Cerca insegnamenti o docenti



Voi siete qui

Corso di laurea in SCIENZE DELLO SPETTACOLO (Classe LM-65)

Tipo di corso di studiLaurea Magistrale
Anno accademico2014/2015
Classe di laureaclasse LM-65, SCIENZE DELLO SPETTACOLO E PRODUZIONE MULTIMEDIALE
Titolo rilasciatoDottore Magistrale
Curricula
Durata2 anni
Crediti richiesti per l’iscrizione al 1° anno di corso180
Cfu massimi acquisibili120
Anni di corso attivati
Accesso
Conoscenze richieste per l'iscrizione al 1° anno di corsoSono ammessi alla laurea magistrale in Scienze dello spettacolo i laureati nelle seguenti classi di laurea triennale: L-1 Beni culturali, L-20 Scienze della comunicazione, L-5 Filosofia, L-6 Geografia, L-10 Lettere, L-11 Lingue e culture moderne, L-42 Storia,che abbiano acquisito almeno 60 CFU nei seguenti s.s.d., (di cui almeno 9 CFU nei settori L-ART/05, L-ART/06, L-ART/07, L-ART/08):
INF/01, IUS/10, L-ART/01, L-ART/02 , L-ART/03, L-FIL-LET/02, L-FIL-LET/04, L-FIL-LET/10, L-FIL-LET/11, L-FIL-LET/12, L-FIL-LET/14, L-ANT/02, L-ANT/03, L-LIN/01, L-LIN/03, L-LIN/04, L-LIN/05, L-LIN/06, L-LIN/07, L-LIN/10, L-LIN/11, L-LIN/12, L-LIN/13, L-LIN/21, M-GGR/01, M-DEA/01, M-STO/01, M-STO/02, M-STO/04, M-STO/08, M-FIL/03, M-FIL/04, M-FIL/06, SECS-P/10, SECS-P/12, SPS/02,SPS/07, SPS/08.


Sono infine ammessi i laureati provenienti da altre classi di laurea che abbiano acquisito almeno 90 CFU nei seguenti s.s.d. (di cui almeno 9 CFU nei settori L-ART/05,L-ART/06, L-ART/07, L-ART/08):
INF/01, IUS/10, L-ART/01, L-ART/02 , L-ART/03, L-FIL-LET/02, L-FIL-LET/04, L-FIL-LET/10, L-FIL-LET/11, L-FIL-LET/12, L-FIL-LET/14, L-ANT/02, L-ANT/03, L-LIN/01, L-LIN/03, L-LIN/04, L-LIN/05, L-LIN/06, L-LIN/07, L-LIN/10, L-LIN/11, L-LIN/12, L-LIN/13, L-LIN/21, M-GGR/01, M-DEA/01, M-STO/01, M-STO/02, M-STO/04, M-STO/08, M-FIL/03, M-FIL/04, M-FIL/06, SECS-P/10, SECS-P/12, SPS/02, SPS/07, SPS/08.
Corsi triennali che danno accesso senza debiti

Introduzione al corso

Il corso di laurea magistrale in Scienze dello spettacolo appartenente alla classe delle lauree magistrali in Scienze dello spettacolo e produzione multimediale - classe LM 65 e si svolge nella Facoltà di Studi umanistici.

Obiettivi formativi

L’obiettivo del corso di laurea magistrale in Scienze dello spettacolo è quello di formare laureati che possiedano competenze scientifiche specialistiche, teoriche e tecniche, metodologiche ed operative, relative alle fenomenologie storiche e agli sviluppi contemporanei, alla comunicazione multimediale e allo spettacolo teatrale, considerato nella globalità delle diverse componenti artistiche che possono convergere nel suo realizzarsi. I laureati devono essere in grado di applicarle criticamente tanto in una prospettiva di esegesi e didattica, quanto nell’ottica della progettazione e della creazione di opere, mostrando avanzate abilità
nei settori dell’ideazione, della produzione e dell’organizzazione di eventi spettacolari, della gestione di strutture teatrali, cinematografiche, televisive e radiofoniche, nonché avere l’attitudine ad agire efficacemente nel mercato dello spettacolo considerato in rapporto alle sue diverse specificazioni e alle forme più valide di promozione dei suoi prodotti.
Devono essere in grado di utilizzare i principali strumenti audiovisivi, informatici e della comunicazione telematica ai fini della documentazione, dello studio scientifico, della comunicazione (relativi allo spettacolo teatrale), nonché ai fini della progettazione e della realizzazione di efficaci sinergie artistiche tra nuovi moduli performativi e nuovi mezzi elettronici. Devono infine essere in grado di utilizzare fluentemente, in forma scritta e orale, almeno una lingua dell’Unione Europea oltre l’italiano, con riferimento anche ai lessici specialistici dello spettacolo teatrale e cinematografico.

Sbocchi professionali

Il livello di conoscenze e competenze specialistiche raggiunto permetterà ai laureati magistrali in Scienze dello spettacolo di esercitare funzioni di elevata responsabilità e autonomia nelle istituzioni ed enti pubblici e privati operanti nel campo della comunicazione e dello spettacolo dal vivo; svolgere libera attività professionale nell’ambito dei settori sopra indicati, nonché in quello della comunicazione a stampa, radio-televisiva e multimediale, oltre che in attività specialistiche come storico e critico dello spettacolo nonché ricercatore per l’industria cinematografica e dell’audiovisivo. I laureati magistrali in Scienze dello spettacolo potranno inoltre trovare occupazione nel campo dell’ideazione, della produzione e dell’organizzazione di eventi spettacolari teatrali e cinematografici.