acquisite
I risultati di apprendimento attesi sono così formulabili :
- ampie e adeguate conoscenze di base dei principali campi di ricerca delle discipline archeologiche relative al mondo mediterraneo ed europeo, dalla preistoria alla protostoria, dall'etruscologia all'archeologia greca e romana e alla storia dell'arte antica;
- la familiarità nell’uso delle metodologie della ricerca per quanto riguarda le tecniche dello scavo archeologico, i metodi di classificazione tipo-cronologica delle diverse classi di manufatti, e l’analisi delle diverse fonti archeologiche; la capacità di applicare i principi della tutela, conservazione e valorizzazione del patrimonio archeologico;
- al termine degli studi il laureato deve possedere la capacità di operare sia in un cantiere di scavo archeologico sia in istituzioni di ricerca, di tutela e di valorizzazione dei beni archeologici;
- per facilitare inoltre la mobilità professionale e personale all’interno del mercato unico europeo e per favorire i contatti transculturali e la comprensione reciproca, gli studenti dovranno dimostrare la conoscenza di almeno una lingua straniera fra quelle dell’Unione Europea.

Il corso di laurea fornisce gli strumenti cognitivi indispensabili per l’aggiornamento continuo delle conoscenze dello specifico settore e quindi per poter proseguire in modo autonomo la propria formazione al fine di accedere a ulteriori livelli della ricerca scientifica.
Profilo professionale e sbocchi occupazionali
I laureati specialisti in Archeologia saranno in grado di operare con funzioni direttive in tutte quelle istituzioni, di ambito pubblico o privato, dedite ad attività di ricerca, tutela, conservazione e valorizzazione del patrimonio archeologico, quali, ad esempio, Soprintendenze, Musei, Centri di ricerca. Le conoscenze acquisite costituiranno inoltre il prerequisito d’accesso al dottorato di ricerca o a una scuola di specializzazione in Archeologia per completare la propria formazione ai fini dell’assunzione di più elevate responsabilità in campo universitario o in istituzioni specifiche come le Soprintendenze e i Musei archeologici.
Conoscenze per l'accesso
Sono ammessi al corso di laurea magistrale in Archeologia, previa verifica dei requisiti curriculari, i laureati nelle classi di laurea triennale in: Beni Culturali (L-1) e Lettere (L-10) che abbiano
acquisito almeno 60 crediti nei seguenti settori scientifico-disciplinari:
L-ANT/01 (Preistoria e Protostoria); L-ANT/02 (Storia greca); L-ANT/03 (Storia romana); LANT/04 (Numismatica); L-ANT/05 (Papirologia); L-ANT/06 (Etruscologia e archeologia italica); L-ANT 07 (Archeologia classica); L-ANT/08 (Archeologia cristiana e medievale); L-ANT/09 (Topografia antica); L-ANT/10 (Metodologie della ricerca archeologica); ); L-FIL-LET/01 (Civiltà egee); L-FIL-LET/02 (Letteratura greca); L-FIL-LET/04 (Letteratura latina); L-FIL-LET/07 (Civiltà bizantina); L-OR/01 (Storia del Vicino Oriente Antico); L-OR/02 (Egittologia e Civiltà copta); L-OR/03 (Assiriologia); L-OR/04 (Anatolistica); L-OR/05 (Archeologia e Storia dell’Arte del Vicino Oriente Antico); L-OR/06 (Archeologia fenicio-punica); M-DEA/01 (Discipline demoetnoantropologiche).

Sono, inoltre, ammessi, previa verifica dei requisiti curriculari, i laureati provenienti da altre classi di laurea triennale purché abbiano acquisito 90 crediti (di cui almeno 45 in discipline archeologiche) nei seguenti ambiti scientifico-disciplinari:
L-ANT/01 (Preistoria e Protostoria); L-ANT/02 (Storia greca); L-ANT/03 (Storia romana); LANT/04 (Numismatica); L-ANT/05 (Papirologia); L-ANT/06 (Etruscologia e archeologia italica); L-ANT 07 (Archeologia classica); L-ANT/08 (Archeologia cristiana e medievale); L-ANT/09 (Topografia antica); L-ANT/10 (Metodologie della ricerca archeologica); ); L-FIL-LET/01 (Civiltà egee); L-FIL-LET/02 (Letteratura greca); L-FIL-LET/04 (Letteratura latina); L-FIL-LET/07 (Civiltà bizantina); L-FIL-LET/10 (Letteratura italiana); L-ART/01 (Storia dell’Arte medievale); LOR/01 (Storia del Vicino Oriente Antico); L-OR/02 (Egittologia e Civiltà copta); L-OR/03
(Assiriologia); L-OR/04 (Anatolistica); L-OR/05 (Archeologia e Storia dell’Arte del Vicino Oriente Antico); L-OR/06 (Archeologia fenicio-punica); M-DEA/01 (Discipline demoetnoantropologiche; M-STO/01 (Storia medievale); M-STO/06 (Storia delle religioni); M-GGR/01 (Geografia).

Per accedere al corso di laurea magistrale in Archeologia, i laureati devono essere in grado di utilizzare fluentemente, in forma scritta e orale, almeno una lingua dell’Unione Europea oltre l’italiano, con riferimento anche ai lessici disciplinari.
La verifica dell’adeguatezza della preparazione personale dei candidati ai fini dell’ammissione al corso di laurea magistrale verrà svolta mediante colloqui individuali.
Per poter sostenere il colloquio previsto per la verifica del possesso dei requisiti d’accesso curriculari, il candidato dovrà presentare domanda nei tempi e con le modalità che saranno stabiliti e pubblicati sul portale web d’Ateneo (www.unimi.it) ogni anno all’apertura delle procedure di ammissione.
Struttura del corso
Gli insegnamenti ufficiali del Corso di Laurea magistrale in ARCHEOLOGIA definiti nell’ambito dei settori scientifico-disciplinari previsti dall’ordinamento didattico di riferimento possono essere attivati direttamente o mutuati dagli altri Corsi di Laurea e di Laurea magistrale della Facoltà e, ove necessario, dell’ateneo, nonché, sulla base di specifici accordi, di altri atenei.
Nessun insegnamento ufficiale può dar luogo all’acquisizione di meno di 6 crediti.
Caratteristiche della prova finale
Acquisiti, nel rispetto delle deliberazioni in vigore, i necessari 90 crediti formativi, lo studente è ammesso a sostenere la prova finale per il conseguimento del titolo, consistente nella presentazione e discussione di una tesi di laurea davanti alla Commissione giudicatrice.

Tenuto conto della rilevanza della tesi nel percorso della laurea magistrale, corrispondente all’acquisizione di 30 CFU, è opportuno che la scelta dell’argomento avvenga entro il primo anno e sia concordata con un docente del corso di laurea magistrale; tale docente fungerà da tutor dello studente e relatore nella prova finale.

La prova finale comporta la presentazione e discussione di un elaborato scritto, che dovrà consistere in una trattazione personale e originale di un tema di ricerca scientifica specifico attinente alle discipline delle attività formative.
 
 
ESPERIENZA DI STUDIO ALL'ESTERO NELL'AMBITO DEL PERCORSO FORMATIVO
L'Università degli Studi di Milano sostiene la mobilità internazionale dei propri iscritti, offrendo loro la possibilità di trascorrere periodi di studio e di tirocinio all'estero, occasione unica per arricchire il proprio curriculum formativo in un contesto internazionale.

A tal fine l'Ateneo aderisce al programma europeo Erasmus+ nell'ambito del quale ha stabilito accordi con oltre 300 Università in oltre 30 Paesi. Nell'ambito di tale programma, gli studenti possono frequentare una delle suddette Università al fine di svolgervi attività formative sostitutive di una parte del proprio piano di studi, comprese attività di tirocinio/stage presso imprese, centri di formazione e di ricerca o altre organizzazioni, o ancora per prepararvi la propria tesi di laurea.

L'Ateneo intrattiene inoltre rapporti di collaborazione con diverse altre prestigiose Istituzioni estere offrendo analoghe opportunità anche nell'ambito di corsi di studio di livello avanzato.
Cosa offre il corso di studi
Il corso di laurea in Scienze dei Beni Culturali e lauree magistrali afferenti dispone di uno specifico bando relativo al Programma Erasmus+ con offerte di programmi di studi in oltre venti sedi universitarie straniere europee, appartenenti alle seguenti aree linguistiche: francese, inglese, tedesco, spagnolo, portoghese cui si aggiungono paesi del nord e dell’est Europa con corsi attivati in lingua inglese. Con le università partner sono in vigore accordi di scambio relativi a tutte le aree disciplinari presenti nel piano di studi del corsi di laurea afferenti al collegio didattico. Le aree disciplinari disponibili sono: Archeologia, Storia dell’arte, Discipline dello spettacolo, Musica e Musicologia.
Per ogni area disciplinare e per ogni sede sono offerti agli studenti Erasmus outgoing soggiorni variabili da 3 a 10 mesi, durante i quali lo studente può seguire e sostenere esami che saranno riconosciuti come parte integrante del piano di studi per il conseguimento del titolo, unendo a tale tipo di attività la ricerca per la preparazione della tesi di laurea triennale o magistrale, e vedendola riconosciuta entro i crediti coperti dalla borsa del programma Erasmus.
Ogni anno tutte le attività didattiche previste dal programma vengono presentate agli studenti interessati dal referente Erasmus in un apposito incontro informativo; i dati e le informazioni didattiche necessarie alla presentazione del Learning Agreement sono inoltre raccolte in apposite schede informative pubblicate ogni anno sulla pagine Erasmus del sito del dipartimento.
Per gli studenti Erasmus incoming il corso di laurea garantisce la possibilità di frequentare tutte le lezioni dei corsi in lingua italiana: gli studenti che lo desiderino possono concordare con i singoli docenti un programma parzialmente o completamente in lingua inglese.
Inoltre, con molte università partner sono attivi anche scambi del personale docente, che prevedono soggiorni di visiting professor di nostri docenti all’estero e di colleghi stranieri presso la nostra istituzione all’interno dei corsi del dipartimento.
Modalità di partecipazione ai programmi di mobilità - mobilità Erasmus
Per poter accedere ai programmi di mobilità per studio, della durata di 3-12 mesi, gli studenti dell'Università degli Studi di Milano regolarmente iscritti devono partecipare a una procedura di selezione pubblica che prende avvio in genere intorno al mese di febbraio di ogni anno tramite l'indizione di appositi bandi, nei quali sono riportati le destinazioni, con la rispettiva durata della mobilità, i requisiti richiesti e i termini per la presentazione on-line della domanda.

La selezione, finalizzata a valutare la proposta di programma di studio all'estero del candidato, la conoscenza della lingua straniera, in particolare ove considerato requisito preferenziale, e le motivazioni alla base della candidatura, avviene ad opera di commissioni appositamente costituite.

Ogni anno, prima della scadenza dei bandi, l'Ateneo organizza degli incontri informativi per corso di studio o gruppi di corsi di studio, al fine di illustrare agli studenti le opportunità e le regole di partecipazione.

Per finanziare i soggiorni all'estero nell'ambito del programma Erasmus+, l'Unione Europea assegna ai vincitori una borsa di studio che - pur non coprendo l'intero costo del soggiorno - è un utile contributo per costi supplementari come spese di viaggio o maggiore costo della vita nel Paese di destinazione.
L'importo mensile della borsa di studio comunitaria è stabilito annualmente a livello nazionale; contributi aggiuntivi possono essere erogati a studenti disabili.

Per permettere anche a studenti in condizioni svantaggiate di partecipare al programma Erasmus+, l'Università degli Studi di Milano assegna ulteriori contributi integrativi, di importo e secondo criteri stabiliti di anno in anno.

L'Università degli Studi di Milano favorisce la preparazione linguistica degli studenti selezionati per i programmi di mobilità, organizzando ogni anno corsi intensivi nelle seguenti lingue: inglese, francese, tedesco e spagnolo.

L'Università per agevolare l¿organizzazione del soggiorno all'estero e orientare gli studenti nella scelta delle destinazioni offre un servizio di assistenza.

Maggiori informazioni sono disponibili alla pagina http://www.unimi.it/studenti/erasmus/70801.htm
www.unimi.it > Studenti > Studiare all'estero > Erasmus+

Per assistenza rivolgersi a:
Ufficio Accordi e relazioni internazionali
via Festa del Perdono 7 (piano terra)
Tel. 02 503 13501-12589-13495-13502
Fax 02 503 13503
Indirizzo di posta elettronica: mobility.out@unimi.it
Orario sportello: Lunedì-venerdì 9 - 12
 
MODALITA' DI ACCESSO: 1° ANNO LIBERO CON VALUTAZIONE DEI REQUISITI DI ACCESSO
Informazioni e modalità organizzative per immatricolazione
Per poter sostenere il colloquio previsto per la verifica del possesso dei requisiti d'accesso curriculari, il candidato dovrà presentare domanda nei tempi e con le modalità che saranno pubblicate successivamente
sul portale web d’Ateneo e sul sito web della Facoltà di Studi Umanistici.
Link utili per immatricolazione
http://www.unimi.it/studenti/segreterie/
Modalità della prova
Colloquio per verifica possesso requisiti accesso.
 
Altre attività a scelta
6 CFU in una delle seguenti discipline
Letteratura grecaL-FIL-LET/02
Letteratura latina - Laurea magistraleL-FIL-LET/04
6 CFU in una delle seguenti discipline
EgittologiaL-OR/02
Storia grecaL-ANT/02
Storia greca LML-ANT/02
Storia romana LML-ANT/03
42 CFU in cinque delle seguenti discipline (di cui 4 esami da 9 CFU e 1 da 6 CFU)
Archeologia della Magna GreciaL-ANT/07
Archeologia delle province romaneL-ANT/07
Archeologia dell'Italia preromanaL-ANT/06
Archeologia greca LML-ANT/07
Archeologia romana LML-ANT/07
EtruscologiaL-ANT/06
Metodologia della ricerca archeologica
(Solo se non già sostenuto nel triennio)
L-ANT/10
Preistoria
(Solo se non già sostenuto nel triennio)
L-ANT/01
6 CFU in una delle seguenti discipline
AntropologiaBIO/08
Metodi analitici per lo studio dei beni culturali
(Presso Metodi di analisi per i beni culturali)
FIS/07
18 CFU (9+9) in due delle seguenti discipline (se non già sostenute)
Archeologia della Magna GreciaL-ANT/07
Archeologia delle province romaneL-ANT/07
Letteratura grecaL-FIL-LET/02
Letteratura latina - Laurea magistraleL-FIL-LET/04
Numismatica anticaL-ANT/04
Urbanistica e topografia del mondo anticoL-ANT/09
Lo studente ha a disposizione 9 CFU da destinare ad altro insegnamento da lui liberamente scelto.
Inoltre, dovrà acquisire 3 CFU mediante tirocini o stage oppure con la frequenza di laboratori finalizzati a maturare specifiche competenze professionali in ambito archeologico.
Si consiglia lo studente di seguire i corsi delle Discipline archeologiche e sostenere i relativi esami a partire dal primo anno. Si consiglia inoltre di scegliere gli ulteriori esami e la loro sequenza in relazione all'argomento della tesi di laurea, da concordare con il relatore di norma entro il primo anno.
 
Attività conclusive
Prova finale30
 Totale CFU obbligatori 30