Cerca insegnamenti o docenti



Letteratura italiana contemporanea - (G-R)
Italian contemporary literature - [A-Z]

Stampa pagina

BRUNO PISCHEDDA , responsabile dell'insegnamento

CdL in STORIA E CRITICA DELL'ARTE (Classe LM-89) Immatricolati dall'a.a. 2016/2017 - Laurea Magistrale - 2016/2017

Insegnamento obbligatorioNo
Anno di corso
Periodo di svolgimentosecondo semestre
Settori scientifico disciplinari
  • L-FIL-LET/11 - Letteratura italiana contemporanea
Crediti (CFU) obbligatori6
Crediti (CFU) facoltativi3

Informazioni generali

Obiettivi dell'insegnamento: Conoscenze: Quadro informativo essenziale della storia della letteratura italiana contemporanea (opere e autori maggiori, generi e tendenze principali, linee generali di periodizzazione). Comprensione di ruoli e funzioni costitutivi del sistema letterario: autore, pubblico, mediazione critica ed editoriale. Comprensione degli elementi di base per un'analisi del testo nelle sue diverse articolazioni (strutture narrative, dispositivi stilistici, retorici, metrici); consapevolezza della pluralità delle possibili prospettive d'indagine sui testi letterari. Criteri di identificazione bibliografica dei testi.
Capacità: Capacità di individuare i principali caratteri espressivi (strutturali, tematici, stilistici) specifici di un'opera e di riconoscervi i tratti di un'identità d'autore. Capacità di descrivere le scelte testuali come modi del dialogo fra autore e lettori. Capacità di collocazione cronologica appropriata e di corretta attribuzione di genere delle opere. Capacità di illustrare brevemente i dati essenziali di un quadro storico-letterario (periodo, movimento, tendenza). Comprensione dell'insieme di relazioni funzionali che definiscono il sistema letterario moderno borghese e modellano la fisionomia dei testi. Capacità di citare in modo appropriato i saggi critici in bibliografia per sorreggere alcune osservazioni analitiche; di utilizzare correttamente un glossario critico di base per la descrizione dei testi. Capacità di identificazione bibliografica corretta delle opere e dei saggi critici in programma; di illustrare la rilevanza dei dati bibliografici per la descrizione, interpretazione e valutazione di affidabilità dei testi.

Programma

Modalità di esame, prerequisiti, esami propedeutici

Esame in un'unica volta o suddiviso in partiunico
Modalità di accertamento conoscenzeEsame
Giudiziovoto verbalizzato in trentesimi

Prerequisiti e modalità di esame Orale: la prova orale consiste di un colloquio sugli argomenti previsti nel programma in ciascuna delle tre unità didattiche, volto ad accertare l’acquisizione di categorie e strumenti metodologici e la padronanza delle competenze di analisi testuale e interpretazione storico/critica delle opere in esame.

Organizzazione della didattica

Unita' didattica A

obbligatorio

Settori e relativi crediti

  • Settore:L-FIL-LET/11 - Letteratura italiana contemporanea - Crediti: 3
Attività didattiche previste

Lezioni: 20 ore

Unita' didattica B

obbligatorio

Settori e relativi crediti

  • Settore:L-FIL-LET/11 - Letteratura italiana contemporanea - Crediti: 3
Attività didattiche previste

Lezioni: 20 ore

Unita' didattica C

facoltativo

Settori e relativi crediti

  • Settore:L-FIL-LET/11 - Letteratura italiana contemporanea - Crediti: 3
Attività didattiche previste

Lezioni: 20 ore

Ricevimento docenti

Orario di ricevimento Docenti
DocenteOrario di ricevimentoLuogo di ricevimento
BRUNO PISCHEDDA , responsabile dell'insegnamentomercoledì ore 16 - 19Dip. Studi letterari, filologici e linguistici, sez. Modernistica, secondo piano.
STEFANO GHIDINELLIIl ricevimento si svolge il venerdì, dalle 14.30 alle 17.30.Studio secondo piano rialzato, Dip. Studi letterari, filologici e linguistici (sez. Modernistica)

Programma d'esame

Argomento del corso: Tipologie del racconto partigiano: Fenoglio (60 ore; 9 cfu)

Unità didattica A (20 ore; 3 cfu): La letteratura come istituzione (Prof. Bruno Pischedda)
Unità didattica B (20 ore; 3 cfu): Fasi e tendenze del Novecento letterario (Prof. Bruno Pischedda)
Unità didattica C (20 ore; 3 cfu): Fenoglio e la narrativa resistenziale (Docente da definire)

Il corso è rivolto agli studenti dei Corsi di laurea triennale in Lettere, Lingue e letterature straniere, Scienze dei Beni culturali, Storia, Scienze umane per l’ambiente. Gli studenti che hanno intenzione di sostenere l’esame per 6 cfu dovranno preparare obbligatoriamente l’unità didattica C e, a scelta, l’unità didattica A oppure l’unità didattica B.

Presentazione del corso
L’unità didattica A, di carattere metodologico, vale come introduzione ai caratteri salienti del sistema letterario otto-novecentesco, concentrando l’attenzione su quattro aspetti fondamentali: dialettica In-novazione/Tradizione; autore e prerogative dell’autorialità letteraria; ruolo del lettore; aspetti testuali e categorie della narrazione. L’unità didattica B è di indole storiografica: richiamando un repertorio di informazioni di base, che lo studente dovrà acquisire in autonomia attraverso lo studio di un agile profilo di storia letteraria (indicato nel programma), il modulo si propone di ripercorrere le linee di sviluppo della letteratura italiana novecentesca, attraverso l’analisi di una serie di autori e di testi esemplari (i frequentanti potranno disporre a lezione dei materiali di studio). L’unità didattica C si concentra sulla lettura ravvicinata di due opere narrative di Beppe Fenoglio: i racconti compresi nella raccolta I ventitré giorni della città di Alba, suo esordio letterario, e il romanzo breve Una questione privata, pubblicato postumo a pochi mesi dalla scomparsa. I testi saranno esaminati dal punto di vista dello Spazio, del Tempo e del sistema di relazioni a cui sottostanno i personaggi; oltre che dal lato delle scelte stilistico-espressive tanto mosse e tanto tipiche dell’autore.

Risultati di apprendimento
Conoscenze: 1) Quadro informativo essenziale della storia della letteratura italiana dall’Unità ai nostri giorni (opere e autori maggiori, generi e tendenze principali, linee generali di periodizzazione). 2) Comprensione di ruoli e funzioni costitutivi del sistema letterario: autore, pubblico, mediazione critica ed editoriale. 3) Comprensione degli elementi di base per un’analisi del testo nelle sue diverse articolazioni (strutture narrative, dispositivi retorici e stilistici); consapevolezza della pluralità delle possibili prospettive d’indagine sui testi letterari. 4) Criteri di identificazione bibliografica dei testi.
Capacità: 1) Capacità di individuare i principali caratteri espressivi (strutturali, tematici, stilistici) specifici di un’opera e di riconoscervi i tratti di un’identità d’autore. Capacità di descrivere le scelte testuali come modi del dialogo fra autore e lettori. 2) Capacità di collocazione cronologica appropriata e di corretta attribuzione di genere delle opere. Capacità di illustrare brevemente i dati essenziali di un quadro storico-letterario (periodo, movimento, tendenza). 3) Comprensione dell’insieme di relazioni funzionali che definiscono il sistema letterario moderno borghese e modellano la fisionomia dei testi. Capacità di utilizzare i saggi critici in bibliografia per sorreggere alcune osservazioni analitiche. Capacità di impiegare correttamente un glossario critico di base per la descrizione dei testi. 4) Capacità di identificazione bibliografica corretta delle opere e dei saggi critici in programma; capacità di illustrare la rilevanza dei dati bibliografici per la descrizione, interpretazione e valutazione di affidabilità dei testi.

Indicazioni bibliografiche

Unità didattica A
V. Spinazzola, Le istituzioni della modernità; La fatica di leggere, in L’esperienza della lettura Milano, Unicopli, 2010, pp. 61 – 83 e 99 – 136; M. Barenghi, L’autorità dell’autore, Milano, Edizioni Unicopli, 2000 (limitat. ai capp. II e V, pp. 61-97 e 161-196); L. Chines–C. Varotti, Che cos’è un testo letterario, Roma, Carocci 2001 (limitatam. al cap. 3 – La narrazione, pp. 73 – 119). Programma per studenti non frequentanti
R. Bigazzi, Sulla complicità tra canone e critica, in Aa.Vv., Un canone per il terzo millennio, Milano, Bruno Mondadori 2001, pp. 116–136.
Unità didattica B
A. Casadei, Il Novecento, il Mulino, Bologna 2007.
(A lezione sarà disponibile una antologia di testi da commentare)
Programma per studenti non frequentanti
Studio di autori, opere e correnti otto-novecentesche su un buon manuale, per esempio R. Luperini, P. Cataldi, L. Marchiani, F. Marchese, La letteratura come dialogo, vol. III, 2 tomi, Palermo, Palumbo, 2009. Limitatamente ai seguenti argomenti: Simbolismo; Avanguardie storiche; I narratori modernisti (Pirandello, Svevo, Tozzi); I crepuscolari; La poesia ermetica e nuova (con particolare attenzione a Saba, Ungaretti, Montale); Autori del periodo neorealista (compresi Pavese, Vittorini, Fenoglio); Gadda, Morante, Calvino, Pasolini; Gli sperimentali e le Neoavanguardie.

Unità didattica C
B. Fenoglio, I ventitré giorni della città di Alba, Presentazione di D. Isella, Einaudi, Torino 2011; e Id., Una questione privata, introduzione di G. Pedullà, Einaudi, Torino 2010.
Bibliografia critica
L. Bufano, Storia di un esordio. Dai «Racconti della guerra civile» a «I ventitré giorni della città di Alba», in Id., Fenoglio e il racconto breve, Longo, Ravenna 1999, pp. 85-117.
G. Pedullà, La strada più lunga. Sulla tracce di Beppe Fenoglio, Donzelli, Roma 2001, limitatamente ai capp. I, II, III, pp. 13-63.
Programma per studenti non frequentanti
R. Bigazzi, Fenoglio, Salerno, Roma 2011, limitatamente al capitolo: Come raccontare la guerra civile, pp. 51-73.

05/08/2016