Cerca insegnamenti o docenti



Manifesto degli studi

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MILANO
MANIFESTO DEGLI STUDI A.A.  2016/17
LAUREA IN
LINGUE E LETTERATURE STRANIERE (Classe L-11)
Immatricolati fino all'a.a. 2015-2016
 
GENERALITA'
Classe di laurea di appartenenza:L-11  LINGUE E CULTURE MODERNE
Titolo rilasciato:Dottore
Durata del corso di studi:3 anni
Cfu da acquisire totali:180
Annualità attivate:2° , 3°
Modalità accesso:Libero con test di autovalutazione obbligatorio prima dell'immatricolazione
Codice corso di studi:C23
 
RIFERIMENTI
Presidente Collegio Didattico
Prof. Alessandro Cassol
Sito web del corso di laurea
www.studiumanistici.unimi.it/corsidilaurea
Commissione Paritetica Docenti-Studenti
Prof. Iannaccaro,Sig. Verdi,Prof. Brancaglion,Prof. Di Venosa,Prof. Rossi,Sig.ra Ceriani,Sig.ra Terraneo,Sig.ra Puccio     http://www.lingue.unimi.it/ecm/home/organizzazione/organi-de-dipartimento/commissione-paritetica-docenti-studenti  
Dipartimento di Lingue e letterature straniere
Piazza S. Alessandro, 1     http://www.lingue.unimi.it/  
IMMATRICOLAZIONI E AMMISSIONI
    http://www.unimi.it/studenti/matricole/77598.htm  
Referenti del corso
Alessandro Cassol, Giuliana Iannaccaro, Marco Modenesi      
Sedi didattiche
Piazza S. Alessandro,1 - Via Santa Sofia, 9      
 
CARATTERISTICHE DEL CORSO DI STUDI
Premessa
Il corso di laurea in Lingue e letterature straniere appartiene alla Classe delle lauree in Lingue e culture moderne - Classe 11 e si svolge nella Facoltà di Studi umanistici. Le lezioni si svolgono principalmente negli edifici di Piazza S. Alessandro e di via Santa Sofia, in pieno centro città e comodamente raggiungibili con i mezzi pubblici
Obiettivi formativi generali e specifici
Obiettivo del corso di laurea è assicurare una serie di competenze teorico-scientifiche di base e di competenze pratiche di alto livello relative alla sfera delle lingue e delle letterature straniere, avendo presente la dimensione internazionale della sua offerta formativa. La prevalenza è data all’insegnamento delle principali lingue europee, non disgiunta dalla riflessione teorica sugli aspetti della linguistica teorica e applicata, e si accompagna allo studio delle corrispondenti manifestazioni letterarie, nel tempo (con percorsi diacronici e sincronici) e nello spazio (con aperture sulla diffusione di tali lingue e letterature al di fuori dell’Europa).
Profilo professionale e sbocchi occupazionali
L’attenzione che il corso di laurea accorda alle discipline linguistiche, sia teoriche sia pratiche, assicura al laureato competenze immediatamente spendibili in tutti quei campi del mondo del lavoro e della professione che richiedono una padronanza scritta e orale delle lingue straniere, accompagnata da una solida formazione di base umanistico-letteraria di matrice internazionale. In particolare i laureati saranno attivi come “specialisti in scienze umane, sociali e gestionali”, in qualità di traduttori di livello elevato oppure di linguisti o revisori di testi; potranno operare in case editrici tradizionali e orientate alle pubblicazioni multimediali, agenzie di traduzione e di localizzazione di siti e portali web; si inseriranno nei settori della gestione delle risorse umane, dei rapporti con multinazionali, camere di commercio e aziende straniere, dei servizi di accoglienza e accompagnamento collegati a fiere, eventi e congressi; lavoreranno nell’ambito della business intelligence e della relazione con istituti culturali ed enti non governativi stranieri; getteranno le basi per un’eventuale carriera nell’insegnamento.
Conoscenze per l'accesso
Lo studente interessato ad accedere al Corso di Laurea in Lingue e letterature straniere deve possedere una buona cultura generale, disporre di un’attitudine allo studio delle lingue straniere e caratterizzarsi per l’apertura mentale al contatto e alla relazione con il contesto culturale internazionale.
Al fine di autovalutare tali competenze e predisposizioni, e indirizzare al meglio la scelta del proprio percorso formativo universitario, gli studenti interessati al Corso di Laurea sono tenuti a sostenere un test di orientamento prima di poter formalizzare l’iscrizione. Il test si svolge intorno alla metà di settembre; il risultato, anche se negativo, non pregiudica la possibilità di immatricolarsi, ma può fornire un’utile indicazione alle eventuali future matricole.
L’accesso agli insegnamenti delle varie lingue straniere offerte è libero, e tutti i corsi prevedono delle esercitazioni a livello principiante o elementare. Fa eccezione l’insegnamento della lingua inglese: gli studenti intenzionati a sceglierla come una delle due lingue triennali di specializzazione, sosterranno obbligatoriamente un test linguistico, in coda a quello di autovalutazione generale, che dimostri una competenza di livello B1. I corsi di lingua inglese, infatti, non prevedono esercitazioni di livello principiante o elementare. In caso di esito ritenuto insufficiente, non sarà possibile la scelta della lingua inglese, ma lo studente potrà comunque immatricolarsi al Corso di Laurea, optando per altre lingue. Per indicazioni più specifiche su data e modalità di svolgimento del test, nonché sul riconoscimento delle certificazioni linguistiche di cui lo studente è in possesso, si rimanda al sito del Dipartimento di Lingue e letterature straniere.
Lauree Magistrali a cui si può accedere
L’offerta formativa proposta dal presente corso di laurea soddisfa integralmente i requisiti per l’accesso alla laurea magistrale in Lingue e letterature europee ed extraeuropee (Classe LM-37) attivata presso l’Università degli Studi di Milano.
Struttura del corso
CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN LINGUE E LETTERATURE STRANIERE

L’attività didattica è organizzata, di norma, su base semestrale. Gli insegnamenti offerti si strutturano su lezioni in presenza, che potranno essere anche di tipo modulare o integrate da esercitazioni, seminari, laboratori o attività pratiche svolte sia all’interno che all’esterno dell’Università. Gli insegnamenti delle lingue straniere sono integrati da esercitazioni volte all’acquisizione di competenze comunicative pratiche, in stretto coordinamento con le lezioni. Ogni annualità degli insegnamenti di lingua è costituita da due semestri non separabili; la verifica delle competenze apprese avverrà alla fine del secondo e riguarderà gli argomenti di entrambi, pur essendo abitualmente previste delle verifiche in itinere. I corsi delle Lingue e delle relative Letterature sono organizzati secondo una precisa successione, che rispecchia la gradualità dell’apprendimento, ed è quindi necessario rispettarne la propedeuticità. Gli esami di Lingua comprendono prove scritte (che si svolgono solo in sessioni predefinite ogni anno) e prove orali. Il voto finale, in trentesimi, terrà conto di tutte le prove. Gli altri corsi si concludono, di norma, con un esame orale valutato in trentesimi, ma possono prevedere delle prove scritte interne su parti del programma.
Parti dell’esame di Lingua del primo anno potranno essere sostituite dal possesso di adeguate certificazioni rilasciate da enti esterni. L’elenco dettagliato e il periodo di validità di tali certificazioni sarà pubblicato e aggiornato sul sito del Dipartimento di Lingue e letterature straniere; le certificazioni non comprese in tale elenco non potranno in alcun modo essere ritenute valide


Oltre alla Commissione Paritetica Docenti-Studenti, nel Corso di Laurea sono attive le seguenti commissioni:


Piani di studio e orientamento

Coordinatore: prof. Alessandro Cassol
Anglistica: proff. Paola Loreto, Alessandro Vescovi
Francesistica: proff. Barbara Ferrari
Germanistica e Scandinavistica: proff. Paola Spazzali, Camilla Storskog
Iberistica: proff. Maria Rosso, Vincenzo Russo, Laura Scarabelli
Slavistica: proff. Luca Bernardini, Laura Rossi



Mobilità internazionale

Coordinatrice: prof.ssa Caroline Patey
Anglistica: proff. Cristina Cavecchi, Andrea Nava, Luciana Pedrazzini
Francesistica: proff. Cristina Brancaglion, Alessandra Preda
Germanistica e Scandinavistica: proff. Moira Paleari, Camilla Storskog
Iberistica: proff. Vincenzo Russo, Laura Scarabelli
Slavistica: proff. Grzegorz Franczak, Raffaella Vassena


Riconoscimento crediti e convalide di altre attività formative
Coordinatrice: prof.ssa Paola Spazzali



ORGANIZZAZIONE DEL CORSO DI LAUREA
Il Corso di laurea in Lingue e letterature straniere intende far acquisire allo studente una competenza ampia e organica relativa a due lingue e letterature straniere. A tal fine, nel campo dell’apprendimento delle lingue, prevede esami intesi ad assicurare conoscenze pratiche e teoriche, strumenti validi e soprattutto concreti che possano rispondere alle domande di un qualificato servizio linguistico da parte della società contemporanea e del mondo del lavoro e della professione. Allo stesso modo, imposta un percorso culturale per una solida formazione di base nel campo della letteratura e della cultura veicolate dalle due lingue scelte dallo studente. Tale formazione offre la possibilità di sbocchi professionali che richiedano una preparazione umanistica di respiro internazionale e multiculturale. Al compimento degli studi, è conseguita la laurea
in Lingue e letterature straniere.
La durata normale del Corso di laurea in Lingue e letterature straniere è di tre anni; il corso prevede un unico curriculum.
Il Corso di laurea struttura le sue attività didattiche, in corrispondenza delle quali si acquisiscono crediti formativi (CFU), tramite lezioni, esercitazioni, laboratori, seminari ed eventuali tirocini e stages.
Tutti i corsi sono semestrali, fatta eccezione per i corsi di Lingua che sono annuali. Per quanto riguarda gli esami di Lingua e di Letteratura, lo studente dovrà aver superato tutte le prove relative sia all’insegnamento di Lingua che a quello di Letteratura di una determinata annualità (per es. Lingua A I, scritto e orale, e Letteratura A I), prima di potere affrontare quelle relative all’annualità successiva (per es. Lingua A II e/o Letteratura A II). L’esame di Lingua consiste in una prova scritta e in una prova orale, entrambe valutate in trentesimi. Il voto dell’esame di Lingua terrà conto dell’esito delle due prove. La prova scritta e quella orale, relative alla medesima annualità, possono essere sostenute in successione libera. Si raccomanda però vivamente di concludere entrambe le parti dell’esame entro 12 mesi.
Relativamente all’esame di lingua di primo anno, questo potrà essere parzialmente sostituito dal possesso di determinate certificazioni. L’elenco e il periodo di validità di tali certificazioni verrà tempestivamente pubblicato sul sito del Dipartimento, certificazioni non contenute in tale elenco non potranno in alcun modo essere ritenute valide a tal fine. Per le prove scritte di Lingua sono previsti unicamente tre appelli nell’arco dell’anno: rispettivamente a maggio, settembre e gennaio. Gli esami orali, compresa la parte orale dell’esame di Lingua potranno essere sostenuti nei diversi appelli previsti durante l’anno (secondo il calendario approvato dalla Facoltà). L’iscrizione avviene esclusivamente mediante il SIFA.
Tutti gli insegnamenti del corso di laurea non hanno l’obbligo di frequenza; dato però che per alcune discipline il superamento dell’esame da non-frequentante può creare grosse difficoltà, è facoltà dei singoli responsabili prevedere l’obbligo di alcuni incontri informativi, o comunque di specifiche attività di recupero. Tale obbligo verrà chiaramente esplicitato sui programmi di esame pubblicati sull’apposito sito.
Lo studente sceglierà, al primo anno, le due lingue (e le rispettive letterature) che seguirà per l’intero triennio. Anche la prova finale (9 CFU) verrà di norma scelta in un ambito correlato ad una di esse. La scelta potrà essere effettuata fra le seguenti Lingue (cui corrispondono i relativi corsi di letteratura indicati nel paragrafo successivo):

- Lingua francese
- Lingua inglese
- Lingua polacca
- Lingua portoghese
- Lingua russa
- Lingue scandinave
- Lingua spagnola
- Lingua tedesca

NB: L’insegnamento di Lingue scandinave propone allo studente un’opzione fra la lingua danese, la lingua norvegese e la lingua svedese. Lo studente sceglierà quale, fra queste tre lingue, costituirà una delle due lingue triennali di specializzazione.
NB: le due lingue triennali di specializzazione saranno indicate, da questo momento in avanti, come Lingua A e Lingua B; si sottolinea che questa dicitura è puramente convenzionale, in quanto nell’ambito della laurea triennale i percorsi delle due lingue sono equivalenti: solo al momento della scelta dell’argomento della prova finale, verrà data la preferenza ad una di esse.

Gli insegnamenti di Letterature straniere che corrispondono alle Lingue sopra elencate sono i seguenti:
- Letteratura francese
- Letteratura inglese
- Letteratura polacca
- Letteratura portoghese
- Letteratura russa
- Letterature scandinave
- Letteratura spagnola
- Letterature ispanoamericane
- Letteratura tedesca

NB: Gli studenti che scelgono Lingua spagnola come Lingua A o Lingua B sceglieranno, a partire dal primo anno di corso, se seguire un triennio di Letteratura spagnola oppure un triennio di Letterature ispanoamericane. Tale scelta dovrà obbligatoriamente essere mantenuta per l’intero triennio: gli studenti Ispanisti dovranno, quindi, seguire e superare tre annualità di Letteratura spagnola, mentre gli studenti Ispanoamericanisti dovranno seguire e superare tre annualità di Letterature ispanoamericane. Non sarà, in nessun modo, possibile alterare questa disposizione.
Si ricorda agli studenti che scelgono Lingue scandinave come Lingua A o come Lingua B, che al corso di Lingue scandinave corrisponde un unico corso di Letterature scandinave.
Si ricorda che per accedere alle strutture di preparazione per insegnanti che il Ministero dovrà definire in un prossimo futuro, è indispensabile il diploma di laurea magistrale.
In relazione all’art. 17, comma 2, del Regolamento didattico di Facoltà che recita: "Lo studente può costruire il proprio piano di studi seguendo uno dei curricula ufficiali previsti per il rispettivo corso di laurea ovvero discostarsene per qualche parte, e comunque per non più di 27 crediti", si ricorda che il piano degli studi della laurea in Lingue e letterature straniere è molto rigido dato che deve assicurare un percorso triennale coerente e completo in due lingue e letterature straniere. Poiché dunque tale scostamento è soggetto a precisi e numerosi vincoli, gli studenti sono tenuti ad avere approvato il piano di studi, prima di affrontare l’esame prescelto (collegato allo scostamento).

N.B. Il curriculum (relativo ai tre anni di corso) esposto qui di seguito è conforme al nuovo regolamento e pertanto valido solo per coloro che si immatricolano a partire dall’A.A. 2008/2009. Per coloro che si sono immatricolati negli anni precedenti sono invece valide le indicazioni relative al curriculum pubblicate nelle Guide degli anni precedenti all’A.A. 2008/2009.

PRIMO ANNO DI CORSO
Il primo anno di corso prevede gli esami qui di seguito elencati. I Crediti Formativi Universitari (CFU) che verranno attribuiti al superamento dell’esame, sono indicati dal numero posto fra parentesi che segue la denominazione dell’insegnamento:
- Lingua A 1° anno (9)
- Lingua B 1° anno (9)
- Letteratura relativa alla Lingua A 1° anno (9)
- Letteratura relativa alla Lingua B 1° anno (9)
- Glottologia (9)
- Letteratura italiana (9)
- Storia moderna o contemporanea o medievale (6)
- Laboratorio (3)

Qualora lo studente decidesse di acquisire 3 dei 6 CFU relativi alle competenze informatiche di base previsti dal suo piano di studi frequentando e superando il Laboratorio di Gestione delle Informazioni e Web, potrà farlo seguendo le indicazioni che trova alla pagina http://islab.dico.unimi.it/giw/

Si ricorda che ogni laboratorio può essere inserito una sola volta nel piano di studi dello studente.


SECONDO ANNO DI CORSO
Si fa presente che la suddivisione delle varie discipline sui due anni di corso qui di seguito proposta obbedisce ad una precisa logica formativa. Fatta salva la successione obbligatoria delle Lingue e delle Letterature, lo studente può tuttavia discostarsene qualora abbia fondati motivi per tale scelta; è comunque opportuno che chieda preventivamente l’autorizzazione al docente titolare del corso.
Si consiglia allo studente di scegliere, all’inizio del secondo anno di corso, se orientare i propri studi maggiormente in area linguistica oppure maggiormente in area letteraria. Di conseguenza, anche l’utilizzo dei 12 CFU liberi dovrà essere effettuato secondo un progetto di coerenza formativa, privilegiando possibilmente discipline che possano utilmente integrare il piano degli studi.
Si segnala, a tale proposito, che è facoltà dello studente utilizzare 3 dei 12 CFU liberi per portare a 9 CFU l'esame relativo alla disciplina d'area letteraria o d’area linguistica. In questo caso, i 9 CFU liberi rimanenti dovranno essere utilizzati per un unico esame.
Lo studente può eventualmente inserire nel suo piano di studi anche lo studio di una terza Lingua straniera. Utilizzerà, in questo caso, i CFU liberi a sua disposizione. Il corso relativo all’annualità della terza Lingua straniera coincide con i corsi del primo anno dei cicli triennali (che sono obbligatoriamente da 9 CFU).
A tale proposito, si avverte lo studente che l’eventuale proseguimento della terza lingua nella laurea magistrale presenta notevoli difficoltà. In primo luogo, perché il livello di competenze previsto e richiesto nella LM è quello corrispondente alle due lingue di specializzazione del triennio; in secondo luogo, perché, per iscriversi alla LM, lo studente deve essere in possesso di alcuni requisiti specifici che si basano sul monte CFU acquisito normalmente in un percorso triennale di Lingua.
Prima di prendere una decisione in tal senso, lo studente è perciò tenuto a consultarsi con il docente della Lingua in questione.
Il percorso formativo del secondo anno di corso, con il corrispettivo di CFU precisato per ciascun insegnamento e per ciascuna attività formativa è stabilito come segue:
- Lingua A 2° anno (9)
- Lingua B 2° anno (9)
- Letteratura relativa alla Lingua A 2° anno (9)
- Letteratura relativa alla Lingua B 2° anno (9)
- Geografia (6)
- Laboratorio (3)
- Un insegnamento dell’area letteraria o dell’area linguistica relativa alla Lingua A oppure alla Lingua B (6/9)*
- Un insegnamento a scelta libera (si consiglia di orientarsi secondo un progetto di coerenza formativa e di optare, quindi, per discipline che possano utilmente integrare il percorso formativo privilegiato) (6)*

*N.B.: nel caso in cui abbia optato per un esame d’area da 9 CFU, lo studente dovrà inserire nel piano di studi solamente un unico esame a scelta libera, da 9 CFU (da sostenere o al II o al III anno di corso).
Qualora lo studente decidesse di acquisire 3 dei 6 CFU relativi alle competenze informatiche di base previsti dal suo piano di studi frequentando e superando il Laboratorio di Gestione delle Informazioni e Web, potrà farlo seguendo le indicazioni che trova alla pagina http://islab.dico.unimi.it/giw/
Si ricorda che ogni laboratorio può essere inserito una sola volta nel piano di studi dello studente.
Si ricorda, inoltre, che nessun esame previsto dalla laurea triennale (nemmeno quindi gli "esami d'area") può , in alcun modo, essere reiterato nel piano degli studi, nemmeno utilizzando i CFU liberi


TERZO ANNO DI CORSO
Il percorso formativo del terzo anno di corso, con il corrispettivo di CFU precisato per ciascun insegnamento e per ciascuna attività formativa è stabilito come segue:
- Lingua A 3° anno (9)
- Lingua B 3° anno (9)
- Letteratura relativa alla Lingua A 3° anno (9)
- Letteratura relativa alla Lingua B 3° anno (9)
- Un esame di Filologia relativo alla Lingua A od alla Lingua B (9) (Si intendono esclusivamente gli insegnamenti di Filologia germanica, Filologia romanza o Filologia slava).
- Un insegnamento a scelta libera (si consiglia di orientarsi secondo un progetto di coerenza formativa e di optare, quindi, per discipline che possano utilmente integrare il percorso formativo privilegiato) (6)*

*N.B.: nel caso in cui abbia optato per un esame d’area da 9 CFU, lo studente dovrà inserire nel piano degli studi solamente un unico esame a scelta libera, da 9 CFU (da sostenere o al II o al III anno di corso).

Sono inoltre attribuiti 9 CFU alla prova finale. Il relativo elaborato scritto di circa 30-50 cartelle verrà redatto sotto la guida di un relatore; esso può (non "deve") essere scritto nella lingua straniera relativa all’argomento affrontato. Se redatto in italiano, deve essere accompagnato da una breve sintesi in lingua straniera e viceversa; sarà comunque richiesta una bibliografia in lingua straniera. Nel caso il relatore sia titolare di una disciplina non appartenente all’ambito delle Lingue o delle Letterature straniere, è obbligatoria la designazione di un correlatore che dovrà essere scelto fra i docenti della Lingua o della Letteratura collegata all’argomento scelto.

Elenco delle discipline attivate nell’Anno Accademico 2016-17, tra le quali lo studente potrà scegliere gli insegnamenti relativi all’esame d’area (tra parentesi, i CFU erogati da ogni insegnamento):

Anglistica
Letteratura anglo-americana (6/9)
Letteratura inglese contemporanea (6/9)
Linguistica inglese (6/9)
Storia del teatro inglese (6/9)


Francesistica
Letteratura francese contemporanea (6/9)
Letteratura francese medievale (6/9)
Letterature francofone (6/9)
Linguistica francese (6/9)
Storia del teatro francese (6/9)
Storia della lingua francese (6/9)

Iberistica
Civiltà precolombiane (6/9)
Letteratura spagnola (per specialisti di Ispanoamericano o Portoghese) (9)
Letteratura spagnola contemporanea (6/9)
Letterature africane di lingua portoghese (6)
Letterature ispanoamericane (per specialisti di Spagnolo o Portoghese) (9)
Letterature portoghese e brasiliana (per specialisti di Spagnolo o Ispanoamericano) (9)
Lingua e letteratura catalana (6)
Linguistica ispanoamericana (6/9)
Storia del teatro spagnolo (6/9)

Germanistica
Letteratura tedesca contemporanea (6/9)
Storia del teatro tedesco (6/9)
Storia della lingua tedesca (6/9)

Scandinavistica
Letterature scandinave contemporanee (6/9)
Linguistica scandinava (6/9)

Slavistica
Letteratura e cultura polacca contemporanea (6/9)
Letteratura polacca (per specialisti di Russo) (9)
Letteratura russa (per specialisti di Polacco) (9)
Letteratura russa contemporanea (6/9)
Letteratura ucraina (6)
Lingua ucraina (6)
Linguistica slava (6/9)
Criteri di ammissione alla prova finale
Per essere ammesso alla prova finale, che comporta l'acquisizione di 9 CFU, lo studente deve avere conseguito 171 CFU.
 
 
ESPERIENZA DI STUDIO ALL'ESTERO NELL'AMBITO DEL PERCORSO FORMATIVO
L'Università degli Studi di Milano sostiene la mobilità internazionale dei propri iscritti, offrendo loro la possibilità di trascorrere periodi di studio e di tirocinio all'estero, occasione unica per arricchire il proprio curriculum formativo in un contesto internazionale.

A tal fine l'Ateneo aderisce al programma europeo Erasmus+ nell'ambito del quale ha stabilito accordi con oltre 300 Università in oltre 30 Paesi. Nell'ambito di tale programma, gli studenti possono frequentare una delle suddette Università al fine di svolgervi attività formative sostitutive di una parte del proprio piano di studi, comprese attività di tirocinio/stage presso imprese, centri di formazione e di ricerca o altre organizzazioni, o ancora per prepararvi la propria tesi di laurea.

L'Ateneo intrattiene inoltre rapporti di collaborazione con diverse altre prestigiose Istituzioni estere offrendo analoghe opportunità anche nell'ambito di corsi di studio di livello avanzato.
Cosa offre il corso di studi
Il Corso di Laurea in Lingue e letterature straniere si caratterizza da sempre per la sua spiccata vocazione internazionale, com’è ovvio viste le discipline che vi si insegnano e le attività di ricerca dei docenti che vi afferiscono.
Il numero di convenzioni per mobilità studentesca è in costante aumento, ma già adesso è davvero considerevole. Al momento, studiare Lingue e letterature straniere significa aprirsi un ampio ventaglio di possibilità di soggiorni all’estero: nell’ambito del programma Erasmus+ sono 150 le borse messe a disposizione annualmente, per periodi di studio di un semestre o di un intero anno accademico, in accordo con 70 università partner, dislocate in ben 19 Paesi. Inoltre si stanno stringendo accordi nel quadro dei programmi Erasmus Mundus (con l’America Latina e la Russia) e Sigma-Agile (con i Balcani e l’Europa dell’Est). Nel complesso, si tratta dell’offerta di mobilità internazionale nettamente più ampia di tutta l’area umanistica.
La rete di solidi rapporti costruita negli anni consente agli studenti di Lingue e letterature straniere di compiere parte del proprio percorso accademico in università di grande prestigio site nelle principali capitali europee, come la Sorbona di Parigi, lo University College di Londra, la Freie Universität di Berlino, la Complutense di Madrid, o istituzioni antichissime come quelle di Cambridge, Salamanca, Heidelberg, Avignone, Uppsåla, Coimbra, Cracovia, Lovanio, solo per citare le più note.
Durante questi soggiorni, gli studenti seguono corsi che sono sostanzialmente corrispondenti a quelli erogati da Unimi, attenendosi a un progetto formativo che viene disegnato nei mesi precedenti la partenza, mediante la stesura di un contratto di studio (il Learning Agreement). Il coordinamento con i referenti (uno o più per ogni area linguistica) assicura un supporto e una guida esperta, oltre che il pieno riconoscimento dei crediti acquisiti all’estero, che al ritorno vengono tramutati in quelli corrispondenti al proprio piano di studi.
L’esperienza della vita universitaria e quotidiana nel paese di cui si studiano la lingua e le espressioni culturali rappresenta un’opportunità unica di miglioramento della propria competenza linguistica, ma anche un periodo di crescita personale e relazionale, oltre che di arricchimento culturale, storico e artistico, che predispone favorevolmente alla comprensione dell’altro e all’integrazione nella complessa società contemporanea.
Modalità di partecipazione ai programmi di mobilità - mobilità Erasmus
Per poter accedere ai programmi di mobilità per studio, della durata di 3-12 mesi, gli studenti dell'Università degli Studi di Milano regolarmente iscritti devono partecipare a una procedura di selezione pubblica che prende avvio in genere intorno al mese di febbraio di ogni anno tramite l'indizione di appositi bandi, nei quali sono riportati le destinazioni, con la rispettiva durata della mobilità, i requisiti richiesti e i termini per la presentazione on-line della domanda.

La selezione, finalizzata a valutare la proposta di programma di studio all'estero del candidato, la conoscenza della lingua straniera, in particolare ove considerato requisito preferenziale, e le motivazioni alla base della candidatura, avviene ad opera di commissioni appositamente costituite.

Ogni anno, prima della scadenza dei bandi, l'Ateneo organizza degli incontri informativi per corso di studio o gruppi di corsi di studio, al fine di illustrare agli studenti le opportunità e le regole di partecipazione.

Per finanziare i soggiorni all'estero nell'ambito del programma Erasmus+, l'Unione Europea assegna ai vincitori una borsa di studio che - pur non coprendo l'intero costo del soggiorno - è un utile contributo per costi supplementari come spese di viaggio o maggiore costo della vita nel Paese di destinazione.
L'importo mensile della borsa di studio comunitaria è stabilito annualmente a livello nazionale; contributi aggiuntivi possono essere erogati a studenti disabili.

Per permettere anche a studenti in condizioni svantaggiate di partecipare al programma Erasmus+, l'Università degli Studi di Milano assegna ulteriori contributi integrativi, di importo e secondo criteri stabiliti di anno in anno.

L'Università degli Studi di Milano favorisce la preparazione linguistica degli studenti selezionati per i programmi di mobilità, organizzando ogni anno corsi intensivi nelle seguenti lingue: inglese, francese, tedesco e spagnolo.

L'Università per agevolare l¿organizzazione del soggiorno all'estero e orientare gli studenti nella scelta delle destinazioni offre un servizio di assistenza.

Maggiori informazioni sono disponibili alla pagina http://www.unimi.it/studenti/erasmus/70801.htm
www.unimi.it > Studenti > Studiare all'estero > Erasmus+

Per assistenza rivolgersi a:
Ufficio Accordi e relazioni internazionali
via Festa del Perdono 7 (piano terra)
Tel. 02 503 13501-12589-13495-13502
Fax 02 503 13503
Indirizzo di posta elettronica: mobility.out@unimi.it
Orario sportello: Lunedì-venerdì 9 - 12
 
MODALITA' DI ACCESSO: 1° ANNO LIBERO CON TEST DI AUTOVALUTAZIONE OBBLIGATORIO PRIMA DELL'IMMATRICOLAZIONE
Informazioni e modalità organizzative per immatricolazione
http://www.unimi.it/studenti/matricole/77610.htm
Link utili per immatricolazione
http://www.unimi.it/studenti/matricole/77610.htm
Data, Ora e Sede prova
15-09-2015
 
ANNO DI CORSO NON DEFINITO Attività formative obbligatorie
Attività formativa CfuSettore
Geografia6M-GGR/01
Glottologia9L-LIN/01
Letteratura italiana9L-FIL-LET/10
 Totale CFU obbligatori 24  
 
Altre attività a scelta
UN ESAME A SCELTA TRA
Storia contemporaneaM-STO/04
Storia medievaleM-STO/01
Storia modernaM-STO/02
3 ESAMI DI DUE DIVERSE LINGUE TRA LE SEGUENTI, PER UN TOTALE DI 54 CFU:
Lingua francese 1L-LIN/04
Lingua francese 2L-LIN/04
Lingua francese 3L-LIN/04
Lingua inglese 1L-LIN/12
Lingua inglese 2L-LIN/12
Lingua inglese 3L-LIN/12
Lingua polacca 1L-LIN/21
Lingua polacca 2L-LIN/21
Lingua polacca 3L-LIN/21
Lingua portoghese 1L-LIN/09
Lingua portoghese 2L-LIN/09
Lingua portoghese 3L-LIN/09
Lingua russa 1L-LIN/21
Lingua russa 2L-LIN/21
Lingua russa 3L-LIN/21
Lingua spagnola 1L-LIN/07
Lingua spagnola 2L-LIN/07
Lingua spagnola 3L-LIN/07
Lingua tedesca 1L-LIN/14
Lingua tedesca 2L-LIN/14
Lingua tedesca 3L-LIN/14
Lingue scandinave 1L-LIN/15
Lingue scandinave 2L-LIN/15
Lingue scandinave 3L-LIN/15
3 ESAMI DI DUE LETTERATURE CORRISPONDENTI ALLE LINGUE STUDIATE, PER UN TOTALE DI 54 CFU (OGNI ESAME EQUIVALE A 9 CFU):
Letteratura francese 1L-LIN/03
Letteratura francese 2L-LIN/03
Letteratura francese 3L-LIN/03
Letteratura inglese 1L-LIN/10
Letteratura inglese 2L-LIN/10
Letteratura inglese 3L-LIN/10
Letteratura polacca 1L-LIN/21
Letteratura polacca 2L-LIN/21
Letteratura polacca 3L-LIN/21
Letteratura portoghese 1L-LIN/08
Letteratura portoghese 2L-LIN/08
Letteratura portoghese 3L-LIN/08
Letteratura russa 1L-LIN/21
Letteratura russa 2L-LIN/21
Letteratura russa 3L-LIN/21
Letteratura spagnola 1L-LIN/05
Letteratura spagnola 2L-LIN/05
Letteratura spagnola 3L-LIN/05
Letteratura tedesca 1L-LIN/13
Letteratura tedesca 2L-LIN/13
Letteratura tedesca 3L-LIN/13
Letterature ispanoamericane 1L-LIN/06
Letterature ispanoamericane 2L-LIN/06
Letterature ispanoamericane 3L-LIN/06
Letterature scandinave 1L-LIN/15
Letterature scandinave 2L-LIN/15
Letterature scandinave 3L-LIN/15
1 ESAME “D'AREA” DA 6 CFU (ELEVABILE A 9 UTILIZZANDO UNA PARTE DEI CFU LIBERI) RELATIVO A UNA DELLE DUE AREE LINGUISTICHE E LETTERARIE DI SPECIALIZZAZIONE:
Letteratura anglo-americanaL-LIN/11
Letteratura francese contemporaneaL-LIN/03
Letteratura inglese contemporaneaL-LIN/10
Letteratura russa contemporaneaL-LIN/21
Letteratura spagnola contemporaneaL-LIN/05
Letteratura tedesca contemporaneaL-LIN/13
Letterature francofoneL-LIN/03
Letterature scandinave contemporaneeL-LIN/15
Lingua e letteratura catalanaL-FIL-LET/09
Lingua ucrainaL-LIN/21
Linguistica franceseL-LIN/04
Linguistica ingleseL-LIN/12
Linguistica ispanoamericanaL-LIN/06
Linguistica scandinavaL-LIN/15
Linguistica slavaL-LIN/21
Linguistica spagnolaL-LIN/07
Linguistica tedescaL-LIN/14
Storia dei paesi slaviM-STO/03
Storia del teatro franceseL-LIN/03
Storia del teatro ingleseL-LIN/10
Storia del teatro russoL-LIN/21
Storia del teatro spagnoloL-LIN/05
Storia del teatro tedescoL-LIN/13
Storia della lingua franceseL-LIN/04
Storia della lingua tedescaL-LIN/14
1 ESAME DI FILOLOGIA RELATIVO A UNA DELLE DUE LINGUE DI SPECIALIZZAZIONE
Filologia germanicaL-FIL-LET/15
Filologia romanzaL-FIL-LET/09
Filologia slavaL-LIN/21

12 CFU LIBERI

Questi crediti verranno destinati a due insegnamenti da 6 CFU liberamente scelti tra tutti quelli del Corso di Laurea o degli altri Corsi di Laurea della Facoltà di Studi Umanistici. In alternativa, è possibile destinare 3 di questi CFU liberi ad elevare a 9 CFU l'esame d'area, laddove previsto dal singolo corso. In tal caso i 9 CFU liberi rimasti dovranno essere utilizzati necessariamente per un unico esame. Nessun esame può in alcun modo essere reiterato, nemmeno utilizzando i CFU liberi.


ATTIVITA' DI LABORATORIO
6 CFU

I Laboratori sono corsi di breve durata, con un numero ristretto di partecipanti e specifiche norme di iscrizione, che erogano 3 CFU ciascuno. Il piano di studi di Lingue e letterature straniere richiede l'inserimento di 6 CFU di questa tipologia, di cui almeno 3 devono essere riservati a laboratori che prevedano l'acquisizione di competenze informatiche di base. Ogni laboratorio può essere inserito una sola volta nel piano di studi. Gli studenti di Lingue e letterature straniere possono accedere a tutti i laboratori proposti dalla Facoltà di Studi Umanistici, purché dispongano degli eventuali prerequisiti indicati da ognuno.
 
Attività conclusive
Prova finale9
 Totale CFU obbligatori 9