Cerca insegnamenti o docenti



Storia della letteratura artistica (Laurea magistrale) - [A-Z]
History of artistic literature - second cycle - [A-Z]

Stampa pagina

ROSSANA SACCHI , responsabile dell'insegnamento

CdL in STORIA E CRITICA DELL'ARTE (Classe LM-89) Immatricolati dall'a.a. 2016/2017 - Laurea Magistrale - 2016/2017

Insegnamento obbligatorioNo
Anno di corso
Periodo di svolgimentoprimo semestre
Settori scientifico disciplinari
  • L-ART/04 - Museologia e critica artistica e del restauro
Crediti (CFU) obbligatori6
Crediti (CFU) facoltativi3

Programma

Modalità di esame, prerequisiti, esami propedeutici

Esame in un'unica volta o suddiviso in partiunico
Modalità di accertamento conoscenzeEsame
Giudiziovoto verbalizzato in trentesimi

Prerequisiti e modalità di esame La prova consiste in un colloquio solo orale sugli argomenti a programma, volto ad accertare la conoscenza degli argomenti stessi, calati entro ricostruzioni contestuali di ampio e generico respiro (geografiche, storiche, letterarie e storico artistiche in senso molto lato). Alcuni fondamenti della disciplina, assimilati in occasione della preparazione dell’esame sostenuto nel triennio o come integrazione per essere ammessi a frequentare la Laurea Magistrale, devono essere dati per acquisiti e possono diventare –in parte– argomento di esame. Ci si attende che lo studente sappia esprimersi con una proprietà di linguaggio adeguata alla storia dell’arte, alla storia delle tecniche artistiche e alla storia della letteratura artistica, discipline inestricabilmente tra loro interrelate.

Organizzazione della didattica

Settori e relativi crediti

  • Settore:L-ART/04 - Museologia e critica artistica e del restauro - Crediti: 9
Attività didattiche previste

Lezioni: 60 ore

Unita' didattica A

obbligatorio

Settori e relativi crediti

  • Settore:L-ART/04 - Museologia e critica artistica e del restauro - Crediti: 3
Attività didattiche previste

Lezioni: 20 ore

Unita' didattica B

obbligatorio

Settori e relativi crediti

  • Settore:L-ART/04 - Museologia e critica artistica e del restauro - Crediti: 3
Attività didattiche previste

Lezioni: 20 ore

Unita' didattica C

facoltativo

Settori e relativi crediti

  • Settore:L-ART/04 - Museologia e critica artistica e del restauro - Crediti: 3
Attività didattiche previste

Lezioni: 20 ore

Ricevimento docenti

Orario di ricevimento Docenti
DocenteOrario di ricevimentoLuogo di ricevimento
ROSSANA SACCHI , responsabile dell'insegnamentoOgni venerdì dalle 15.00via Noto 6/8

Programma d'esame

Argomento del corso: Gaudenzio Ferrari dalla Valsesia a Milano. Fortuna (e sfortuna) critica di un artista

Unità Didattica A (20 h, 3CFU)
Introduzione a Gaudenzio. Da Lomazzo a Testori.
Unità Didattica B (20 h, 3 CFU)
Fortuna di Gaudenzio Ferrari. Letture e approfondimenti.
Unità didattica C (20 h, 3 CFU)
Il contesto artistico lombardo tra l’ultima restaurazione degli Sforza e i primi anni della dominazione di Carlo V.

ARGOMENTO ED EVENTUALE PRESENTAZIONE DEL CORSO
Un corso monografico costituisce una dimostrazione di metodo. Scelto un argomento prossimo alle competenze di ricerca del docente, scopo di un corso universitario è proporre l’applicazione di una disciplina su un esempio concreto che abbia valore paradigmatico per capire anche altri, diparati casi.
In occasione del restauro in corso dal 2014 del grande Martirio di Santa Caterina (1540), alla Pinacoteca di Brera dal 1829 (la tavola è esposta nel laboratorio di restauro per cui cfr.: http://pinacotecabrera.org/restauri/il-restauro-del-martirio-di-santa-caterina-di-gaudenzio-ferrari/), il corso si imposta sulla figura e sull’attività di Gaudenzio Ferrari (ca. 1480/1485-1546), un artista amato da Giovanni Paolo Lomazzo (1538-1592) prima e da Giovanni Testori (1923-1993) poi. Il tempo che intercorre tra questi due estremi cronologici è ricchissimo di oscillazioni di gusto, di amore o di repulsione per l’opera (plastica, non solo dipinta) del maestro, che ha goduto –tra i pochi lombardi del suo tempo– di una menzione vasariana già pubblicata nell’edizione del 1550 delle Vite.

Gli studenti che hanno già sostenuto al triennio un esame di Storia della Letteratura artistica o di Storia della critica d’arte seguono la successione delle tre unità didattiche (A+B+C) e preparano i programmi qui indicati come
A + B + C = 9 CFU
oppure
A+B = 6 CFU.

Gli studenti che affrontano la Storia della Letteratura artistica per la prima volta (che non hanno, cioè, già sostenuto un esame di Storia della Letteratura artistica o di Storia della Critica d’arte al triennio), seguono le indicazioni riportate nel programma come A /A (per neofiti della disciplina) preparandosi in questo modo:
A /A + A + B = 9 CFU
oppure
A /A + A = 6 CFU
Se gli studenti che devono integrare la loro preparazione con lo studio del programma A/A lo riterranno opportuno, la docente è disposta a dedicare loro qualche ora seminariale extra per inquadrare la disciplina; la questione verrà concordata a lezione, sulla base delle esigenze (e del numero) dei frequentanti.
La verifica si svolgerà in un unico esame orale finale.

PROGRAMMA
Unità Didattica A
Introduzione a Gaudenzio. Da Lomazzo a Testori.
Bibliografia:
R. Sacchi, Ferrari, Gaudenzio, ad vocem in Dizionario Biografico degli Italiani, Roma Istituto della Enciclopedia Italiana 1996: reperibile al link: http://www.treccani.it/enciclopedia/gaudenzio-ferrari_(Dizionario-Biografico)/

R. Sacchi, Gaudenzio a Milano, Milano Officina Libraria 2015.
G. Testori, Il Gran teatro montano. Saggi su Gaudenzio Ferrari, Nuova edizione a cura di G. Agosti, Milano Feltrinelli 2015, pp. 9-155.
Le slides mostrate e commentate durante le lezioni frontali, montate in power-point, messe a disposizione degli studenti sulla piattaforma ARIEL, costituiranno la base da studiare; le slides sono da considerare parte integrante della preparazione del corso. Alle immagini si alternano informazioni e citazioni da fonti che sono da studiare.

Unità Didattica A /A (per neofiti della disciplina)
E’ il programma per studenti della magistrale che NON abbiano già sostenuto un esame di Storia della Letteratura artistica o di Storia della critica d’arte al triennio:
-Julius Schlosser Magnino, La Letteratura artistica. Manuale delle fonti della storia dell’arte moderna, (prima ed. Vienna 1924), Firenze, La Nuova Italia, 1964 (o le riedizioni successive).
Il testo va studiato in parte, sebbene l’intero volume, corredato da prodigiosi indici bibliografici e onomastici, costituisca uno strumento ancora fondamentale per fondare (e dotare) la biblioteca di uno storico dell’arte.
Del testo circolano diverse edizioni; si indicano qui quindi le parti da studiare:
I libro = tutto da studiare.
II libro = studiare capitolo primo (La Letteratura storica), tutto escluse le parti scritte in corpo minore; capitolo secondo (escluse le parti scritte in corpo minore); terzo, quarto e quinto capitolo.
V libro = su Vasari: studiare tutto, escluse le parti scritte in corpo minore.
VI libro = studiare primo e secondo capitolo, senza le le parti scritte in corpo minore.
VII libro = studiare primo, secondo e terzo capitolo senza le parti scritte in corpo minore.
VIII libro = studiare primo e secondo capitolo senza le parti scritte in corpo minore.
IX libro = studiare primo, secondo, terzo, quarto e sesto capitolo, tutti senza le parti scritte in corpo minore.

Il manuale di Schlosser è fuori commenrcio. L’edizione in italiano del 1964 (che va benissimo), è scaricabile dal sito dell’Università di Heildeberg: http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/schlosser1964/0052/ocr

-Ferdinando Bologna, La coscienza storica dell’arte in Italia. Introduzione alla “Storia dell’Arte in Italia”, Torino, UTET 1982 oppure Milano, Garzanti, 1992.
Studiare i Capitoli VI (Dalle Scuole seicentesche al “Sistema delle Scuole” di Luigi Lanzi), VII (Dall’Ottocento a Longhi. L’Italia artistica tra soppressione ideologica delle diversità e recupero comparato delle culture locali) e la Conclusione.
-Udo Kultermann, Storia della Storia dell’arte, Vicenza, Neri Pozza, 1997, da p. 39 fino a p. 229, escludendo le pp. 113-115; 183-190, 198- 202, 219-220.

Le parti dei testi di Ferdinando Bologna e di Udo Kultermann, fuori commercio da anni, indicate nel programma, sono state messe a disposizione degli studenti, in formato pdf, sulla piattaforma ARIEL (raggiungibile dalla homepage Unimi: la trovate nei link a destra) nel sito di Storia della Letteratura artistica (il tutto è reperibile sotto il raggruppamento di Studi Umanistici).

INTEGRATE SU UN MANUALE DI STORIA DELL’ARTE MODERNA O SU UN’ALTRA FONTE RACCOMANDABILE GLI ARGOMENTI CHE VI SENTITE DI NON CONOSCERE BENE.

Unità Didattica B
Fortuna di Gaudenzio Ferrari. Letture e approfondimenti
G. Testori, Il Gran teatro montano. Saggi su Gaudenzio Ferrari, Nuova edizione a cura di G. Agosti, Milano Feltrinelli 2015, sezione Materiali + G. Agosti, Una cornice, più specifica, per il lettore nuovo, pp. 157-289.

Un’antologia –da conoscere e studiare– dei testi letti e commentati a lezione verrà predisposta prima delle fine delle lezioni e messa a disposizione degli studenti, in pdf, su ARIEL (raggiungibile dalla homepage Unimi: la trovate nei link a destra) nel sito di Storia della Letteratura artistica (il tutto è reperibile sotto il raggruppamento di Studi Umanistici).

Unità Didattica C
Il contesto artistico lombardo tra l’ultima restaurazione degli Sforza e i primi anni della dominazione di Carlo V
Le slides mostrate e commentate durante le lezioni, montate in power-point, messe a disposizione degli studenti sulla piattaforma ARIEL, sono da considerare parte integrante della preparazione di questa Unità Didattica. Alle immagini si alternano informazioni e citazioni che sono da studiare.

Un testo (o gruppo di testi) a scelta tra i seguenti:
1) B. Agosti, Paolo Giovio. Uno storico lombardo nella cultura artistica del Cinquecento, Firenze Olschki 2008
+
B. Agosti, Giorgio Vasari. I luoghi e tempi delle Vite, Milano Officina Libraria 2013
2) C. Gauna, La Storia pittorica di Luigi Lanzi. Arti, storia e musei nel Settecento, Firenze Olschki 2003.
3) La storia delle storie dell’arte, a cura di O. Rossi Pinelli, Torino Einaudi 2014, pp. 180-451.
Cercate di scegliere i testi da studiare sulla base dei vostri interessi, non del numero delle pagine! Abbiate rispetto per voi stessi…

LETTURE AGGIUNTIVA PER GLI STUDENTI NON-FREQUENTANTI
G. Previtali, La fortuna dei primitivi, Torino Einaudi 1964 (e successive edizioni)
Oppure
D. Levi, Giovanni Battista Cavalcaselle, Torino Einaudi 1988.

01/08/2016