Cerca insegnamenti o docenti



Epigrafia greca - [A-Z]
Greek epigraphy - [A-Z]

Stampa pagina

TERESA GIULIA ALFIERI , responsabile dell'insegnamento

CdL in STORIA (Classe L-42) Immatricolati dall'a.a. 2014/2015 - Laurea - 2016/2017

Insegnamento obbligatorioNo
Anno di corso
Periodo di svolgimentoprimo semestre
Settori scientifico disciplinari
  • L-ANT/02 - Storia greca
Crediti (CFU) obbligatori6
Crediti (CFU) facoltativi3

Informazioni generali

Obiettivi dell'insegnamento: TRIENNIO
Conoscenze: conoscenza degli elementi essenziali dell'epigrafia greca e delle principali tematiche relative all'origine della scrittura alfabetica nel mondo greco, alle sue varie caratteristiche dialettali e grafiche ed alla sua diffusione ed evoluzione fino all'epoca romana. Conoscenza della geografia storica del mondo greco.
Capacità: capacità di descrivere e riconoscere le varie tipologie di iscrizioni, con i loro formulari specifici, e le loro peculiarità comunicative. Consapevolezza della metodologia d'uso delle iscrizioni come fonti pluridisciplinari, parallelamente alle altre testimonianze letterarie, numismatiche, papirologiche, archeologiche e iconografiche per ricostruire, nella loro contestualizzazione, i molteplici aspetti della civiltà greca. Padronanza del lessico specifico della disciplina e dell'utilizzazione degli strumenti bibliografici essenziali.
BIENNIO
Conoscenze: un approfondimento delle conoscenze delle tematiche più attuali ed un atteggiamento autonomamente critico nei confronti di queste.
Capacità: capacità di rielaborazione personale della funzione di un'epigrafe anzitutto come forma di comunicazione in sé, in secondo luogo come documento da sapere interpretare ed utilizzare in rapporto con gli altri dati che ci giungono dalle altre discipline antichistiche. Un uso ampio ed appropriato della terminologia specifica della disciplina. La capacità di individuare un tema di ricerca degno di approfondimento e la padronanza dell'utilizzazione degli strumenti bibliografici e della metodologia appropriati.

Programma

Modalità di esame, prerequisiti, esami propedeutici

Esame in un'unica volta o suddiviso in partiunico
Modalità di accertamento conoscenzeEsame
Giudiziovoto verbalizzato in trentesimi

Prerequisiti e modalità di esame Orale: la prova consiste in un colloquio volto ad accertare la conoscenza degli argomenti e dei testi trattati durante il Corso e della bibliografia relativa, o del programma previsto per gli studenti non frequentanti e delle letture a scelta.
Per gli studenti delle Lauree Magistrali prevede anche la presentazione e la discussione della ricerca individuale svolta, da far pervenire almeno una settimana prima dell’appello d’esame.

Organizzazione della didattica

Unita' didattica A

obbligatorio

Settori e relativi crediti

  • Settore:L-ANT/02 - Storia greca - Crediti: 3
Attività didattiche previste

Lezioni: 20 ore

Unita' didattica B

obbligatorio

Settori e relativi crediti

  • Settore:L-ANT/02 - Storia greca - Crediti: 3
Attività didattiche previste

Lezioni: 20 ore

Unita' didattica C

facoltativo

Settori e relativi crediti

  • Settore:L-ANT/02 - Storia greca - Crediti: 3
Attività didattiche previste

Lezioni: 20 ore

Ricevimento docenti

Orario di ricevimento Docenti
DocenteOrario di ricevimentoLuogo di ricevimento
TERESA GIULIA ALFIERI , responsabile dell'insegnamentoMercoledì ore 11.00-13.00 o su appuntamento per e-mailStoria Antica, Epigrafia greca - Cortile Legnaia - piano terra

Programma d'esame

Argomento del corso: La civiltà greca: ambito privato e istituzioni pubbliche (40/60 ore, 6/9 cfu).

Unità didattica A (20 ore, 3 cfu): Virtù e ideali dei cittadini.
Unità didattica B (20 ore, 3 cfu): Atene e Sparta: due modelli contrapposti.
Unità didattica C (20 ore, 3 cfu): Relazioni internazionali nel mondo greco in età classica.

Il corso è rivolto agli studenti del Corso di laurea triennale in Lettere (6/9 cfu), del Corso di laurea triennale in Storia (6/9 cfu), del Corso di laurea magistrale in Filologia, letterature e storia dell’antichità (6/9 cfu) e del Corso di laurea magistrale in Scienze storiche (6/9 cfu). Può essere scelto anche da studenti di altri Corsi di laurea nell’ambito dei cfu liberi.

Presentazione del corso
Nell’unità didattica A si focalizza l’attenzione sulle modalità primarie dell’uso della scrittura come forma di comunicazione sin dalla sua introduzione e sulle principali tipologie di iscrizioni, con particolare riferimento alle implicazioni spaziali e temporali, alle loro finalità ed alla loro evoluzione nel tempo. L’Unità didattica B tratta delle istituzioni più rappresentative della democrazia ateniese e del regime oligarchico spartano dell’età classica attraverso l’analisi ed il commento di alcune iscrizioni e l’utilizzazione di altre fonti letterarie e documentarie. L’Unità didattica C verte sulle testimonianze di relazioni internazionali nel mondo greco tra il V e il IV secolo a. C.
I testi non presenti nella Bibliografia richiesta saranno forniti durante il Corso e riservati agli studenti frequentanti.

Risultati di apprendimento
Triennio
Conoscenze: conoscenza degli elementi essenziali dell’epigrafia greca e delle principali tematiche relative all’origine della scrittura alfabetica nel mondo greco, alle sue molteplici forme di utilizzazione dalle più semplici a quelle più complesse in relazione anche ai vari materiali e supporti, alle sue varie caratteristiche dialettali e grafiche ed alla sua diffusione ed evoluzione fino all’epoca romana. Conoscenza della geografia storica del mondo greco.
Capacità: capacità di descrivere e riconoscere le varie caratteristiche materiali e le diverse tipologie di iscrizioni, con i loro formulari specifici, e le loro finalità comunicative e di individuarne l’ambito privato o pubblico e il contesto geografico e cronologico. Consapevolezza della metodologia d’uso delle iscrizioni come fonti pluridisciplinari, parallelamente alle altre testimonianze letterarie, numismatiche, papirologiche, archeologiche e iconografiche per ricostruire, nella loro contestualizzazione, i molteplici aspetti della civiltà greca sia nella sfera privata sia nell’ambito politico-istituzionale. Padronanza del lessico specifico della disciplina e dell’utilizzazione degli strumenti bibliografici essenziali allo scopo di gestire in modo armonico ed esaustivo tutti i dati ricavabili.
Biennio
Conoscenze: un approfondimento delle conoscenze indicate per il triennio, con particolare attenzione alle tematiche più attuali ed un atteggiamento autonomamente critico nei confronti di queste.
Capacità: capacità di rielaborazione personale della funzione di un’epigrafe anzitutto come forma di comunicazione in sé, in secondo luogo come documento da contestualizzare in tutte le sue componenti da utilizzare, al fine di saperlo pienamente interpretare ed utilizzare in rapporto con gli altri dati che ci giungono dalle altre discipline antichistiche. Un uso ampio ed appropriato della terminologia specifica della disciplina. La capacità di individuare un tema di ricerca degno di interesse e di approfondimento e la padronanza dell’utilizzazione degli strumenti bibliografici e della metodologia appropriati all’aggiornamento degli studi epigrafici di riferimento.

Indicazioni bibliografiche
Unità didattica A
F. GHINATTI, Profilo di epigrafia greca, Soveria Mannelli (CZ), Rubbettino 1998.
M. GUARDUCCI, L’epigrafia greca dalle origini al tardo impero, Ed. Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato, Roma 1987, pp. 17-33; 41-42; 53-58; 68; 81-88; 359-378; 422-442.
Programma per studenti non frequentanti
F. GHINATTI, Profilo di epigrafia greca, Soveria Mannelli (CZ), Rubbettino 1998.
Passi scelti da M. Guarducci, L’epigrafia greca dalle origini al tardo impero, Ed. Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato, Roma 1987, pp. 17-33; 41-42; 53-58; 68; 81-88; 111-143; 155-180; 227-243; 254-285; 359-417; 422-442.

Unità didattica B
T. ALFIERI TONINI, Atene onora le poleis. Riflessi di un imperialismo, Aracne, Roma 2011.
Programma per studenti non frequentanti
T. ALFIERI TONINI, Atene onora le poleis. Riflessi di un imperialismo, Aracne, Roma 2011.
Un libro a scelta fra i seguenti:
- J. SVENBRO, Storia della lettura nella Grecia antica, Laterza, Bari 1991.
- Alfabeti. Preistoria e storia del linguaggio scritto, a cura di M. NEGRI, Demetra, Colognola ai
Colli, 2000 (fino a p. 176).
- L. GODART, L’invenzione della scrittura. Dal Nilo alla Grecia, Einaudi, Torino 2001.
- F. FERRANDINI TROISI, La donna nella società ellenistica. Testimonianze epigrafiche, Edipuglia, Bari 1998.
- F. FRISONE, Leggi e regolamenti funerari nel mondo greco, I, Le fonti epigrafiche, Congedo, Galatina 2000.
- M. GIRONE, Iamata. Guarigioni miracolose di Asclepio in testi epigrafici, Levante, Bari 1998 (fino a p. 168).

Unità didattica C
I testi commentati e le letture consigliate durante il Corso.
Programma per studenti non frequentanti
A. BENCIVENNI, Progetti di riforme costituzionali nelle epigrafi greche dei secoli 4-2. a. C.. Lo scarabeo, Bologna 2003 (fino a p. 103).

Gli studenti che frequentano i Corsi di laurea magistrali in Filologia, letterature e storia dell’antichità (6/9 cfu) ed in Scienze storiche (6/9 cfu) e sostengono l’esame per la prima volta dovranno seguire le prime due Unità didattiche (6 cfu) o le tre Unità didattiche (9 cfu), attenendosi al resto del programma, e svolgere una breve ricerca epigrafica individuale da concordare (quest’ultima anche nel caso in cui sostituissero le suddette Unità didattiche con il programma per i non frequentanti).
Quelli che hanno già sostenuto l’esame per la laurea triennale, oltre a svolgere la ricerca individuale, dovranno seguire la terza Unità didattica ed aggiungere al programma altri testi, da concordare secondo i crediti (6/9 cfu) che intendono acquisire.
La frequenza, in mancanza di motivazioni valide, è vivamente consigliata.
La conoscenza della lingua greca antica è richiesta solo agli studenti di lettere dell’indirizzo classico.

02/08/2016