Cerca insegnamenti o docenti



Letteratura italiana otto-novecentesca - (Laurea triennale, 12 CFU)
19th and 20th century Italian literature - [A-Z]

Stampa pagina

BRUNO FALCETTO , responsabile dell'insegnamento

CdL in LINGUE E LETTERATURE EUROPEE ED EXTRAEUROPEE (Classe LM-37) Immatricolati dall'a.a. 2011/2012 - Laurea Magistrale - 2016/2017

Insegnamento obbligatorioNo
Anno di corso
Periodo di svolgimentoprimo semestre
Settori scientifico disciplinari
  • L-FIL-LET/11 - Letteratura italiana contemporanea
Crediti (CFU) obbligatori6
Crediti (CFU) facoltativi6

Informazioni generali

Obiettivi dell'insegnamento: Conoscenze: a) linee essenziali della formazione del sistema letterario moderno borghese e delle principali fasi di sviluppo: tendenze culturali, movimenti e poetiche; articolazione per generi e stili; conoscenza analitica di alcune opere significative della tradizione letteraria italiana dall'Unità ai giorni nostri. b) aspetti essenziali delle dinamiche relazionali proprie dell'esperienza letteraria nella modernità: modi e forme della lettura letteraria; patto narrativo; funzioni della mediazione editoriale.
Capacità: a) capacità di analizzare i singoli testi riconoscendovi i caratteri di un'individualità autoriale e i modi del dialogo con il pubblico elettivo: modalità di costruzione dei patti di lettura, ruolo dei paratesti, strutture discorsive; coordinate spazio-temporali; tecniche di rappresentazione; dispositivi ritmico-metrici; b) capacità di delineare con chiarezza la fisionomia del sistema dei generi proprio dell'orizzonte letterario moderno borghese e dei suoi principali processi di trasformazione; di collocare, con le motivazioni appropriate, le singole opere nel sistema letterario otto-novecentesco, nelle sue diverse fasi di sviluppo; di descrivere, con coerenza di metodo, le zone paratestuali e illustrarne la rilevanza per l'interpretazione e valutazione di affidabilità dei testi; c) abilità nello studio analitico delle opere, in un confronto appropriato con le differenti interpretazioni critiche, e nella costruzione di un semplice percorso di ricerca bibliografica.

Programma

Modalità di esame, prerequisiti, esami propedeutici

Esame in un'unica volta o suddiviso in partiunico
Modalità di accertamento conoscenzeEsame
Giudiziovoto verbalizzato in trentesimi

Prerequisiti e modalità di esame Orale. La prova orale consiste in un colloquio sugli argomenti trattati a lezione e sui testi indicati nel programma, volto ad accertare l’acquisizione degli strumenti metodologici per la comprensione del sistema letterario della modernità e a verificare la padronanza delle competenze di analisi testuale e interpretazione storico-critica delle opere prese in esame, secondo le indicazioni esplicitate sopra nei risultati di apprendimento.

Organizzazione della didattica

Unita' didattica A

obbligatorio

Settori e relativi crediti

  • Settore:L-FIL-LET/11 - Letteratura italiana contemporanea - Crediti: 3
Attività didattiche previste

Lezioni: 20 ore

Unita' didattica B

obbligatorio

Settori e relativi crediti

  • Settore:L-FIL-LET/11 - Letteratura italiana contemporanea - Crediti: 3
Attività didattiche previste

Lezioni: 20 ore

Unita' didattica C

facoltativo

Settori e relativi crediti

  • Settore:L-FIL-LET/11 - Letteratura italiana contemporanea - Crediti: 3
Attività didattiche previste

Lezioni: 20 ore

Unita' didattica D

facoltativo

Settori e relativi crediti

  • Settore:L-FIL-LET/11 - Letteratura italiana contemporanea - Crediti: 3

Esercitazioni di scrittura critica per l'elaborato finale

Docenti
Attività didattiche previste

Lezioni: 20 ore

Ricevimento docenti

Orario di ricevimento Docenti
DocenteOrario di ricevimentoLuogo di ricevimento
BRUNO FALCETTO , responsabile dell'insegnamentomartedì, 16.30-19.30. AVVISI: Dato l'impegno del docente nell'incontro per il Progetto Auschwitz, il ricevimento di martedì 16.1 non si terrà.Dipartimento di Studi letterari, filologici e linguistici (primo piano).

Programma d'esame

Argomento del corso: Avventure della visione. La rappresentazione dello spazio in “Il barone rampante” di Italo Calvino (12 cfu, 80 ore)

Unità didattica A (20 ore, 3 cfu): Il sistema letterario della modernità (prof. B. Falcetto)
Unità didattica B (20 ore, 3 cfu): Generi e stili del realismo letterario novecentesco (prof. B. Falcetto)
Unità didattica C (20 ore, 3 cfu): Avventure della visione. La rappresentazione dello spazio in “Il barone rampante” di Italo Calvino
Unità didattica D (20 ore + 14 ore di esercitazione in aula, 3 cfu): L’elaborato finale in Letteratura italiana contemporanea: questioni critiche e avviamento alla scrittura

L’insegnamento triennale di Letteratura italiana otto-novecentesca, corso avanzato di Letteratura italiana contemporanea (L-Fil-Let/11), è rivolto agli studenti del corso di Laurea in Lettere, orientamento moderno. Gli studenti che devono sostenere l’esame per 6 cfu prepareranno l’unità didattica C e una a scelta fra l’unità didattica A e B; gli studenti che devono sostenere l’esame per 12 cfu prepareranno tutte e quattro le unità didattiche.

Presentazione del corso
L’insegnamento triennale di Letteratura italiana otto-novecentesca si propone di delineare il sistema letterario della modernità, nelle sue coordinate storiche, dall’Unità fino ai giorni nostri, e nelle sue diverse articolazioni istituzionali. La prospettiva critica privilegia l’analisi dei testi di autori contemporanei, in connessione con le scelte di genere e di stile, al fine di illustrare le dinamiche culturali e le relazioni funzionali che ogni opera instaura fra attività di scrittura e pratiche di lettura. Lo studio delle strutture rappresentative del romanzo, genere chiave del nuovo sistema letterario moderno-borghese, avviato nella prima unità didattica prosegue nella seconda attraverso l’esame di alcune forme del realismo romanzesco italiano nella prima metà del Novecento, con sintetiche esemplificazioni testuali.
Nell’unità didattica C l’attenzione si indirizza su una singola figura d’autore per offrire una lettura analitica e problematica di uno dei suoi scritti più significativi. Il barone rampante è un'opera mista, difficile da incasellare in un genere preciso (in parte romanzo d'educazione, in parte romanzo storico, in parte romanzo fi¬losofico), esempio di quella ricerca di una forma moderna e originale di rac¬conto che Calvino ha condotto facendo interagire modelli letterari diversi e sostanzialmente estranei o periferici alla grande tradizione del romanzo realista ottocentesco (il romanzo picaresco o d'avventure, la fiaba, il conte philosophique illuminista, la tradizione no¬vellistica). Al centro dell’invenzione letteraria del Barone rampante si colloca la scelta di dare – come segno chiave nel definirsi di un destino umano – un inedito risalto in chiave di costruzione e sviluppo narrativo agli atti, conoscitivi ed etici, del vedere e dello stare, ai modi della nostra visione e della nostra “posizione” nel mondo.
L’unità didattica D è una novità introdotta per la prima volta nello scorso anno accademico, nel quadro di una sperimentazione avviata dal corso di laurea per offrire agli studenti nuovi strumenti per potenziare le abilità di scrittura. L’unità prevede un numero più alto di ore di frequenza: 20 ore in aula tenute dal docente e 14 ore in aula in cui un secondo docente, conduttore delle esercitazioni, guiderà gli studenti alla composizione di un elaborato di 7/8 cartelle; dopo la consegna dell’elaborato, gli studenti saranno chiamati a incontri di restituzione e commento del lavoro svolto. La frequenza è obbligatoria ed è necessario iscriversi entro la prima settimana del corso; la valutazione viene formulata sull’elaborato critico realizzato dagli studenti (il calendario delle esercitazioni verrà reso noto entro l’inizio di ottobre).

Risultati di apprendimento
Conoscenze: a) linee essenziali della formazione del sistema letterario moderno borghese e delle principali fasi di sviluppo: tendenze culturali, movimenti e poetiche; articolazione per generi e stili; conoscenza analitica di alcune opere significative della tradizione letteraria italiana dall’Unità ai giorni nostri. b) aspetti essenziali delle dinamiche relazionali proprie dell’esperienza letteraria nella modernità: modi e forme della lettura letteraria; patto narrativo; funzioni della mediazione editoriale. Capacità: a) capacità di analizzare i singoli testi riconoscendovi i caratteri di un’individualità autoriale e i modi del dialogo con il pubblico elettivo: modalità di costruzione dei patti di lettura, ruolo dei paratesti, strutture discorsive; coordinate spazio-temporali; tecniche di rappresentazione; dispositivi ritmico-metrici; b) capacità di delineare con chiarezza la fisionomia del sistema dei generi proprio dell’orizzonte letterario moderno borghese e dei suoi principali processi di trasformazione; di collocare, con le motivazioni appropriate, le singole opere nel sistema letterario otto-novecentesco, nelle sue diverse fasi di sviluppo; di descrivere, con coerenza di metodo, le zone paratestuali e illustrarne la rilevanza per l’interpretazione e valutazione di affidabilità dei testi; c) abilità nello studio analitico delle opere, in un confronto appropriato con le differenti interpretazioni critiche, e nella costruzione di un semplice percorso di ricerca bibliografica.

Indicazioni bibliografiche
Unità didattica A
Testi:
1. V. Spinazzola, I diritti del lettore e La funzione dell’editore (la prima sezione per intero, della seconda solo i saggi: Editoria e società, Modernità letteraria e funzionalismo storico, Letteratura moderna e imprenditoria libraria) in Id., La modernità letteraria, Milano, NET
2. U. Schulz-Buschhaus, Il sistema letterario nella civiltà borghese (capp. I-V, pp. 11-65), Milano, Unicopli, 1999
3. M. Bachtin, Epos e romanzo, in Estetica e romanzo, a c. di C. Strada Janovic, Torino, Einaudi, pp. 445-482 oppure G. Mazzoni, La nascita del romanzo moderno, in Teoria del romanzo, il Mulino, Bologna 2011, pp. 195-246
Programma per studenti non frequentanti
Gli studenti che non possono frequentare le lezioni dovranno così integrare i testi indicati nel programma per i frequentanti: G. Rosa, Il patto narrativo, in Id., Il patto narrativo. La fondazione della civiltà romanzesca in Italia, Milano, il Saggiatore, FAAM (pp. 9-48), oppure F. Brioschi, Assiologie della modernità in Critica della ragion poetica, Torino, Bollati Boringhieri, pp. 21-39

Unità didattica B Studi critici:
1. V. Spinazzola, Il realismo dei lettori, in La democrazia letteraria. Saggi sul rapporto fra scrittore e lettori, Milano, Edizioni di Comunità, pp. 111-137
2. E. Auerbach, Il calzerotto marrone, in Mimesis. Il realismo nella letteratura occidentale, Einaudi, pp. 305-338, e G. Debenedetti, Personaggi e destino, pp. 900-921; oppure G. Mazzoni, La transizione al modernismo, in Teoria del romanzo, il Mulino, Bologna 2011, pp. 291-354
Testi: La lettura di una delle seguenti opere, accompagnata dal saggio critico indicato:
A. Moravia, Gli indifferenti, Milano, Bompiani, Tascabili (M. Mascia Galateria, Come leggere gli “Indifferenti” di Alberto
Moravia, Milano, Mursia, 1975)
C. Alvaro, Gente in Aspromonte (G. Rando, Alvaro fra mito e “modernità”. L’elaborazione di “Gente in Aspromonte”, in La bussola del realismo. Verga, Alvaro, Moravia, Roma, Bulzoni, 1992, pp. 165202)
I. Silone, Fontamara, Milano, Mondadori Oscar (G. Baldi, “Fontamara”: ottica dal basso, straniamento e comico antifrastico, in Id. Eroi intellettuali e classi popolari nella letteratura italiana del Novecento, Napoli, Liguori, 2005, pp. 255-276)
C. Bernari, Tre operai, Milano, Mondadori Oscar (F. Bernardini Napolitano, Introduzione, in Tre operai, op. cit., pp. V-XLII)
G. Piovene, Lettere di una novizia, Milano, Bompiani Tascabili (G. Barberi Squarotti, L’intrico delle finzioni: “Lettere di una novizia”, in Guido Piovene tra idoli e ragione, a c. di S. Strazzabosco, Venezia, Marsilio, 1996, pp. 23-42)
V. Brancati, Don Giovanni in Sicilia, Bompiani (F. Spera, Le storie di malumore, in Vitaliano Brancati, Milano, Mursia, 1981, pp. 91-109)
E. Lussu, Un anno sull’altipiano, Torino, Einaudi (G. Falaschi, “Un anno sull’altipiano” di E. L., in
Letteratura italiana. Le Opere, dir. A. Asor Rosa, vol. IV, Il Novecento, to. II, Torino, Einaudi, 1996, pp. 167-199)
E. Vittorini, Uomini e no, Milano, Mondadori Oscar (V. Spinazzola, “Uomini e no” ovvero amore e resistenza, in La modernità letteraria, Milano, il Saggiatore – FAAM, 2001, pp. 293-312)
B. Fenoglio, La malora, Torino, Einaudi, 2006 (N. Palmieri, Avventure di un narratore. “La malora”, in Beppe Fenoglio. La scrittura e il corpo, Firenze, Le Lettere, 2012, pp. 45-70).
V. Pratolini, Metello, Mondadori Oscar (B. Falcetto, Gli spazi di Metello, in Studi sulla letteratura italiana della modernità. Per Angelo Pupino, vol. 2, Dal secondo Novecento ai giorni nostri, a c. di Elena Candela, Liguori, Napoli 2009, pp. 185-195)
Programma per studenti non frequentanti
Gli studenti che non possono frequentare le lezioni dovranno così integrare i testi indicati nel programma per i frequentanti: B. Falcetto, Neorealismi scritti, in Neorealismo. La nuova immagine in Italia 1932-1960, a cura di Enrica Viganò, Milano, Admira, 2006, pp. 41-51 (il testo sarà disponibile sul sito Ariel dell’insegnamento).

Unità didattica C
Testi: I. Calvino, Il barone rampante. Edizione consigliate: 1) in I. Calvino, Romanzi e racconti, edizione diretta da Claudio Milanini, a c. di Mario Barenghi e Bruno Falcetto, vol. I, Milano, Mondadori, 1991 (con la sezione specifica delle Note e notizie sui te¬sti); 2) a c. e con introduzione di C. Milanini, Einaudi Scuola, 2000.
Studi critici:
C. Milanini, Le metafore dei Nostri antenati, in C. Milanini, L’utopia discontinua. Saggio su I. Calvino, Milano, Garzanti, 1990, pp. 38-66; F. Serra, La trilogia degli antenati, in F. Serra, Calvino, Salerno, Roma, 2006, pp. 156-195. Crono¬logia (a c. di M. Barenghi e B. Falcetto), in Romanzi e racconti, vol. 1, cit. Una serie di recensioni e saggi su Il barone rampante sarà disponibile prima dell’avvio dell’u.d. C sul sito Ariel della disciplina.
Programma per studenti non frequentanti
Gli studenti che non possono frequentare le lezioni dovranno così integrare i testi indicati nel programma per i frequentanti: M. Barenghi, Calvino, il Mulino, Bologna, 2009, oppure Domenico Scarpa, Italo Calvino, Milano, Bruno Mondadori, 1999.

Unità didattica D (20 ore + 14 ore di esercitazione in aula, 3 cfu): L’elaborato finale in Letteratura italiana contemporanea: questioni critiche e avviamento alla scrittura
Le indicazione bibliografiche saranno disponibili prima dell’inizio del corso sul sito Ariel dell’insegnamento.
Programma per studenti non frequentanti
L’unità didattica è a frequenza obbligatoria.

05/08/2016