Cerca insegnamenti o docenti



Archeologia e storia dell'arte greca - [A-Z]
Archeology and history of Greek art - [A-Z]

Stampa pagina

GIORGIO BEJOR , responsabile dell'insegnamento

CdL in SCIENZE DEI BENI CULTURALI (Classe L-1) Immatricolati dall'a.a. 2008/2009 - Laurea - 2016/2017

Insegnamento obbligatorioNo
Anno di corso
Periodo di svolgimentosecondo semestre
Settori scientifico disciplinari
  • L-ANT/07 - Archeologia classica
Crediti (CFU) obbligatori6
Crediti (CFU) facoltativi3

Informazioni generali

Obiettivi dell'insegnamento: Il corso vuole essere una guida al primo approccio allo studio dell'archeologia e storia dell'arte
greca, introducendo i monumenti principali, mostrandone la reciproca connessione e la connessione
con la storia del periodo, e sottolineando i modi di lettura delle immagini. Verranno così presi ad esempio alcuni dei principali monumenti, compresi nel manuale di riferimento.

Programma

Modalità di esame, prerequisiti, esami propedeutici

Esame in un'unica volta o suddiviso in partiunico
Modalità di accertamento conoscenzeEsame
Giudiziovoto verbalizzato in trentesimi

Prerequisiti e modalità di esame Orale, partendo in genere da una o più immagini del manuale di riferimento. Sarà volto ad accertare la conoscenza delle materie d’esame da parte del candidato

Organizzazione della didattica

Settori e relativi crediti

  • Settore:L-ANT/07 - Archeologia classica - Crediti: 9
Attività didattiche previste

Lezioni: 60 ore

Unita' didattica A

obbligatorio

Settori e relativi crediti

  • Settore:L-ANT/07 - Archeologia classica - Crediti: 3
Attività didattiche previste

Lezioni: 20 ore

Unita' didattica B

obbligatorio

Settori e relativi crediti

  • Settore:L-ANT/07 - Archeologia classica - Crediti: 3
Attività didattiche previste

Lezioni: 20 ore

Unita' didattica C

facoltativo

Settori e relativi crediti

  • Settore:L-ANT/07 - Archeologia classica - Crediti: 3
Attività didattiche previste

Lezioni: 20 ore

Ricevimento docenti

Orario di ricevimento Docenti
DocenteOrario di ricevimentoLuogo di ricevimento
GIORGIO BEJOR , responsabile dell'insegnamentoMercoledì 28 non ci sarà ricevimento. Nel mese di Marzo, a partire da Lunedì 5 Marzo, il ricevimento sarà al Lunedì in via Noto, dalle ore 13 alle 14.30, per il sovrapporsi delle lezioni del biennio.auletta ricevimento K 51 o simili, via Noto.

Programma d'esame

Argomento del corso: Introduzione all’Archeologia e Storia dell’Arte Greca (n. complessivo di ore di lezioni “frontali”: 60, equivalente a 9 crediti)

Durante il corso il docente passerà in rassegna i momenti fondamentali dello sviluppo dell’Arte Greca, dagli inizi dell’età arcaica sino al definitivo assorbimento nel mondo romano (grosso modo 1050-30 a.C.). Verranno presi in considerazione alcuni dei monumenti più significativi, rimandando al manuale di riferimento per ulteriori elementi.

PROGRAMMA

Il corso è rivolto agli studenti del triennio di Scienze dei Beni Culturali, e, restando lo stesso, è compreso anche nei piani di studio di altri Dipartimenti, quali Lettere e Storia.
Per gli studenti che dovessero portare due Unità didattiche, equivalenti a 6 crediti, la scelta dovrà
obbligatoriamente comprendere la seconda, Il periodo classico (480-330), più un’unità didattica
liberamente scelta dallo studente tra la I Unità didattiche e la III Unità didattica.
Gli studenti di un biennio, che non abbiano già sostenuto quest’esame nel corso del triennio, hanno la possibilità di scegliere di frequentare questo corso, anzi che quello per la laurea magistrale (prof. Lambrugo).
Presentazione del corso
Il corso vuole essere una guida al primo approccio allo studio dell’archeologia e storia dell’arte
greca, introducendo i monumenti principali, mostrandone la reciproca connessione e la connessione
con la storia del periodo, e sottolineando i modi di lettura delle immagini. Verranno così presi ad esempio alcuni dei principali monumenti, compresi nel manuale di riferimento. La prima unità didattica rappresenta un’introduzione generale, per trattare poi il periodo antecedente alle guerre persiane (cioè grosso modo 1050-490 a.C.); la seconda sarà dedicata al periodo della formazione dei modelli poi sempre considerati validi ed essenziali, cioè al c.d. periodo classico, sino ad Alessandro Magno (480-330); la terza, alla fase in cui questa civiltà artistica esce dagli originari confini del mondo greco, sino alla definitiva annessione nel mondo romano (330-30 a.C.).
Per seguire il corso non è obbligatoria la conoscenza del Greco Antico. Alcuni termini entrati nell’uso comune (come pòleis, ekphorà, cratere) verranno puntualmente spiegati.

Indicazioni bibliografiche
Testo di riferimento sarà
G.BEJOR, M.CASTOLDI, C.LAMBRUGO, Arte Greca, Mondadori Università, Milano 2013
E’ questa una nuova edizione del precedente manuale, con apportati i risultati dei recenti sviluppi delle conoscenze, in particolare dopo gli studi collegati all’Olimpiade ateniese del 2004. A lezione si spiegheranno le novità apportate. Chi non ritenesse di frequentare, può comunque prepararsi sul nuovo testo, che risulta non solo variato, ma anche ampliato di una cinquantina di pagine e varie immagini rispetto al precedente (mentre è ancora più breve ma più aggiornato rispetto al manuale in uso sino a dieci anni fa, lo CharbonneauxMartin Villard in tre volumi).
Ciascuna unità didattica farà riferimento al relativo periodo, come segue:
unità didattica 1, periodo arcaico: parti I-III
unità didattica 2, periodo classico: parti IV-VI
unità didattica 3, periodo ellenistico: parti VII-IX
Per tutti è obbligatoria anche la lettura di R.BIANCHI BANDINELLI, Introduzione all’archeologia, ed. Laterza, Bari 1976 ( o qualsiasi altra edizione dello stesso libro, uscito comunque postumo ), in particolare per quanto riguarda la storia dell’archeologia, la storia degli scavi, le fonti letterarie usate nell’archeologia.

Programma per studenti non frequentanti

Lo stesso testo indicato come testo di riferimento per i frequentanti, e cioè
G.BEJOR, M.CASTOLDI, C.LAMBRUGO, Arte Greca, Mondadori Università, Milano 2013. E’ questa una nuova edizione del precedente manuale, con apportati i risultati dei recenti sviluppi delle conoscenze, in particolare dopo gli studi collegati all’Olimpiade ateniese del 2004. A lezione si spiegheranno le novità apportate. Chi non ritenesse di frequentare, può comunque prepararsi sul nuovo testo.
Ciascuna unità didattica farà riferimento al relativo periodo, come segue:
unità didattica 1, periodo arcaico: parti I-III
unità didattica 2, periodo classico: parti IV-VI
unità didattica 3, periodo ellenistico: parti VII-IX
In più, la lettura di R.BIANCHI BANDINELLI, Introduzione all’archeologia, ed. Laterza, Bari
1976, obbligatoria, anche ove si porti una sola unità didattica, equivalente a tre crediti, o due (6 crediti).
Per gli studenti che dovessero portare due unità didattiche, equivalenti a 6 crediti, la scelta dovrà
obbligatoriamente comprendere la seconda unità didattica, più un’altra, liberamente scelta dallo studente tra prima e terza unità didattica.

20/09/2016