Cerca insegnamenti o docenti



Filologia romanza - [A-Z]
Romance philology - [A-Z]

Stampa pagina

LUCA SACCHI , responsabile dell'insegnamento

CdL in LINGUE E LETTERATURE STRANIERE (Classe L-11) Immatricolati dall'a.a. 2016/2017 - Laurea - 2016/2017

Insegnamento obbligatorioNo
Anno di corso
Periodo di svolgimentoprimo semestre
Settori scientifico disciplinari
  • L-FIL-LET/09 - Filologia e linguistica romanza
Crediti (CFU) obbligatori9
Crediti (CFU) facoltativi-

Informazioni generali

Obiettivi dell'insegnamento: Gli studenti potranno acquisire dimestichezza con il panorama linguistico romanzo, la sua storia e i metodi chiave per il suo studio, con particolare riguardo per l'epoca medievale; possiederanno inoltre le coordinate di massima dei generi letterari di maggiore successo nei primi secoli, come pure delle dinamiche della loro affermazione da un'area all'altra.
Quanto alle competenze, gli studenti saranno in grado per un verso di valutare con maggiore precisione le peculiaritÓ della propria lingua di specializzazione e della sua tradizione culturale entro il grande assieme della RomÓnia; per un altro otterranno le informazioni di base utili a tradurre testi rtedatti in altre lingue neolatine. Affineranno infine le capacitÓ di analisi critica del testo letterario di epoca medievale e vi affiancheranno l'abitudine a vagliare criticamente le fonti scritte dei testi.

Programma

ModalitÓ di esame, prerequisiti, esami propedeutici

Esame in un'unica volta o suddiviso in partiunico
ModalitÓ di accertamento conoscenzeEsame
Giudiziovoto verbalizzato in trentesimi

Prerequisiti e modalitÓ di esame Scritto preliminare + orale: Tutte e tre le unitÓ didattiche possono essere portate all’esame orale, nel quale verrÓ accertata la preparazione degli argomenti delineati nel programma, valutando tanto la dimestichezza con questioni di carattere linguistico (unitÓ A) e storico-letterario (unitÓ B e C) quanto la capacitÓ di tradurre, commentare e contestualizzare i primi documenti delle lingue romanze (unitÓ B) e i brani letterari (unitÓ C). ╚ anche possibile sostenere una prova scritta facoltativa di Linguistica romanza (unitÓ A), che prevede alcune domande a risposta aperta sul programma d’esame; nel caso essa venga superata sarÓ possibile portare all’orale solo le unitÓ rimanenti. Tale prova si effettua nei mesi di gennaio, maggio e settembre; il voto ottenuto rimane valido per un anno.

Organizzazione della didattica

Settori e relativi crediti

  • Settore:L-FIL-LET/09 - Filologia e linguistica romanza - Crediti: 9
AttivitÓ didattiche previste

Lezioni: 60 ore

Unita' didattica A

obbligatorio

Settori e relativi crediti

  • Settore:L-FIL-LET/09 - Filologia e linguistica romanza - Crediti: 3
AttivitÓ didattiche previste

Lezioni: 20 ore

Unita' didattica B

obbligatorio

Settori e relativi crediti

  • Settore:L-FIL-LET/09 - Filologia e linguistica romanza - Crediti: 3
AttivitÓ didattiche previste

Lezioni: 20 ore

Unita' didattica C

obbligatorio

Settori e relativi crediti

  • Settore:L-FIL-LET/09 - Filologia e linguistica romanza - Crediti: 3
AttivitÓ didattiche previste

Lezioni: 20 ore

Ricevimento docenti

Orario di ricevimento Docenti
DocenteOrario di ricevimentoLuogo di ricevimento
LUCA SACCHI , responsabile dell'insegnamentoMartedý, ore 11.30Dipartimento di Studi Letterari, FIlologici e Linguistici, Sezione di Modernistica, I piano

Programma d'esame

Argomento del corso: Uomini e demoni: mosaico medievale

Il corso si propone di introdurre ai problemi e ai metodi che fondano lo studio storico-comparativo delle lingue e delle letterature romanze, a partire dalle loro radici medievali, attraverso un confronto diretto con le fonti documentarie. L’unitÓ didattica A (Introduzione alla linguistica romanza) sarÓ orientata a delineare il panorama delle lingue romanze, evidenziandone le linee di sviluppo generali e individuali a partire dal latino, e affrontando alcuni problemi chiave della loro storia. L’unitÓ didattica B (Origini delle letterature romanze) offrirÓ un quadro essenziale delle origini letterarie del Medioevo romanzo, dai primi documenti scritti dei volgari di area francese, occitanica, iberica e italiana, al costituirsi dei primi generi di grande successo, l’epica e la lirica. L’unitÓ didattica C (Il patto col diavolo nel medioevo romanzo) si articolerÓ invece in un percorso tra generi differenti e diverse lingue, volto a esaminare alcuni degli esiti letterari pi¨ riusciti di un tema antico – quello del contatto e del contratto col demonio – che il Medioevo ha praticato con assiduitÓ, mostrandoci un Nemico dal profilo instabile, ora seducente ora spaventoso o grottesco, ma sempre insidiosamente vicino all’uomo.
PROGRAMMA

UnitÓ A
Agli appunti delle lezioni andrÓ associato il manuale di P. Gresti, Introduzione alla linguistica romanza, Bologna, Pßtron, 2016; le parti da preparare saranno indicate in seguito. La conoscenza e la capacitÓ di commento delle carte geolinguistiche nel volume sono parti integranti del programma d’esame.
UnitÓ B
Oltre agli appunti delle lezioni saranno da preparare: M.L. Meneghetti, Le origini delle letterature medievali romanze, Roma-Bari, Laterza, 20098; A. Limentani, M. Infurna, L’epica romanza del Medioevo, Bologna, Il Mulino, 2007; U. M÷lk, La lirica dei trovatori, Bologna, Il Mulino, 1996 (le pagine da preparare saranno indicate in seguito).
UnitÓ C
I testi letti, tradotti e commentati a lezione si troveranno riuniti in una dispensa in formato digitale che verrÓ resa disponibile sul sito del corso nel portale Ariel; a supporto andrÓ studiato il volume di A. D’Agostino, Gli antenati di Faust, in corso di stampa per l’editore Mimesis.

Studenti non frequentanti
Per l’unitÓ B si richiede in aggiunta lo studio del volume di Luciano Formisano, La lirica romanza del medioevo, Bologna, Il Mulino, 2012, pp. 49-92. Per l’unitÓ C come sussidio alla traduzione e al commento dei testi oitanici e castigliani si suggerisce l’impiego di due profili di grammatica storica, ovvero Aurelio Roncaglia, La lingua d’o´l. Profilo di grammatica storica del francese antico, Pisa, Istituti editoriali e poligrafici internazionali, 2005 (che potrÓ essere utilmente associato al volume di Alberto Varvaro, Avviamento alla filologia francese medievale, Roma, Carocci, 2003, per le pagine dell’Introduzione e del Glossario) e A. D’Agostino, Lo spagnolo antico. Sintesi storico-descrittiva, Milano, LED, 2001. Si raccomanda agli studenti non frequentanti di individuare nel sito del corso i materiali di supporto ai vari moduli, in modo da consolidare e arricchire la loro preparazione.

Il programma dettagliato e la bibliografia definitiva saranno disponibili sul sito del corso nel portale Ariel, nel quale troveranno posto anche materiali supplementari e spunti per approfondimenti individuali.

OBIETTIVI
Gli studenti potranno acquisire dimestichezza con il panorama linguistico romanzo, la sua storia e i metodi chiave per il suo studio, con particolare riguardo per l’epoca medievale; possiederanno inoltre le coordinate di massima dei generi letterari di maggiore successo nei primi secoli, come pure delle dinamiche della loro affermazione da un’area all’altra.
Quanto alle competenze, gli studenti saranno in grado per un verso di valutare con maggiore precisione le peculiaritÓ della propria lingua di specializzazione e della sua tradizione culturale entro il grande assieme della RomÓnia; per un altro otterranno le informazioni di base utili a tradurre testi redatti in altre lingue neolatine. Affineranno infine le capacitÓ di analisi critica del testo letterario di epoca medievale e vi affiancheranno l’abitudine a vagliare criticamente le fonti scritte dei testi.

09/09/3016