Cerca insegnamenti o docenti



Glottologia - [A-Z]
Comparative philology - [A-Z]

Stampa pagina

MARIA PATRIZIA BOLOGNA , responsabile dell'insegnamento

CdL in SCIENZE FILOSOFICHE (Classe LM-78) . - Laurea Magistrale - 2016/2017

Insegnamento obbligatorioNo
Anno di corso
Periodo di svolgimentoprimo semestre
Settori scientifico disciplinari
  • L-LIN/01 - Glottologia e linguistica
Crediti (CFU) obbligatori6
Crediti (CFU) facoltativi3

Informazioni generali

Obiettivi dell'insegnamento: Al termine del corso lo studente dovrebbe avere acquisito le seguenti conoscenze e capacità:
Conoscenze: conoscenza dei principali orientamenti nella storia del pensiero linguistico e della scienza linguistica nelle culture occidentali, conoscenza delle proprietà delle lingue storico-naturali con particolare riferimento alla dimensione funzionale e alla dimensione storica; consapevolezza del rapporto che unisce la riflessione generale sulla lingua e l'indagine empirica dei singoli fatti linguistici; conoscenza della terminologia tecnica specifica della disciplina con riferimento agli ambiti e ai settori presi in esame; conoscenza dei confini entro cui si collocano procedimenti euristici quali la comparazione, la ricostruzione e l'etimologia; conoscenza di strumenti bibliografici essenziali.
Capacità: capacità di distinguere il dato fonetico da quello grafico, particolarmente nel caso dell'analisi di forme linguistiche antiche; capacità di riconoscere e analizzare specifici fatti sincronici e diacronici di lingue antiche e moderne applicando regole e categorie elaborate dalla riflessione linguistica generale; capacità di distinguere l'osservazione e descrizione dei dati empirici dalla loro interpretazione; capacità di utilizzare la terminologia metalinguistica appropriata nella descrizione dei fenomeni; capacità di applicare il metodo storico-comparativo nel confronto di forme di lingue indoeuropee antiche e nell'indagine etimologica.

Programma

Modalità di esame, prerequisiti, esami propedeutici

Esame in un'unica volta o suddiviso in partiunico
Modalità di accertamento conoscenzeEsame
Giudiziovoto verbalizzato in trentesimi

Prerequisiti e modalità di esame Orale: la prova orale consiste in un colloquio sugli argomenti del programma, volto ad accertare le conoscenze dello studente inerenti ai temi trattati nelle singole unità didattiche e ai contenuti presenti nei testi di riferimento indicati nel programma. Oltre alla conoscenza puntuale dei contenuti proposti, lo studente deve dimostrare di sapere applicare le conoscenze acquisite per analizzare e interpretare in modo adeguato i fatti linguistici di volta in volta sottoposti alla sua attenzione. All’inizio del colloquio viene anche richiesta la trascrizione fonetica di una parola italiana secondo la convenzione dell’IPA.

Organizzazione della didattica

Settori e relativi crediti

  • Settore:L-LIN/01 - Glottologia e linguistica - Crediti: 9
Attività didattiche previste

Lezioni: 60 ore

Unita' didattica A

obbligatorio

Settori e relativi crediti

  • Settore:L-LIN/01 - Glottologia e linguistica - Crediti: 3
Attività didattiche previste

Lezioni: 20 ore

Unita' didattica B

obbligatorio

Settori e relativi crediti

  • Settore:L-LIN/01 - Glottologia e linguistica - Crediti: 3
Attività didattiche previste

Lezioni: 20 ore

Unita' didattica C

facoltativo

Settori e relativi crediti

  • Settore:L-LIN/01 - Glottologia e linguistica - Crediti: 3
Attività didattiche previste

Lezioni: 20 ore

Ricevimento docenti

Orario di ricevimento Docenti
DocenteOrario di ricevimentoLuogo di ricevimento
MARIA PATRIZIA BOLOGNA , responsabile dell'insegnamentoDurante il primo semestre: mercoledì, 9-12 - durante il secondo semestre: martedì, 9-10 e 13.30-15.30 -negli altri periodi: martedì, 10.30-13.30.Glottologia - Cortile d'onore

Programma d'esame

Argomento del corso: La scienza del linguaggio tra lingue antiche e lingue moderne (60 ore, 9 cfu)

Unità didattica A (20 ore, 3 cfu): Lineamenti di metodologia dell’analisi sincronica delle strutture linguistiche
Unità didattica B (20 ore, 3 cfu): Aspetti della variazione nella lingua storica: il mutamento linguistico e gli effetti del contatto interlinguistico.
Unità didattica C (20 ore, 3 cfu): Il metodo storico-comparativo e l’indoeuropeistica.

Il corso è rivolto a studenti del Corso di Laurea in Lettere (9 cfu)

Presentazione del corso
Ci si propone di fornire agli studenti gli strumenti per l’analisi sincronica e diacronica di lingue antiche e moderne, anche con riferimento alla storia del pensiero linguistico entro cui si collocano le diverse acquisizioni teoriche e metodologiche della disciplina.
Nella prima parte del corso (unità didattica A) saranno presentati gli elementi di fonetica articolatoria e di fonologia unitamente alle nozioni basilari per la descrizione e la spiegazione dei fenomeni linguistici di ordine morfologico, sintattico e lessicale.
Successivamente (unità didattica B) verrà introdotta l’attenzione alla dimensione storica della lingua e alla variazione linguistica, con particolare attenzione al mutamento linguistico e all’interferenza linguistica.
Infine (unità didattica C), attraverso l’esame di fondamentali acquisizioni nell’indagine indoeuropeistica, saranno illustrati gli aspetti del metodo storico-comparativo e sarà definita la nozione di ricostruzione linguistica.

Risultati di apprendimento
Conoscenze: conoscenza dei principali orientamenti nella storia del pensiero linguistico e della scienza linguistica nelle culture occidentali, conoscenza delle proprietà delle lingue storico-naturali con particolare riferimento alla dimensione funzionale e alla dimensione storica; consapevolezza del rapporto che unisce la riflessione generale sulla lingua e l’indagine empirica dei singoli fatti linguistici; conoscenza della terminologia tecnica specifica della disciplina con riferimento agli ambiti e ai settori presi in esame; conoscenza dei confini entro cui si collocano procedimenti euristici quali la comparazione, la ricostruzione e l’etimologia; conoscenza di strumenti bibliografici essenziali.
Capacità: capacità di distinguere il dato fonetico da quello grafico, particolarmente nel caso dell’analisi di forme linguistiche antiche; capacità di riconoscere e analizzare specifici fatti sincronici e diacronici di lingue antiche e moderne applicando regole e categorie elaborate dalla riflessione linguistica generale; capacità di distinguere l’osservazione e descrizione dei dati empirici dalla loro interpretazione; capacità di utilizzare la terminologia metalinguistica appropriata nella descrizione dei fenomeni; capacità di applicare il metodo storico-comparativo nel confronto di forme di lingue indoeuropee antiche e nell’indagine etimologica.

Indicazioni bibliografiche

Unità didattica A e B
G. GRAFFI, Due secoli di pensiero linguistico. Dai primi dell’Ottocento a oggi, Roma, Carocci, rist. 2015.
G. GRAFFI - S. SCALISE, Le lingue e il linguaggio. Introduzione alla linguistica, terza edizione con scritti di C. Donati e di S. Cappa e A. Moro, Bologna, il Mulino, 2013.
Programma per studenti non frequentanti
G. GRAFFI, Due secoli di pensiero linguistico. Dai primi dell’Ottocento a oggi, Roma, Carocci, rist. 2015.
G. GRAFFI - S. SCALISE, Le lingue e il linguaggio. Introduzione alla linguistica, terza edizione con scritti di C. Donati e di S. Cappa e A. Moro, Bologna, il Mulino, 2013.
F. ALBANO LEONI – P. MATURI, Manuale di fonetica, nuova edizione, Roma, Carocci, rist. 2015: i primi due capitoli.
F. FUSCO, Che cos’è l’interlinguistica, Roma, Carocci, rist. 2014.

Unità didattica C
F. FANCIULLO, Introduzione alla linguistica storica, terza edizione, Bologna, il Mulino, 2013.
Programma per studenti non frequentanti
F. FANCIULLO, Introduzione alla linguistica storica, terza edizione, Bologna, il Mulino, 2013.
R. LAZZERONI (a cura di), Linguistica storica, Roma, Carocci, rist. 2015.

02/08/2016