Cerca insegnamenti o docenti



Storia della letteratura artistica - [A-Z]
History of artistic literature - [A-Z]

Stampa pagina

ROSSANA SACCHI , responsabile dell'insegnamento

CdL in SCIENZE DEI BENI CULTURALI (Classe L-1) Immatricolati dall'a.a. 2008/2009 - Laurea - 2014/2015

Insegnamento obbligatorioNo
Anno di corso
Periodo di svolgimentosecondo semestre
Settori scientifico disciplinari
  • L-ART/04 - Museologia e critica artistica e del restauro
Crediti (CFU) obbligatori6
Crediti (CFU) facoltativi3

Programma

Modalità di esame, prerequisiti, esami propedeutici

Esame in un'unica volta o suddiviso in partiunico
Modalità di accertamento conoscenzeEsame
Giudiziovoto verbalizzato in trentesimi

Prerequisiti e modalità di esame Scritto preliminare + orale
L’esame consiste di una prova scritta preliminare e di una prova orale entrambe obbligatorie.
L’ammissione all’orale avviene solo dopo aver superato lo scritto preliminare, che accerta le conoscenze degli studenti sugli argomenti a programma della I Unità didattica.
Lo scritto si tiene solo in tre sessioni annuali nei mesi di settembre, di gennaio e di maggio.
Superato lo scritto, si può accedere all’orale (non si è assolutamente vincolati a sostenere l’orale nella medesima sessione in cui si è dato lo scritto), durante il quale si discuteranno gli argomenti presentati nella II e nella III Unità Didattica, a seconda dei crediti prescelti.
Frequentanti e non frequentanti portano il medesimo programma.

Organizzazione della didattica

Settori e relativi crediti

  • Settore:L-ART/04 - Museologia e critica artistica e del restauro - Crediti: 9
Attività didattiche previste

Lezioni: 60 ore

Unita' didattica A

obbligatorio

Settori e relativi crediti

  • Settore:L-ART/04 - Museologia e critica artistica e del restauro - Crediti: 3
Attività didattiche previste

Lezioni: 20 ore

Unita' didattica B

obbligatorio

Settori e relativi crediti

  • Settore:L-ART/04 - Museologia e critica artistica e del restauro - Crediti: 3
Attività didattiche previste

Lezioni: 20 ore

Unita' didattica C

facoltativo

Settori e relativi crediti

  • Settore:L-ART/04 - Museologia e critica artistica e del restauro - Crediti: 3
Attività didattiche previste

Lezioni: 20 ore

Ricevimento docenti

Orario di ricevimento Docenti
DocenteOrario di ricevimentoLuogo di ricevimento
ROSSANA SACCHI , responsabile dell'insegnamentoOgni giovedì dalle 15.00 //via Noto 6/8

Programma d'esame

Argomento del corso: Per la magnificenza delle corti: viaggi di opere e artisti attraverso la Lombardia del XVI e del XVII secolo

I UNITÀ DIDATTICA: Introduzione alla Storia della Letteratura artistica. Presentazione cronologica di alcuni nuclei tematici.
II UNITÀ DIDATTICA: II Unità didattica: Inquadramento storico generale.Percorsi. Fonti: Ludovico Guicciardini; Vasari; Van Mander; un caso particolare: Michiel Coxcie
III UNITÀ DIDATTICA: Casi particolari: Michiel Coxcie.

BIBLIOGRAFIA
Indirizzo docente: rossana.sacchi@unimi.it
Ricevimento: ogni martedì dalle 14.15 alle 17.15; controllare le eventuali variazioni segnalate sempre sulla pagina raggiungibile dal Chi e dove del sito Unimi.

IN GENERALE

Si consiglia agli studenti che intendono laurearsi in materie storico artistiche del corso di laurea in Scienze dei Beni Culturali di affrontare l’esame di Storia della Letteratura artistica dopo aver sostenuto un paio di esami di Storia dell’arte (medievale, moderna, contemporanea) e Storia della Letteratura italiana.

Il corso si suddivide in tre parti.
La prima Unità Didattica introduce la Storia della letteratura artistica presentando temi e figure in lezioni tematiche sviluppate in sequenza cronologica. Si tratta di indicazioni atte ad affrontare la complessa lettura del manuale “classico” (e imprescindibile) della disciplina, redatto da Julius von Schlosser nel lontano 1924; i limiti cronologici del manuale saranno tuttavia superati, arrivando fino alle soglie del Novecento.
Nella seconda e nella terza Unità Didattica si sviluppa un vero e proprio corso monografico che fornisce esempi metodologici e applicativi degli strumenti disciplinari.

6 o 9 CFU?
Gli studenti che sostengono il corso per 6 CFU sono tenuti a preparare i testi per I Unità didattica (esame scritto preliminare) e per la II Unità didattica (esame orale, che si sostiene dopo aver passato lo scritto: cfr. sotto).
Gli studenti che sostengono il corso per 9 CFU sono tenuti a preparare i testi per I Unità didattica (esame scritto preliminare) e per la II e III Unità didattica (esame orale, che si sostiene dopo aver passato lo scritto: cfr. sotto).

BIBLIOGRAFIA PER L’ESAME

I UNITÀ DIDATTICA
Julius Schlosser Magnino, La Letteratura artistica. Manuale delle fonti della storia dell’arte moderna, (prima ed. Vienna 1924), Firenze, La Nuova Italia, 1964 (e tutte le riedizioni successive).

Il testo va studiato in parte, sebbene l’intero volume, corredato da prodigiosi indici bibliografici e onomastici, costituisca in sé uno strumento ancora oggi fondamentale per fondare (e dotare) la biblioteca di uno storico dell’arte.
Del testo circolano diverse edizioni; si indicano qui quindi le parti da studiare:
I libro = tutto da studiare.
II libro = studiare capitolo primo (La Letteratura storica), tutto escluse le parti scritte in corpo minore; capitolo secondo (escluse le parti scritte in corpo minore); terzo, quarto e quinto capitolo.
V libro = su Vasari: studiare tutto, escluse le parti scritte in corpo minore.
VI libro = studiare primo e secondo capitolo, senza le le parti scritte in corpo minore.
VII libro = studiare primo, secondo e terzo capitolo senza le parti scritte in corpo minore.
VIII libro = studiare primo e secondo capitolo senza le parti scritte in corpo minore.
IX libro = studiare primo, secondo, terzo, quarto e sesto capitolo, tutti senza le parti scritte in corpo minore.

Ferdinando Bologna, La coscienza storica dell’arte in Italia. Introduzione alla “Storia dell’Arte in Italia”, Torino, UTET 1982 oppure Milano, Garzanti, 1992.
Studiare i Capitoli VI (Dalle Scuole seicentesche al “Sistema delle Scuole” di Luigi Lanzi), VII (Dall’Ottocento a Longhi. L’Italia artistica tra soppressione ideologica delle diversità e recupero comparato delle culture locali) e la Conclusione.

Udo Kultermann, Storia della Storia dell’arte, Vicenza, Neri Pozza, 1997, da p. 39 fino a p. 229, escludendo le pp. 113-115; 183-190, 198- 202, 219-220.
Il manuale di Schlosser, nell’edizione in italiano del 1964 (che va benissimo), è scaricabile dal sito dell’Università di Heildeberg: http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/schlosser1964/0052/ocr
Le parti dei testi di Ferdinando Bologna e di Udo Kultermann, fuori commercio da anni, indicate nel programma, sono state messe a disposizione degli studenti, in formato pdf, sulla piattaforma ARIEL (raggiungibile dalla homepage Unimi: la trovate nei link a destra) nel sito di Storia della Letteratura artistica (reperibile sotto il raggruppamento di Studi Uministici).

Sul sito vengono caricate anche le slides relative alla prima Unità Didattica mostrate durante le lezioni frontali: servono solo a facilitare il percorso, ma non sono da studiare obbligatoriamente.

II E III UNITÀ DIDATTICA IN GENERALE
Le slides mostrate e commentate durante le lezioni frontali, montate in power-point, messe a disposizione degli studenti sulla piattaforma ARIEL, sono da studiare sia per frequentanti sia per non-frequentanti.
Seguire i link Studi Umanistici, Storia della Letteratura Artistica, Contenuti.
Le slides sono da considerare parte integrante della preparazione del corso. Alle immagini si alternano informazioni e citazioni da studiare.
Sulla piattaforma ARIEL sono stati caricati in formato pdf anche tutte le antologie dei testi e delle fonti da studiare per preparare l’esame.

Si ribadisce che studenti non frequentanti e frequentanti portano lo stesso programma.

INTEGRARE SU UN MANUALE DI STORIA DELL’ARTE MODERNA O SU UN’ ALTRA FONTE RACCOMANDABILE GLI ARGOMENTI CHE VI SENTITE DI NON CONOSCERE BENE (i Van Eyck e Rogier van Der Weyden, il Manierismo, pittura e controriforma ecc. ecc.). Le fonti e i saggi (oltre alle slides) non possono galleggiare sul vuoto: devono posare su solide fondamenta storico-artistiche (e storiche!).

II Unità didattica in dettaglio
(Sulla piattaforma ARIEL trovate questi materiali + le slides in pdf)

G. VASARI, Al molto da me in grado tenuto e stimato: Benedetto Varchi mio onorandissimo [1547], lettera in risposta a B. VARCHI, Lezzione della maggioranza delle arti, in Pittura e Scultura nel Cinquecento, a cura di P. Barocchi, Livorno 1998, pp. 61-66.
Questo testo è introdotto da due pagine esplicative tratte da J. SCHLOSSER MAGNINO, La letteratura artistica, Firenze, 1966, pp. 228-231.

G. VASARI, Del dipingere a olio in tavola e su tele, capitolo XXI della Introduzzione di Messer Giorgio Vasari pittore aretino alle tre arti del Disegno cioè Architettura, Pittura e Scultura, in G. VASARI, Le Vite de’ più eccellenti pittori, scultori e archiettori nelle redazioni del 1550 e del 1568, a cura di R. Bettarini e di P. Barocchi, Firenze 1966, vol. I, pp. 132-134.

E. GOMBRICH, La teoria dell’arte nel Rinascimento e l’origine del paesaggio [1950], in E. GOMBRICH, Norma e Forma. Studi sull’arte del Rinascimento, Torino 1973, pp. 156-177;220-227 e G. ROMANO, Studi sul paesaggio, Torino 1978, pp. 70-73.
Il saggio di Gombrich e le osservazioni di Gianni Romano consentono di commentare e integrare i testi di Vasari sopra proposti e i brani di Francisco de Hollanda, Paolo Pino e altri presentati e commentati nelle slides.

G. VASARI, Di diversi, in G. VASARI, Le Vite de’ più eccellenti pittori, scultori e architettori nelle redazioni del 1550 e del 1568, a cura di R. Bettarini e di P. Barocchi, Firenze 1987, vol.VI , pp. 224-229.

G. VASARI, Vita di Sebastian Viniziano frate del Piombo e pittore, in G. VASARI, Le Vite de’ più eccellenti pittori, scultori e architettori nelle redazioni del 1550 e del 1568, a cura di R. Bettarini e di P. Barocchi, Firenze 1984, vol. V, pp. 85-103.

K. VAN MANDER, La vita di Michiel Coxcie, eccellente pittore di Malines; La vita di Joan Schoorel, pittore; La vita di Marten Hemskerck, celebre e valente pittore, in K. VAN MANDER, Le vite degli illustri pittori fiamminghi, olandesi e tedeschi, a cura di R. de Mambro Santos, Sant’Oreste (Roma), 2000, pp. 263-265; pp. 202-208; pp. 229-236.
Le Vite di Scorel e di Heemskerck vanno lette, non studiate analiticamente; tuttavia vanno lette e capite.

III Unità didattica in dettaglio:
(Sulla piattaforma ARIEL trovate questi materiali + le slides in pdf)

- D. Freedberg, Idolatria e iconoclastia, in Il potere delle immagini, Torino, Einaudi, 1993 , pp. 556-625. Il saggio è da studiare da p. 556 a 591, da leggere fino in fondo.
- C. Occhipinti, L’arte in Italia e in Europa nel secondo Cinquecento, Torino, Einaudi, 2012, pp. 27-62; schede 6, 7, 8, 35, 38.

18/05/2015