Cerca insegnamenti o docenti



Storia delle istituzioni militari - [A-Z]
History of military institutions - [A-Z]

Stampa pagina

LIVIO LICINIO ANTONIELLI , responsabile dell'insegnamento

CdL in SCIENZE STORICHE (Classe LM-84) Immatricolati dall'a.a. 2014/2015 - Laurea Magistrale - CURRICULUM STORICO - 2016/2017

Insegnamento obbligatorioNo
Anno di corso
Periodo di svolgimentosecondo semestre
Settori scientifico disciplinari
  • SPS/03 - Storia delle istituzioni politiche
Crediti (CFU) obbligatori9
Crediti (CFU) facoltativi-

Informazioni generali

Obiettivi dell'insegnamento: Il corso si propone di fare acquisire agli studenti la conoscenza della storia delle istituzioni militari tra V e XXI secolo e delle fonti e della storiografia ad esse relative.

Programma

Modalità di esame, prerequisiti, esami propedeutici

Esame in un'unica volta o suddiviso in partiunico
Modalità di accertamento conoscenzeEsame
Giudiziovoto verbalizzato in trentesimi

Prerequisiti e modalità di esame Orale: La prova orale consiste in un colloquio organizzato sulla base delle diverse unità didattiche, volto a verificare in primo luogo la capacità dello studente nell’orientarsi nella specificità delle istituzioni militari relative ai differenti contesti storici. Chi si presenta come frequentante dovrà rispondere a specifiche domande relative agli argomenti svolti durante il corso.

Organizzazione della didattica

Unita' didattica A

obbligatorio

Settori e relativi crediti

  • Settore:SPS/03 - Storia delle istituzioni politiche - Crediti: 3
Attività didattiche previste

Lezioni: 20 ore

Unita' didattica B

obbligatorio

Settori e relativi crediti

  • Settore:SPS/03 - Storia delle istituzioni politiche - Crediti: 3
Attività didattiche previste

Lezioni: 20 ore

Unita' didattica C

obbligatorio

Settori e relativi crediti

  • Settore:SPS/03 - Storia delle istituzioni politiche - Crediti: 3
Attività didattiche previste

Lezioni: 20 ore

Ricevimento docenti

Orario di ricevimento Docenti
DocenteOrario di ricevimentoLuogo di ricevimento
LIVIO LICINIO ANTONIELLI , responsabile dell'insegnamentomercoledi' dalle 9.15 alle 12Dipartimento di Studi storici, Settore B, II piano
PAOLO GRILLORicevimenti di luglio: giovedì 5 luglio, martedì 10 luglio e mercoledì 18 luglio, tutti 9.45-12.45.Settore B, secondo piano

Programma d'esame

Argomento del corso: Le istituzioni militari: un profilo di lungo periodo

L’insegnamento di Storia delle istituzioni militari è riservato agli iscritti al corso di laurea magistrale in Scienze storiche (6-9 crediti).
Il corso si propone di affrontare la storia delle istituzioni militari in modo ampio, sia tematicamente (dagli eserciti alle guerre e ai modi di combattere, dalle armi ai combattenti e all’impatto delle guerre sulla società), sia cronologicamente (dal medioevo all’età contemporanea).

L’articolazione del corso sarà in tre unità didattiche:
Unità didattica A: Uomini in guerra nel medioevo;
Unità didattica B: Uomini in guerra nell’età moderna;
Unità didattica C: Uomini in guerra nell’età contemporanea.

PROGRAMMA FREQUENTANTI
Chi sostiene l’esame per 9 crediti come frequentante dovrà scegliere tre volumi nell’elenco che segue, obbligatoriamente uno per unità didattica, in aggiunta alle lezioni del corso.
Chi sostiene l’esame per 6 crediti come frequentante dovrà scegliere, in aggiunta alle lezioni delle unità didattiche frequentate, due volumi, da individuarsi obbligatoriamente nell’ambito di queste stesse unità frequentate

UNITÀ DIDATTICA A
prof. Paolo Grillo
Testi a programma:
G. Breccia, I figli di Marte. L’arte della guerra nell’antica Roma, Milano, Mondadori 2012;
P. Grillo (a cura di), Cittadini in armi. Eserciti e guerre nell’Italia comunale, Soveria Mannelli, Rubbettino 2011;
H. Kennedy, Gli eserciti dei califfi. Militari e società nello Stato islamico delle origini, Gorizia, Libreria Editrice Goriziana, 2010;
Y. Le Bohec, Armi e guerrieri di Roma antica : da Diocleziano alla caduta dell'Impero, Roma, Carocci, 2008;
J.-C. Maire Vigueur, Cavalieri e cittadini. Guerre, conflitti e società nell'Italia comunale, Bologna, Il Mulino, 2004;
M. Mallet, Signori e mercenari. La guerra nell’Italia del Rinascimento, Bologna, Il Mulino, 1983.

UNITÀ DIDATTICA B
prof. Livio Antonielli
Testi a programma:
J.R. Hale, L'organizzazione militare di Venezia nel '500, Roma, Jouvence, 1990;
R. Baumann, I Lanzichenecchi. La loro storia e cultura dal tardo Medioevo alla guerra dei Trent'anni, Torino, Einaudi, 1996;
David Parrott, The Business of War: Military Enterprise and Military Revolution in Early Modern Europe, Cambridge, Cambridge University Press, 2012;
W. Barberis, Le armi del principe. La tradizione militare sabauda, Torino, Einaudi, 1988;
G. Brunelli, Soldati del papa. Politica militare e nobiltà nello Stato della Chiesa (1560-1644), Roma, Carocci, 2003;
D. Maffi, Il baluardo della Corona: guerra, esercito, finanze e società nella Lombardia seicentesca (1630-1660), Firenze, Le Monnier, 2007;
J. Glete, La guerra sul mare, 1500-1650, Bologna, Il Mulino, 2010;
M. Füssel, La Guerra dei Sette anni, Bologna, Il Mulino, 2013;
S. Loriga, Soldati. L’istituzione militare nel Piemonte del ‘700, Venezia, Marsilio, 1992;
A. Dattero, Soldati a Milano. Organizzazione militare e società lombarda nella prima dominazione austriaca, Franco Angeli, 2014
F. Della Peruta, Esercito e società nell'Italia napoleonica, Milano, Franco Angeli, 1988;
S. Levati, La "buona azienda negli eserciti prepara la vittoria e ... genera l'economia". Appalti, commissari e appaltatori nell'Italia napoleonica, Soveria Mannelli, Rubbettino, 2009.

UNITÀ DIDATTICA C
prof. Livio Antonielli
Testi a programma:
M. Isnenghi, G. Rochat, La Grande guerra 1914-1918, Bologna, Il Mulino, 2008;
P. Fussel, La Grande Guerra e la memoria moderna, Bologna, Il Mulino, 2005;
A. Guiso (a cura di), Il direttore e il generale. Carteggio Albertini-Cadorna(1915-1928), Milano, Fondazione Corriere della Sera, 2014;
N. Labanca, Il generale Cesare Ricotti e la politica militare italiana dal 1884 al 1887, Roma, Ufficio storico SME, 1986;
N. Labanca, Oltremare: storia dell’espansione coloniale italiana, Bologna, Il Mulino, 2002;
N. Labanca (a cura di), Dizionario storico della Prima Guerra Mondiale, Roma-Bari, Laterza, 2014;
G. Rochat, L’esercito italiano da Vittorio Veneto a Mussolini. 1919-1925, Roma-Bari, Laterza, 2006;
M. Di Giovanni, Scienza e potenza. Miti della guerra moderna. Istituzioni scientifiche e politica di massa nell’Italia fascista, 1935-1945, Torino, Zamorani, 2005;
G. Rochat, Le guerre italiane 1935-1943. Dall’impero d’Etiopia alla disfatta, Torino, Einaudi, 2005;
G. Oliva, Soldati e ufficiali. L’esercito italiano dal Risorgimento a oggi, Milano, Oscar Mondadori, 2011;
P. Ferrari, A. Massignani, 1914-1918 La guerra moderna. Con documenti inediti, Milano, Franco Angeli, 2014;
L. Ceva, Guerra mondiale. Strategie e industria bellica 1939-1945, Milano, Franco Angeli, 2000.

UNITÀ DIDATTICA D
Solo per non frequentanti

PROGRAMMA NON FREQUENTANTI
Chi sostiene l’esame per 9 crediti come non frequentante dovrà scegliere tre volumi nell’elenco che segue, obbligatoriamente uno per unità didattica. Dovrà inoltre preparare una quarta lettura, da individuarsi liberamente all'interno dei testi già indicati per le tre unità didattiche, oppure scegliendo uno dei volumi indicati nell’unità didattica D, “letture per non frequentanti”.
Chi sostiene l’esame per 6 crediti come non frequentante dovrà scegliere due volumi, individuati liberamente su due unità didattiche. Dovrà inoltre preparare una terza lettura, da individuarsi liberamente all'interno dei testi già indicati per le tre unità didattiche, oppure scegliendo uno dei volumi indicati nell’unità didattica D, “letture per non frequentanti”.

UNITÀ DIDATTICA A
Testi a programma:
G. Breccia, I figli di Marte. L’arte della guerra nell’antica Roma, Milano, Mondadori 2012;
P. Grillo (a cura di), Cittadini in armi. Eserciti e guerre nell’Italia comunale, Soveria Mannelli, Rubbettino 2011;
H. Kennedy, Gli eserciti dei califfi. Militari e società nello Stato islamico delle origini, Gorizia, Libreria Editrice Goriziana, 2010;
Y. Le Bohec, Armi e guerrieri di Roma antica : da Diocleziano alla caduta dell'Impero, Roma, Carocci, 2008;
J.-C. Maire Vigueur, Cavalieri e cittadini. Guerre, conflitti e società nell'Italia comunale, Bologna, Il Mulino, 2004;
M. Mallet, Signori e mercenari. La guerra nell’Italia del Rinascimento, Bologna, Il Mulino, 1983.

UNITÀ DIDATTICA B
Testi a programma:
J.R. Hale, L'organizzazione militare di Venezia nel '500, Roma, Jouvence, 1990;
R. Baumann, I Lanzichenecchi. La loro storia e cultura dal tardo Medioevo alla guerra dei Trent'anni, Torino, Einaudi, 1996;
David Parrott, The Business of War: Military Enterprise and Military Revolution in Early Modern Europe, Cambridge, Cambridge University Press, 2012;
W. Barberis, Le armi del principe. La tradizione militare sabauda, Torino, Einaudi, 1988;
G. Brunelli, Soldati del papa. Politica militare e nobiltà nello Stato della Chiesa (1560-1644), Roma, Carocci, 2003;
D. Maffi, Il baluardo della Corona: guerra, esercito, finanze e società nella Lombardia seicentesca (1630-1660), Firenze, Le Monnier, 2007;
J. Glete, La guerra sul mare, 1500-1650, Bologna, Il Mulino, 2010;
M. Füssel, La Guerra dei Sette anni, Bologna, Il Mulino, 2013;
S. Loriga, Soldati. L’istituzione militare nel Piemonte del ‘700, Venezia, Marsilio, 1992;
A. Dattero, Soldati a Milano. Organizzazione militare e società lombarda nella prima dominazione austriaca, Franco Angeli, 2014
F. Della Peruta, Esercito e società nell'Italia napoleonica, Milano, Franco Angeli, 1988;
S. Levati, La "buona azienda negli eserciti prepara la vittoria e ... genera l'economia". Appalti, commissari e appaltatori nell'Italia napoleonica, Soveria Mannelli, Rubbettino, 2009.

UNITÀ DIDATTICA C
Testi a programma:
M. Isnenghi, G. Rochat, La Grande guerra 1914-1918, Bologna, Il Mulino, 2008;
P. Fussel, La Grande Guerra e la memoria moderna, Bologna, Il Mulino, 2005;
A. Guiso (a cura di), Il direttore e il generale. Carteggio Albertini-Cadorna(1915-1928), Milano, Fondazione Corriere della Sera, 2014;
N. Labanca, Il generale Cesare Ricotti e la politica militare italiana dal 1884 al 1887, Roma, Ufficio storico SME, 1986;
N. Labanca, Oltremare: storia dell’espansione coloniale italiana, Bologna, Il Mulino, 2002;
N. Labanca (a cura di), Dizionario storico della Prima Guerra Mondiale, Roma-Bari, Laterza, 2014;
G. Rochat, L’esercito italiano da Vittorio Veneto a Mussolini. 1919-1925, Roma-Bari, Laterza, 2006;
M. Di Giovanni, Scienza e potenza. Miti della guerra moderna. Istituzioni scientifiche e politica di massa nell’Italia fascista, 1935-1945, Torino, Zamorani, 2005;
G. Rochat, Le guerre italiane 1935-1943. Dall’impero d’Etiopia alla disfatta, Torino, Einaudi, 2005;
G. Oliva, Soldati e ufficiali. L’esercito italiano dal Risorgimento a oggi, Milano, Oscar Mondadori, 2011;
P. Ferrari, A. Massignani, 1914-1918 La guerra moderna. Con documenti inediti, Milano, Franco Angeli, 2014;
L. Ceva, Guerra mondiale. Strategie e industria bellica 1939-1945, Milano, Franco Angeli, 2000.

UNITÀ DIDATTICA D
Testi per “non frequentanti”:
P. Del Negro, Guerra ed eserciti da Machiavelli a Napoleone, Roma-Bari, Laterza, 2001;
G. Parker, La rivoluzione militare. Le innovazioni militari e il sorgere dell'Occidente, Bologna, Il Mulino, 1999.

05/10/2016