Cerca insegnamenti o docenti



Letteratura latina medievale - [A-Z]
Medieval Latin literature - [A-Z]

Stampa pagina

ROSSANA EUGENIA GUGLIELMETTI , responsabile dell'insegnamento

CdL in STORIA E CRITICA DELL'ARTE (Classe LM-89) Immatricolati dall'a.a. 2016/2017 - Laurea Magistrale - 2016/2017

Insegnamento obbligatorioNo
Anno di corso
Periodo di svolgimentosecondo semestre
Settori scientifico disciplinari
  • L-FIL-LET/08 - Letteratura latina medievale e umanistica
Crediti (CFU) obbligatori6
Crediti (CFU) facoltativi3

Informazioni generali

Obiettivi dell'insegnamento: Conoscenze: Conoscenza di aspetti e questioni fondamentali della letteratura latina del Medioevo, dal VI al XIV secolo, sullo sfondo del contesto storico. Conoscenza dei principali generi, temi e poetiche, autori e opere. Conoscenza dei criteri di identificazione bibliografica dei testi. Conoscenza dei principali metodi di indagine filologica quando applicata a testi della latinitÓ medievale. Relativamente all'unitÓ C: comprensione di testi latini del Medioevo in lingua originale e della loro specificitÓ formale rispetto agli scritti della latinitÓ classica. Relativamente all'unitÓ D: conoscenza delle principali caratteristiche assunte dalla lingua latina nel Medioevo.
CapacitÓ: CapacitÓ di analisi e interpretazione critica di testi letterari della latinitÓ medievale, in rapporto al contesto storico che li ha espressi. CapacitÓ di accostarsiagli strumenti bibliografici essenziali nel campo della latinitÓ medievale. CapacitÓ di impiegare in modo consapevole e appropriato i concetti e i termini fondamentali del lessico tecnico della filologia. Consapevolezza del diverso valore delle edizioni disponibili di un testo, a seconda delle diverse linee metodologiche che sono state seguite per la loro preparazione. Relativamente all'unitÓ D: padronanza degli strumenti bibliografici fondamentali nel campo della latinitÓ medievale; capacitÓ di analisi linguistica di un testo mediolatino.

Programma

ModalitÓ di esame, prerequisiti, esami propedeutici

Esame in un'unica volta o suddiviso in partiunico
ModalitÓ di accertamento conoscenzeEsame
Giudiziovoto verbalizzato in trentesimi

Prerequisiti e modalitÓ di esame Orale: la prova orale consiste in un colloquio sugli argomenti a programma, volto ad accertare l’acquisizione da parte degli studenti delle nozioni di base relative alla letteratura latina medievale, ai testi e agli autori principali, nonchÚ alle problematiche fondamentali della ricerca filologica applicata in particolare ai testi latini del medioevo. SarÓ richiesta la conoscenza dei testi contenuti nella dispensa antologica, con un’opportuna contestualizzazione. Per l’unitÓ didattica C Ŕ prevista la lettura e la traduzione di un’opera in latino. Per l’unitÓ didattica D costituisce parte della prova d’esame la presentazione di una propria esercitazione di analisi di uno dei testi contenuti nella dispensa antologica, secondo le modalitÓ sopra descritte; sarÓ inoltre richiesta la conoscenza degli strumenti bibliografici specifici della disciplina e dei casi di analisi applicata presentati durante le lezioni.

Organizzazione della didattica

Settori e relativi crediti

  • Settore:L-FIL-LET/08 - Letteratura latina medievale e umanistica - Crediti: 9
AttivitÓ didattiche previste

Lezioni: 60 ore

Unita' didattica A

obbligatorio

Settori e relativi crediti

  • Settore:L-FIL-LET/08 - Letteratura latina medievale e umanistica - Crediti: 3
AttivitÓ didattiche previste

Lezioni: 20 ore

Unita' didattica B

obbligatorio

Settori e relativi crediti

  • Settore:L-FIL-LET/08 - Letteratura latina medievale e umanistica - Crediti: 3
AttivitÓ didattiche previste

Lezioni: 20 ore

Unita' didattica C

facoltativo

Settori e relativi crediti

  • Settore:L-FIL-LET/08 - Letteratura latina medievale e umanistica - Crediti: 3
AttivitÓ didattiche previste

Lezioni: 20 ore

Ricevimento docenti

Orario di ricevimento Docenti
DocenteOrario di ricevimentoLuogo di ricevimento
ROSSANA EUGENIA GUGLIELMETTI , responsabile dell'insegnamentolunedý, ore 12.30 - 14 e giovedý, ore 16.30 - 18. AVVISO: In sostituzione dei normali orari, il ricevimento si terrÓ mercoledý 28 dalle 10 alle 13 e lunedý 9 aprile dalle 16.30 alle 19.30. L'orario tornerÓ regolare dal 16 aprileDip. Studi Letterari Filologici e Linguistici, Sezione Filologia Moderna - 2░ piano

Programma d'esame

Argomento del corso:
Laurea triennale – La letteratura latina del Medioevo: introduzione storica e filologica (60 ore, 9 cfu)
Laurea magistrale – La letteratura latina del Medioevo: aspetti linguistici e strumenti per l’analisi dei testi (60 ore, 9 cfu)

UnitÓ didattiche A-B (40 ore, 6 cfu): Generi, temi e autori della letteratura latina del medioevo (con letture antologiche); fondamenti di filologia applicati alla letteratura latina medievale
UnitÓ didattica C (20 ore, 3 cfu): Approfondimento di un autore della letteratura latina del Medioevo: Abelardo
UnitÓ didattica D, in forma seminariale (20 ore, 3 cfu, per gli studenti della Laurea magistrale): Strumenti per l’analisi linguistica e per l’approfondimento storico-letterario di testi della letteratura latina medievale (lezioni introduttive della docente + presentazione da parte degli studenti di esercitazioni personali).

Il corso Ŕ rivolto:
1) agli studenti del Corso di Laurea triennale in Lettere iscritti a partire dall’anno 2011-12, che devono obbligatoriamente sostenere un esame da 6 crediti fra Letteratura latina medievale e Filologia umanistica.
Nella scelta fra l’esame di Letteratura latina medievale e Filologia umanistica si tenga conto che i corsi presentano caratteristiche diverse e presuppongono conoscenze di base diverse:
- il corso di Letteratura latina medievale prevede lo studio dei lineamenti della storia letteraria medievale, con un’antologia di testi dei quali Ŕ sempre fornita una traduzione italiana. Per frequentare il corso e sostenere l’esame da 6 crediti non sono richieste conoscenze di lingua latina; conoscenze di lingua latina sono invece richieste per frequentare il corso e sostenere l’esame da 9 crediti.
- il corso di Filologia umanistica prevede lo studio della trasmissione dei testi latini in epoca medievale e umanistica. Per frequentare il corso e sostenere l’esame (sia da 6 che da 9 crediti) sono richieste discrete conoscenze di lingua latina.
2) agli studenti triennalisti/quadriennalisti dei Corsi di Laurea in Lettere (con iscrizione precedente al 2011-12), Scienze storiche, Scienze dei beni culturali che abbiano l’insegnamento all’interno del curriculum (o lo inseriscano nel piano di studi come esame a scelta).
3) agli studenti delle lauree magistrali che abbiano l’insegnamento all’interno del curriculum (o lo inseriscano nel piano di studi come esame a scelta).

Gli studenti della laurea triennale che intendono sostenere l’esame per 6 crediti dovranno frequentare le due unitÓ didattiche A-B.
Gli studenti della laurea triennale che intendono sostenere l’esame per 9 crediti dovranno frequentare tutte e tre le unitÓ didattiche A, B e C.
Gli studenti delle lauree magistrali che non abbiano in passato mai sostenuto l’esame si atterranno alle stesse regole degli studenti della laurea triennale; quelli che abbiano in passato giÓ sostenuto un esame di Letteratura latina medievale dovranno invece frequentare l’unitÓ didattica D e concordare con la docente una mutuazione dei 3 o 6 cfu rimanenti dall’unitÓ C, dal corso di Filologia Mediolatina (unitÓ B) e/o dal corso di Filologia Umanistica (unitÓ D).

Presentazione del corso

Il corso intende fornire agli studenti:
1) un’introduzione ai problemi e alle tecniche della filologia, in particolare nelle sue applicazioni alla letteratura latina del medioevo (unitÓ didattica A);
2) una panoramica dei principali generi letterari mediolatini, che verranno esaminati nella loro evoluzione storica e con la presentazione di letture antologiche (unitÓ didattica B). L’unitÓ didattica C (rivolta agli studenti interessati, che possono sceglierla come opzionale) costituirÓ un approfondimento, con letture specifiche anche in latino, di quanto presentato in linea generale nell’unitÓ B.
3) un’introduzione alle specificitÓ della lingua latina in uso nella letteratura del Medioevo e agli strumenti bibliografici utili alla sua analisi (Laurea magistrale, unitÓ didattica D).
4) un’introduzione all’uso degli strumenti bibliografici di base per lo studio della letteratura mediolatina (Laurea magistrale, unitÓ didattica D).

Risultati di apprendimento
Conoscenze: conoscenza di aspetti e questioni fondamentali della letteratura latina del Medioevo, dal VI al XIV secolo, sullo sfondo del contesto storico. Conoscenza dei principali generi, temi e poetiche, autori e opere. Conoscenza dei criteri di identificazione bibliografica dei testi. Conoscenza dei principali metodi di indagine filologica quando applicata a testi della latinitÓ medievale. Relativamente all’unitÓ C: comprensione di testi latini del Medioevo in lingua originale e della loro specificitÓ formale rispetto agli scritti della latinitÓ classica. Relativamente all’unitÓ D: conoscenza delle principali caratteristiche assunte dalla lingua latina nel Medioevo.
CapacitÓ: capacitÓ di analisi e interpretazione critica di testi letterari della latinitÓ medievale, in rapporto al contesto storico che li ha espressi. CapacitÓ di accostarsi agli strumenti bibliografici essenziali nel campo della latinitÓ medievale. CapacitÓ di impiegare in modo consapevole e appropriato i concetti e i termini fondamentali del lessico tecnico della filologia. Consapevolezza del diverso valore delle edizioni disponibili di un testo, a seconda delle diverse linee metodologiche che sono state seguite per la loro preparazione. Relativamente all’unitÓ D: padronanza degli strumenti bibliografici fondamentali nel campo della latinitÓ medievale; capacitÓ di analisi linguistica di un testo mediolatino.

Indicazioni bibliografiche

PROGRAMMA D’ESAME – LAUREA TRIENNALE
Per gli studenti frequentanti:

UnitÓ didattica A
1) P. Chiesa, Elementi di critica testuale, seconda edizione, PÓtron, Bologna, 2012, limitatamente ai capitoli primo, secondo e quarto. Questo manuale costituisce testo d’esame.
2) lettura in italiano di una fra le seguenti opere o parti di opere, a scelta dello studente, accompagnata dallo studio dell’introduzione (o di parte dell’introduzione, come indicato sotto) e delle note di commento nell’edizione consigliata.
- Beda, Storia ecclesiastica degli Angli, a cura di M. Lapidge - P. Chiesa, 2 volumi, Milano, Fondazione Valla - Mondadori, 2008-10: un libro a scelta dei cinque che compongono l’opera; dell’introduzione solo le pp. I-LXIX
- Navigatio sancti Brendani, a cura di G. Orlandi - R. Guglielmetti, Firenze, SISMEL - Ed. del Galluzzo, 2014: integrale; dell’introduzione solo le pp. XI-LXXVIII, CII-CXXXII
- Paolo Diacono, Storia dei Longobardi, a cura di L. Capo, Milano, Fondazione Valla - Mondadori, 1995: un libro a scelta dei sei che compongono l’opera
- Eginardo, Vita Karoli, a cura di P. Chiesa, Firenze, SISMEL - Ed. del Galluzzo, 2014: integrale; dell’introduzione solo le pp. VII-XVII, XCVII-CXLII, CLXXIII-CLXXVII
- Liutprando di Cremona, Antapodosis, a cura di P. Chiesa, Roma-Milano, Fondazione Valla - Mondadori, 2015: uno fra i primi cinque libri dell’opera
- Abelardo ed Eloisa, Epistolario, a cura di I. Pagani, Torino, UTET 2004: epistole I-V; dell’introduzione solo le pp. 9-54
- Carmina Burana, a cura di P.V. Rossi, Milano, Bompiani, 1989 e ristampe successive
- Guglielmo di Rubruk, Viaggio in Mongolia, a cura di P. Chiesa, Roma-Milano, Fondazione Valla - Mondadori, 2011: capitoli 1-26; dell’introduzione solo le pp. XI-LVI

UnitÓ didattica B
1) Dispensa: Profilo di storia letteraria del medioevo latino
2) Dispensa: Antologia di testi
(entrambe disponibili dall’inizio di febbraio 2017 nella pagina dedicata a Letteratura latina medievale nel sito Ariel, http://ariel.unimi.it/User/Default.aspx).
Per sostenere l’esame sarÓ richiesta:
- un’approfondita conoscenza della dispensa Profilo di storia letteraria del medioevo latino. Lo studente dovrÓ possedere le minime nozioni di Storia medievale necessarie alla comprensione della dispensa, che si possono ottenere da qualsiasi manuale di storia.
- la lettura in traduzione italiana dei brani contenuti nell’Antologia di testi. Per ognuno dei brani sarÓ richiesta la conoscenza del contenuto e l’inquadramento storico-letterario, come si pu˛ ricavare dal confronto con la dispensa Profilo di storia letteraria del medioevo latino.

UnitÓ didattica C
1) Abelardo ed Eloisa, Epistolario, a cura di I. Pagani, Torino, UTET 2004 (o ristampa economica 2008). Il volume costituisce testo d’esame (limitatamente all’introduzione e alle parti del testo che saranno indicate durante il corso).
2) Dispensa: Materiali complementari (disponibile dall’inizio di febbraio 2017 nella pagina dedicata a Letteratura latina medievale nel sito Ariel, http://ariel.unimi.it/User/Default.aspx)
SarÓ richiesta la conoscenza dell’opera con lettura in latino, traduzione e commento sulla base del testo d’esame e degli approfondimenti proposti a lezione e nella dispensa complementare.

Programma per studenti non frequentanti:

UnitÓ didattiche A-B: il programma d’esame Ŕ il medesimo degli studenti frequentanti. Per un’eventuale consultazione in appoggio allo studio delle dispense, ove si desideri, si pu˛ ricorrere ai seguenti manuali: G. Polara, Letteratura latina tardoantica e altomedievale, Roma, Jouvence, 1987; Letteratura latina medievale (secoli VI-XV). Un manuale, a cura di C. Leonardi, Firenze, Ed. del Galluzzo, 2002 (ed. economica 2003).

UnitÓ didattica C:
1) lettura integrale in italiano di due fra le seguenti opere, a scelta dello studente, accompagnata dallo studio dell’introduzione nell’edizione consigliata; una soltanto delle due opere prescelte, a discrezione dello studente, dovrÓ essere letta anche in latino, integralmente o per una parte, secondo le indicazioni fornite.
- Boezio, De consolatione philosophiae (ed. consigliata: a cura di O. Dallera, Milano, Rizzoli, 1977 (e ristampe) [in latino: un libro a scelta]
- Gregorio Magno, Dialogi (ed. consigliata: Gregorio Magno, Storie di santi e di diavoli, a cura di S. Pricoco e M. Simonetti, 2 voll., Milano, Fondazione Valla - Mondadori, 2005-06) [in latino: un libro a scelta]
- Beda, Storia ecclesiastica degli Angli (ed. consigliata: a cura di M. Lapidge - P. Chiesa, 2 volumi, Milano, Fondazione Valla - Mondadori, 2008-10) [in latino: un libro a scelta]
- Navigatio sancti Brendani (ed. consigliata: a cura di G. Orlandi - R. Guglielmetti, SISMEL - Ed. del Galluzzo, 2014) [in latino: l’intera opera]
- Paolo Diacono, Storia dei Longobardi (ed. consigliata: a cura di L. Capo, Milano, Fondazione Valla - Mondadori, 1995) [in latino: un libro a scelta]
- Eginardo, Vita di Carlo Magno (ed. consigliata: Firenze, SISMEL - Ed. del Galluzzo, 2014) [in latino: l’intera opera]
- Liutprando di Cremona, Antapodosis (ed. consigliata: a cura di P. Chiesa, Roma-Milano, Fondazione Valla - Mondadori, 2015) [in latino: uno fra i primi cinque libri]
- Rosvita, Dialoghi drammatici (ed. consigliata: a cura di F. Bertini, Milano, Rizzoli, 2000 [in latino: tre dialoghi]
- Waltharius (ed. consigliata: Waltharius. Epica e saga tra Virgilio e i Nibelunghi, ed. a cura di E. D’Angelo, Milano-Trento, Luni Editrice, 1998) [in latino: almeno 400 versi consecutivi]
- Rodolfo il Glabro, Storie (ed. consigliata: Rodolfo il Glabro, Cronache dell’anno Mille, a cura di G. Cavallo - G. Orlandi, Milano, Fondazione Lorenzo Valla - Mondadori, 1989 [in latino: un libro a scelta]
- Abelardo, Historia calamitatum mearum (ed. consigliata: Abelardo e Eloisa, Epistolario, a cura di I. Pagani, Torino, UTET 2004) [in latino: l’intera Historia]
- Carmina Burana (ed. consigliata: a cura di P.V. Rossi, Milano, Bompiani, 1989) [in latino: un gruppo di poesie a scelta del candidato (che dovrÓ presentare apposita lista), per non meno di 400 versi]
- Guglielmo di Rubruk, Itinerarium (ed. consigliata: Guglielmo di Rubruk, Viaggio in Mongolia, a cura di P. Chiesa, Roma-Milano, Fondazione Valla - Mondadori, 2011) [in latino: i capitoli 1-18].
- Bonvesin da la Riva, De magnalibus Mediolani (ed. consigliata: a cura di P. Chiesa, Roma-Milano, Fondazione Valla - Mondadori, 2009) [in latino: quattro capitoli consecutivi degli otto totali]

2) la lettura dei seguenti tre saggi compresi nel volume Lo spazio letterario del Medioevo, 1: Il medioevo latino, vol. I, tomo II, Roma, Salerno Editrice, 1993: D. Schaller, La poesia epica, pp. 9-42; J. Mann, La poesia satirica e goliardica, pp. 73-109; G. Arnaldi, Annali, cronache, storie, pp. 463-513.

Programmi d’esame per 12 o 10 cfu e per laurea quadriennale:
Gli studenti (immatricolati fra il 2008-09 e il 2010-11) che dovessero sostenere l’esame per 12 crediti o nell’ambito di una laurea quadriennale si atterranno al programma previsto per 9 crediti e lo integreranno con il programma previsto sopra per gli studenti non frequentanti - unitÓ didattica C. Qualora intendessero giÓ sostenere questa unitÓ didattica come studenti non frequentanti, dovranno raddoppiare le opere previste all’interno della lista presentata sopra al punto 1 dell’unitÓ C per studenti non frequentanti (portare perci˛ 4 letture in italiano, delle quali 2 anche in latino). In alternativa, pu˛ essere concordata con la docente la possibilitÓ di seguire l’unitÓ didattica D.
Gli studenti (immatricolati prima del 2008-09) che dovessero sostenere l’esame per 10 crediti dovrannno concordare uno specifico programma con la docente (se frequentanti, presentandosi a colloquio fin dall’inizio del corso).

ATTENZIONE - per chi sostiene o ha sostenuto anche l’esame di Filologia umanistica:
I programmi d’esame di Letteratura latina medievale e di Filologia umanistica si sovrappongono per la parte che riguarda l’introduzione alla filologia: gli studenti che sostengono entrambi gli esami devono sostituire, in uno dei due (a scelta), la parte comune con un programma integrativo. Chi portasse o avesse portato in passato il manuale Elementi di critica testuale come parte del programma di Filologia umanistica dovrÓ completare il programma di Letteratura latina medievale leggendo in traduzione italiana un’opera a scelta fra quelle elencate sopra nel programma per non frequentanti – unitÓ didattica C, punto 1 (accompagnata dalla lettura del relativo saggio introduttivo) e portando uno dei tre saggi dallo Spazio letterario del Medioevo elencati al punto 2.

PROGRAMMA D’ESAME – LAUREA MAGISTRALE
Il programma vale per gli studenti che abbiano giÓ sostenuto l’esame di Letteratura latina medievale nel triennio e possiedano dunque le competenze di base della disciplina. Gli studenti che lo sostengano per la prima volta si dovranno attenere al programma previsto per il corso triennale.

Per gli studenti frequentanti:

UnitÓ didattica D
1) E. Lofstedt, Il latino tardo: aspetti e problemi, Brescia, Paideia, 1980. Il volume costituisce testo d’esame limitatamente ai capitoli II, V, VII.
2) P. Stotz, Il latino nel Medioevo: guida allo studio di un'identitÓ linguistica europea, Firenze, Sismel - Ed. del Galluzzo, 2013. Il volume costituisce testo d’esame limitatamente ai paragrafi 1-7 (pp. 3-26), 10-11 (pp. 43-50), 15-18 (pp. 57-68).
3) Dispensa: Strumenti e antologia di testi per le esercitazioni (disponibile dall’inizio di febbraio 2016 nel sito Ariel, http://ariel.unimi.it/User/Default.aspx, nella pagina dedicata a Letteratura latina medievale)
Costituisce parte della prova d’esame la presentazione di una propria esercitazione di analisi linguistica e inquadramento di uno dei testi della dispensa tramite gli strumenti bibliografici specifici della disciplina. SarÓ richiesta la conoscenza degli strumenti presentati nella dispensa e a lezione e il commento degli spunti metodologici emersi e discussi durante le presentazioni dei varii testi antologizzati.

Per chi sostiene l’esame per 9 cfu, i restanti 6 cfu devono essere acquisiti frequentando due delle seguenti unitÓ didattiche, a scelta:
- l’unitÓ didattica C del corso triennale (cfr. sopra)
- l’unitÓ didattica B del corso di Filologia Mediolatina (cfr. il relativo programma)
- l’unitÓ didattica D del corso di Filologia Umanistica (cfr. il relativo programma).

Per chi sostiene l’esame per 6 cfu, i restanti 3 cfu devono essere acquisiti frequentando una a scelta delle stesse tre unitÓ.

Programma per studenti non frequentanti:
Il programma d’esame dovrÓ essere concordato con la docente.

02/08/2016