Cerca insegnamenti o docenti



Lingue e letterature neolatine comparate - [A-Z]
Comparative romance languages and literatures - [A-Z]

Stampa pagina

ALFONSO D'AGOSTINO , responsabile dell'insegnamento

CdL in LINGUE E LETTERATURE EUROPEE ED EXTRAEUROPEE (Classe LM-37) Immatricolati dall'a.a. 2011/2012 - Laurea Magistrale - 2016/2017

Insegnamento obbligatorioNo
Anno di corso
Periodo di svolgimentosecondo semestre
Settori scientifico disciplinari
  • L-FIL-LET/09 - Filologia e linguistica romanza
Crediti (CFU) obbligatori6
Crediti (CFU) facoltativi3

Informazioni generali

Obiettivi dell'insegnamento: Conoscenze: Scopo del corso, da considerarsi equivalente a una Filologia romanza di livello magistrale, è di far acquisire allo studente delle conoscenze approfondite delle questioni inerenti ai generi, i periodi, le poetiche, gli autori e le opere della letteratura romanza medievale, vista soprattutto in prospettiva comparata, nonché delle grammatiche storiche delle lingue romanze. Altre conoscenze: approfondimento delle questioni di filologia testuale, con esame di testi di varia natura ecdotica e messa in pratica delle conoscenze teoriche; conoscenza approfondita degli strumenti e delle metodologie critiche per analizzare e interpretare i testi; conoscenza dei lineamenti di storia della critica relativa al periodo studiato, con evidenziazione di temi e problemi fondamentali, anche alla luce delle tendenze più aggiornate degli studi scientifici; conoscenza dei metodi di ricerca bibliografica.
Capacità: Alla fine del corso lo studente avrà acquisito le seguenti competenze: 1) comprensione e analisi puntuale del testo letterario, ivi compresa la capacità di tradurre in modo pieno e sicuro (se in lingua diversa dall'italiano) o parafrasare (se in italiano antico) e commentare linguisticamente i testi oggetto di studio, senza l'ausilio di appunti, sullo sfondo del contesto storico-culturale, utilizzando la letteratura critica e sviluppando capacità di selezione, confronto e giudizio autonomi; 2) individuazione e discussione dei problemi interpretativi, con consapevolezza delle diverse prospettive metodologiche, nonché dei problemi filologico-testuali delle opere studiate; 3) allestimento di una bibliografia scientifica, impostazione di un lavoro di ricerca; 4) capacità di esprimersi con chiarezza e rigore, impiegando il linguaggio specifico della disciplina.

Programma

Modalità di esame, prerequisiti, esami propedeutici

Esame in un'unica volta o suddiviso in partiunico
Modalità di accertamento conoscenzeEsame
Giudiziovoto verbalizzato in trentesimi

Prerequisiti e modalità di esame Orale: la prova è un colloquio sugli argomenti del programma, volto ad accertare le conoscenze e le abilità specificate nella Presentazione del corso. In particolare, saranno verificate la formazione e la preparazione degli studenti, la loro attitudine critica, la capacità di mettere a frutto le conoscenze specifiche acquisite in sinergia con la propria “enciclopedia” e quindi anche la capacità di ragionare in modo autonomo. Il prof. D’Agostino suole proporre, mediamente, due temi per ogni modulo: uno a scelta del candidato e un altro a scelta sua.

Organizzazione della didattica

Settori e relativi crediti

  • Settore:L-FIL-LET/09 - Filologia e linguistica romanza - Crediti: 9
Attività didattiche previste

Lezioni: 60 ore

Unita' didattica A

obbligatorio

Settori e relativi crediti

  • Settore:L-FIL-LET/09 - Filologia e linguistica romanza - Crediti: 3
Attività didattiche previste

Lezioni: 20 ore

Unita' didattica B

obbligatorio

Settori e relativi crediti

  • Settore:L-FIL-LET/09 - Filologia e linguistica romanza - Crediti: 3
Attività didattiche previste

Lezioni: 20 ore

Unita' didattica C

facoltativo

Settori e relativi crediti

  • Settore:L-FIL-LET/09 - Filologia e linguistica romanza - Crediti: 3
Attività didattiche previste

Lezioni: 20 ore

Ricevimento docenti

Orario di ricevimento Docenti
DocenteOrario di ricevimentoLuogo di ricevimento
ALFONSO D'AGOSTINO , responsabile dell'insegnamentoLunedì e martedí, ore 11-12,30 nella Direzione del Dipartimento. Lunedí 9 luglio 2018 il ricevimento è sospeso.Direzione del Dipartimento di Studi letterari, filologici e linguistici: settore aule, 4º piano.

Programma d'esame

Argomento del corso: La narrativa breve in prospettiva romanza (60 ore; 9 cfu)

Unità didattica A (20 ore, 3 cfu): Narrativa breve medievale e letteratura comparata
Unità didattica B (20 ore, 3 cfu): El Conde Lucanor di Juan Manuel
Unità didattica C (20 ore, 3 cfu): Approfondimenti linguistici ed ecdotici

Il corso è rivolto agli studenti del corso di laurea magistrale in “Lettere moderne” (Classe LM-14) e conferisce 9 cfu; lo studente che volesse sostenerlo per 6 cfu preparerà due moduli a scelta. Il corso è altresì rivolto agli studenti del corso di “Lingue e Letterature europee ed extraeuropee” (Classe LM-37) e del corso di “Filologia, letterature e storia dell’antichità” (Classe LM-15).

Presentazione del corso
Il corso intende presentare i problemi della narrativa breve medievale in prospettiva comparata, non solo fra le singole tradizioni romanze e fra queste e la tradizione mediolatina, ma anche fra letteratura e folclore (modulo A). Il Conde Lucanor di Juan Manuel (spagnolo, prima metà del sec. XIV), capolavoro con echi nelle esperienze letterarie più disparate (Cervantes, Shakespeare, Andersen ecc.), è anche uno dei testi che meglio si prestano a considerazioni di vario tipo: rapporto (non necessariamente genetico) con i precedenti mediolatini, romanzi e semitici e con la tradizione orale. Notevole anche l’originale posizione del libro nella complessa vicenda che porta alla formazione della novella moderna (modulo B). Il modulo C approfondirà questioni di grammatica storica spagnola e di filologia testuale, con speciale riferimento al Conde Lucanor, del quale si ripropone una revisione critica parziale, basata sulla lettura dei manoscritti e della princeps.

Risultati di apprendimento
Conoscenze: scopo del corso, da considerarsi equivalente a una Filologia romanza di livello magistrale, è di far acquisire allo studente delle conoscenze approfondite delle questioni inerenti ai generi, i periodi, le poetiche, gli autori e le opere della letteratura romanza medievale, vista soprattutto in prospettiva comparata, nonché delle grammatiche storiche delle lingue romanze. Altre conoscenze: approfondimento delle questioni di filologia testuale, con esame di testi di varia natura ecdotica e messa in pratica delle conoscenze teoriche; conoscenza approfondita degli strumenti e delle metodologie critiche per analizzare e interpretare i testi; conoscenza dei lineamenti di storia della critica relativa al periodo studiato, con evidenziazione di temi e problemi fondamentali, anche alla luce delle tendenze più aggiornate degli studi scientifici; conoscenza dei metodi di ricerca bibliografica
Capacità: alla fine del corso lo studente avrà acquisito le seguenti competenze: 1) comprensione e analisi puntuale del testo letterario, ivi compresa la capacità di tradurre in modo pieno e sicuro (se in lingua diversa dall'italiano) o parafrasare (se in italiano antico) e commentare linguisticamente i testi oggetto di studio, senza l'ausilio di appunti, sullo sfondo del contesto storico-culturale, utilizzando la letteratura critica e sviluppando capacità di selezione, confronto e giudizio autonomi; 2) individuazione e discussione dei problemi interpretativi, con consapevolezza delle diverse prospettive metodologiche, nonché dei problemi filologico-testuali delle opere studiate; 3) allestimento di una bibliografia scientifica, impostazione di un lavoro di ricerca; 4) capacità di esprimersi con chiarezza e rigore, impiegando il linguaggio specifico della disciplina.

Indicazioni bibliografiche

Unità didattica A
 Giovanni Caravaggi − Alfonso D’Agostino, Antologia della letteratura spagnola, vol. I. Dalle Origini al Quattrocento, Milano, LED, 1996; il cap. XII (Prosa narrativa), da pp. 216 a p. 237 (Calila e Dimna, Sendebar, Barlaam y Josafat, La Gran Conquista de Ultramar, Libro del Caballero Zifar, Libro de los gatos).
 Michelangelo Picone, Il racconto, in La letteratura romanza medievale, a c. di Costanzo Di Girolamo, Bologna, il Mulino, 1994, pp. 193-247.
Altra bibliografia potrà essere indicata in seguito.
Programma per studenti non frequentanti
Testo:
 Giovanni Caravaggi − Alfonso D’Agostino, Antologia della letteratura spagnola, vol. I. Dalle Origini al Quattrocento, Milano, LED, 1996; il cap. XII (Prosa narrativa), da pp. 216 a p. 237 (Calila e Dimna, Sendebar, Barlaam y Josafat, La Gran Conquista de Ultramar, Libro del Caballero Zifar, Libro de los gatos).
Bibliografia critica:
 Michelangelo Picone, Il racconto, in La letteratura romanza medievale, a c. di Costanzo Di Girolamo, Bologna, il Mulino, 1994, pp. 193-247.
Inoltre:
 Giovanni Caravaggi − Alfonso D’Agostino, Antologia della letteratura spagnola, vol. I. Dalle Origini al Quattrocento, Milano, LED,1996 i seguenti testi: Gonzalo de Berceo, El clérigo ignorante, pp. 96-103; Juan Ruiz, Libro de buen amor, pp. 111-27; Vida de Santa María Egipcíaca, pp, 146-50.
Altra bibliografia potrà essere indicata in seguito.
Nota: Per la Bibliografia definitiva del corso gli studenti non frequentanti devono contattare il docente

Unità didattica B
Testo:
 Juan Manuel, El Conde Lucanor. Scelta, introduzione, revisione filologica e note di Alfonso D’Agostino, Milano, Ledizioni, 2016 (in preparazione).
Bibliografia critica:
 Salvatore Luongo, «En manera de un grand señor que fablava con un su consejero»: Il «Conde Lucanor» di Juan Manuel, Napoli, Liguori, 2006.
Altra bibliografia potrà essere indicata in seguito.
Programma per studenti non frequentanti
Testo:
 Juan Manuel, El Conde Lucanor. Scelta, introduzione, revisione filologica e note di Alfonso D’Agostino, Milano, Ledizioni, 2016 (in preparazione).
Bibliografia critica:
 Salvatore Luongo, «En manera de un grand señor que fablava con un su consejero»: Il «Conde Lucanor» di Juan Manuel, Napoli, Liguori, 2006.
Inoltre lo studente dovrà aggiungere altri dieci racconti del Conde Lucanor, servendosi dell’edizione seguente: Don Juan Manuel, El Conde Lucanor, ed. Guillermo Serés, Barcelona, Crítica, 1994 e della traduzione seguente: Don Juan Manuel, Le novelle del “Conde Lucanor”, a c. di Aldo Ruffinatto, trad. di Sandro Orlando, Milano, Bompiani,1985.
Altra bibliografia potrà essere indicata in seguito.
Nota: Per la Bibliografia definitiva del corso gli studenti non frequentanti devono contattare il docente

Unità didattica C
 Alfonso D’Agostino, Lo spagnolo antico. Sintesi storico-descrittiva, Milano, LED, 2001.
Altra bibliografia potrà essere indicata in seguito.
Programma per studenti non frequentanti
 Alfonso D’Agostino, Lo spagnolo antico. Sintesi storico-descrittiva, Milano, LED, 2001.
 Alfonso D’Agostino, Antiquiores non deteriores, in Meminisse iuvat. Studi in memoria di Violetta de Angelis, Pisa, Edizioni ETS, 2012, pp. 323-41.
Altra bibliografia potrà essere indicata in seguito.
Nota: Per la Bibliografia definitiva del corso gli studenti non frequentanti devono contattare il docente

02/08/2016