Cerca insegnamenti o docenti



Voi siete qui

Corso di laurea in STORIA E CRITICA DELL'ARTE (Classe LM-89)
Immatricolati dall'a.a. 2016/2017

Tipo di corso di studiLaurea Magistrale
Anno accademico2016/2017
Classe di laureaclasse LM-89, STORIA DELL ARTE
Titolo rilasciatoDottore Magistrale
Curricula
Durata2 anni
Crediti richiesti per l’iscrizione al 1° anno di corso180
Cfu massimi acquisibili120
Anni di corso attivati1 anno
Accesso
Conoscenze richieste per l'iscrizione al 1° anno di corsoSono ammessi alla laurea magistrale in Storia e critica dell’arte i laureati nelle seguenti classi di laurea triennale:

L-01 (ex 13) Beni culturali,
L-05 (ex 29) Filosofia,
L-06 (ex 30) Geografia,
L-10 (ex 5) Lettere,
L-11 (ex 11) Lingue e culture moderne,
L-20 (ex 14) Scienze della comunicazione,
L-42 (ex 38) Storia

che abbiano acquisito almeno 60 cfu nei seguenti s.s.d.:
almeno 9 cfu nel s.s.d. L-FIL-LET/10 - Letteratura italiana;
almeno 9 cfu nei s.s.d. M-STO/01 - Storia medievale; M-STO/02 - Storia moderna; M-STO/04 - Storia contemporanea;
almeno 27 cfu nei s.s.d. L-ANT/08 - Archeologia cristiana e medievale; L-ART/01 - Storia dell’arte medievale; L-ART/02 - Storia dell’arte moderna; L-ART/03 - Storia dell’arte contemporanea; L-ART/04 - Museologia e critica artistica e del restauro;
almeno 15 cfu nei s.s.d. BIO/08 - Antropologia; CHIM/02 - Chimica fisica; FIS/07 - Fisica applicata; GEO/01 - Paleontologia e paleoecologia; ICAR/15 - Architettura del paesaggio; ICAR/18 - Storia dell’architettura; INF/01 - Informatica; IUS/10 - Diritto amministrativo; L-ANT/02 - Storia greca; L-ANT/03 - Storia romana; L-ANT/04 - Numismatica; L-ANT/07 - Archeologia classica; L-ANT/08 - Archeologia cristiana e medievale; L-ART/01 - Storia dell’arte medievale; L-ART/02 - Storia dell’arte moderna; L-ART/03 - Storia dell’arte contemporanea; L-ART/04 - Museologia e critica artistica e del restauro; L-ART/05 - Discipline dello spettacolo; L-ART/06 - Cinema, fotografia e televisione; L-ART/07 - Musicologia e storia della musica; L-ART/08 - Etnomusicologia; L-FIL-LET/02 - Lingua e letteratura greca; L-FIL-LET/04 - Lingua e letteratura latina; L-FIL-LET/07 - Civiltà bizantina; L-FIL-LET/08 - Letteratura latina medievale e umanistica; L-FIL-LET/11 - Letteratura italiana contemporanea; L-LIN/01 - Glottologia e linguistica; M-FIL/04 - Estetica; M-FIL/06 – Storia della filosofia; M-GGR/01 - Geografia; M-STO/06 – Storia delle religioni; M-STO/08 - Archivistica, bibliografia e biblioteconomia; SPS/08 - Sociologia dei processi culturali e comunicativi.

Sono inoltre ammessi i laureati in altre classi di laurea triennale che abbiano acquisito almeno 90 cfu nei seguenti s.s.d.
almeno 9 cfu nel s.s.d. L-FIL-LET/10 - Letteratura italiana;
almeno 9 cfu nei s.s.d. M-STO/01 - Storia medievale; M-STO/02 - Storia moderna; M-STO/04 - Storia contemporanea;
almeno 27 cfu nei s.s.d. L-ANT/08 - Archeologia cristiana e medievale; L-ART/01 - Storia dell’arte medievale; L-ART/02 - Storia dell’arte moderna; L-ART/03 - Storia dell’arte contemporanea; L-ART/04 - Museologia e critica artistica e del restauro;
almeno 27 cfu nei s.s.d. ICAR/15 - Architettura del paesaggio; ICAR/18 - Storia dell’architettura; L-ANT/08 - Archeologia cristiana e medievale; L-ART/01 - Storia dell’arte medievale; L-ART/02 - Storia dell’arte moderna; L-ART/03 - Storia dell’arte contemporanea; L-ART/04 - Museologia e critica artistica e del restauro; L-ART/05 - Discipline dello spettacolo; L-ART/06 - Cinema, fotografia e televisione; L-ART/07 - Musicologia e storia della musica; L-ART/08 - Etnomusicologia;
almeno 18 cfu nei s.s.d. BIO/08 - Antropologia; CHIM/02 - Chimica fisica; FIS/07 - Fisica applicata; GEO/01 – Paleontologia e paleoecologia; INF/01 - Informatica; IUS/10 - Diritto amministrativo; L-ANT/02 - Storia greca; L-ANT/03 - Storia romana; L-ANT/04 - Numismatica; L-ANT/07 - Archeologia classica; L-FIL-LET/02 - Lingua e letteratura greca; L-FIL-LET/04 - Lingua e letteratura latina; L-FIL-LET/07 - Civiltà bizantina; L-FIL-LET/08 - Letteratura latina medievale e umanistica; L-FIL-LET/11 - Letteratura italiana contemporanea; L-LIN/01 - Glottologia e linguistica; M-FIL/04 - Estetica; M-FIL/06 – Storia della filosofia; M-GGR/01 - Geografia; M-STO/06 – Storia delle religioni; M-STO/08 - Archivistica, bibliografia e biblioteconomia; SPS/08 - Sociologia dei processi culturali e comunicativi.

Per accedere al corso di laurea magistrale in Storia e critica dell'arte, i laureati devono essere in grado di utilizzare fluentemente, in forma scritta e orale, almeno una lingua dell’Unione Europea oltre l’italiano, con riferimento anche ai lessici disciplinari.
La verifica dell’adeguatezza della preparazione personale dei candidati ai fini dell’ammissione al corso di laurea magistrale verrà svolta mediante colloqui individuali.
Per poter sostenere il colloquio previsto per la verifica del possesso dei requisiti d’accesso curriculari, il candidato dovrà presentare domanda nei tempi e con le modalità che saranno stabiliti e pubblicati sul portale web d’Ateneo (www.unimi.it) ogni anno all’apertura delle procedure di ammissione.
Corsi triennali che danno accesso senza debiti

Introduzione al corso

Il corso di laurea magistrale in Storia e critica dell'arte appartiene alla classe delle lauree magistrali in Storia dell’arte (classe LM-89) e si svolge nella Facoltà di Studi umanistici.

Obiettivi formativi

I laureati del corso di laurea magistrale in Storia dell’arte acquisiranno una solida conoscenza e capacità di comprensione della storia dell’arte, dall’età tardo-antica alla contemporanea, cui si accompagnerà la conoscenza e la capacità di comprensione delle modalità di trasmissione, ricezione e fruizione sia dei ‘testi’ figurativi – relativamente ai diversi settori e nelle diverse aree nei quali si articolano le arti (architettura, pittura, scultura, fotografia, arti applicate, nuove tecnologie di produzione e riproduzione dell’immagine) – sia della letteratura artistica nella più ampia accezione di tale espressione.

Sbocchi professionali

Il livello di conoscenze e competenze raggiunto permetterà ai laureati in Storia e critica dell’arte di operare in ambito universitario negli ulteriori livelli della ricerca scientifica e dell’insegnamento specialistico, in istituzioni come musei, soprintendenze, fondazioni, gallerie d’arte, centri di documentazione, archivi, biblioteche, nella consulenza specialistica ad aziende e operatori nell’ambito dell’industria culturale ed editoriale e dell’educazione alla conoscenza del patrimonio storico-artistico.