Cerca insegnamenti o docenti



Storia della letteratura artistica - [A-Z]
History of artistic literature - [A-Z]

Stampa pagina

ROSSANA SACCHI , responsabile dell'insegnamento

CdL in SCIENZE DEI BENI CULTURALI (Classe L-1) Immatricolati dall'a.a. 2008/2009 - Laurea - 2013/2014

Insegnamento obbligatorioNo
Anno di corso
Periodo di svolgimentosecondo semestre
Settori scientifico disciplinari
  • L-ART/04 - Museologia e critica artistica e del restauro
Crediti (CFU) obbligatori6
Crediti (CFU) facoltativi3

Programma

Modalità di esame, prerequisiti, esami propedeutici

Esame in un'unica volta o suddiviso in partiunico
Modalità di accertamento conoscenzeEsame
Giudiziovoto verbalizzato in trentesimi

Prerequisiti e modalità di esame Scritto preliminare + orale:
L’esame consiste di una prova scritta preliminare e di una prova orale entrambe obbligatorie.
L’ammissione all’orale avviene solo dopo aver superato lo scritto preliminare, vertente ad accertare le conoscenze degli studenti sugli argomenti a programma della I Unità didattica
Lo scritto si tiene in tre sessioni annuali, nei mesi di settembre, di gennaio e di maggio .

Superato lo scritto, si può accedere all’orale (non si è assolutamente vincolati a sostenere l’orale nella medesima sessione in cui si è dato lo scritto), durante il quale si accerteranno le conoscenze degli studenti sugli argomenti a programma della II e III Unità didattica. Tali conoscenze, tuttavia, non potranno prescindere dall’inserimento delle stesse in un quadro più generale (approssimativamente delineato) riguardanti argomenti strettamente correlati di Storia dell’arte moderna o di storia o di letteratura. Per esempio (e molto banalmente): se si parla della Incoronazione di spine di Tiziano, occorre avere presente qualche informazione di base su Tiziano oltre a sapere che Venezia era, nel XVI secolo, una Repubblica. È ovvio, ma l’esperienza insegna che è bene ribadirlo.

Organizzazione della didattica

Settori e relativi crediti

  • Settore:L-ART/04 - Museologia e critica artistica e del restauro - Crediti: 9
Attività didattiche previste

Lezioni: 60 ore

Unita' didattica A

obbligatorio

Settori e relativi crediti

  • Settore:L-ART/04 - Museologia e critica artistica e del restauro - Crediti: 3
Attività didattiche previste

Lezioni: 20 ore

Unita' didattica B

obbligatorio

Settori e relativi crediti

  • Settore:L-ART/04 - Museologia e critica artistica e del restauro - Crediti: 3
Attività didattiche previste

Lezioni: 20 ore

Unita' didattica C

facoltativo

Settori e relativi crediti

  • Settore:L-ART/04 - Museologia e critica artistica e del restauro - Crediti: 3
Attività didattiche previste

Lezioni: 20 ore

Ricevimento docenti

Orario di ricevimento Docenti
DocenteOrario di ricevimentoLuogo di ricevimento
ROSSANA SACCHI , responsabile dell'insegnamentoOgni giovedì dalle 15.00 //via Noto 6/8

Programma d'esame

TITOLO DEL CORSO : Fonti per la pittura milanese del Cinquecento

UNITÀ DIDATTICA A: Introduzione alla Storia della Letteratura artistica. Presentazione cronologica di alcuni nuclei tematici.
UNITÀ DIDATTICA B: Guide, trattati, documenti per studiare i Luini, Gaudenzio Ferrari, Tiziano.
UNITÀ DIDATTICA C: Casi particolari tra Milano e il circondario.

Avvertenze:

Si consiglia agli studenti che intendono laurearsi in materie storico artistiche del corso di laurea in Scienze dei Beni Culturali di affrontare l’esame di Storia della Letteratura artistica dopo aver sostenuto almeno due esami di Storia dell’arte (medievale, moderna, contemporanea) e Storia della Letteratura italiana.

PROGRAMMA

Il corso, articolato su 9 CFU, si suddivide in tre parti.

La prima parte introduce la Storia della letteratura artistica presentando temi e figure capitali della stessa in lezioni tematiche sviluppate in sequenza cronologica. Si tratta di indicazioni metodologiche atte ad affrontare la complessa lettura del manuale “classico” (e imprescindibile) della disciplina, redatto da Julius von Schlosser nel lontano 1924; i limiti cronologici del manuale saranno tuttavia superati, arrivando fino alle soglie del Novecento.
La seconda e la terza parte sviluppano un vero e proprio corso monografico riguardante la pittura milanese del XVI secolo, quando l’antico stato di Milano – superate le traversie delle Guerre d’Italia – cessa di essere una signoria indipendente, con la morte dell’ultimo Sforza nel 1535, diventando una provincia dell’impero asburgico prima e della corona di Spagna poi. Delineate brevemente le linee di sviluppo dell’arte cittadina tra il 1520 e il 1590 circa, verranno presentate alcune fonti imprescindibili per la conoscenza della situazione locale e non, passando poi, nella terza Unità Didattica, a considerare alcuni casi specifici, scelti per il loro valore paradigmatico, non solo locale. In particolare, la mostra Bernardino Luini e i suoi figli, allestita a Palazzo reale di Milano dall’aprile del 2014, costituirà un punto di riferimento per articolare il corso. Accanto al catalogo vero e proprio, curato da Giovanni Agosti e Jacopo Stoppa, uscirà infatti anche un volume di Itinerari curato dai medesimi e dalla docente di questo corso di Storia della letteratura artistica: in entrambe le opere confluisce il frutto della ricerca di molti studiosi afferenti alla sezione arte del Dipartimento di beni artistici e Ambientali, consentendo di coniugare didattica e ricerca.

Bibliografia

I Unità didattica
Julius Schlosser Magnino, La Letteratura artistica. Manuale delle fonti della storia dell’arte moderna, (prima ed. Vienna 1924), Firenze, La Nuova Italia, 1964 (e tutte le riedizioni successive).

Il testo va studiato in parte, sebbene l’intero volume, corredato da prodigiosi indici bibliografici e onomastici, costituisca in sé uno strumento ancora oggi fondamentale per fondare (e dotare) la biblioteca di uno storico dell’arte.
Del testo circolano diverse edizioni; si indicano qui quindi le parti da studiare:
I libro = tutto da studiare.
II libro = studiare capitolo primo (La Letteratura storica), tutto escluse le parti scritte in corpo minore; capitolo secondo (escluse le parti scritte in corpo minore); terzo, quarto e quinto capitolo.
V libro = su Vasari: studiare tutto, escluse le parti scritte in corpo minore.
VI libro = studiare primo e secondo capitolo, senza le le parti scritte in corpo minore.
VII libro = studiare primo, secondo e terzo capitolo senza le parti scritte in corpo minore.
VIII libro = studiare primo e secondo capitolo senza le parti scritte in corpo minore.
IX libro = studiare primo, secondo, terzo, quarto e sesto capitolo, tutti senza le parti scritte in corpo minore.

Ferdinando Bologna, La coscienza storica dell’arte in Italia. Introduzione alla “Storia dell’Arte in Italia”, Torino, UTET 1982 oppure Milano, Garzanti, 1992.
Studiare i Capitoli VI (Dalle Scuole seicentesche al “Sistema delle Scuole” di Luigi Lanzi), VII (Dall’Ottocento a Longhi. L’Italia artistica tra soppressione ideologica delle diversità e recupero comparato delle culture locali) e la Conclusione.

Udo Kultermann, Storia della Storia dell’arte, Vicenza, Neri Pozza, 1997, da p. 39 fino a p. 229, escludendo le pp. 113-115; 183-190, 198- 202, 219-220.

Il manuale di Schlosser, nell’edizione in italiano del 1964 (che va benissimo), è scaricabile dal sito dell’Università di Heildeberg: http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/schlosser1964/0052/ocr
Nonostante sia uscito fuori commercio, il manuale di Schlosser risulta acquistabile (2013) on-line presso alcune librerie nazionali.
Le parti dei testi di Ferdinando Bologna e di Udo Kultermann, fuori commercio, indicate nel programma sono state messe a disposizione degli studenti, in formato pdf, sulla piattaforma ARIEL (raggiungibile dalla homepage Unimi: la trovate nei link a destra) nel sito di Storia della Latteratura artistica (reperibile sotto il raggruppamento di Studi Uministici).
Sul sito verranno caricate anche le slides mostrate durante le lezioni frontali: facilitano il percorso.

II Unità didattica
Le slides mostrate durante le lezioni frontali, organizzate in montaggi in power-point, saranno messe a disposizione degli studenti sulla piattaforma ARIEL entro la fine del corso.
Le slides sono da considerare parte integrante della preparazione del corso. Alle immagini si alternano infatti molte informazioni e citazioni da studiare; le slides presentano inoltre schemi riassuntivi o integrativi da studiare bene.

I testi da studiare per completare la preparazione della II U.D., ordinati e antologicizzati a cura della docente, saranno predisposti in formato pdf scaricabile sulla piattaforma ARIEL entro la fine del corso. In qualche caso, sulla medesima piattaforma ARIEL, verranno indicati i links dai quali scaricare materiale reperibile in rete.

III Unità didattica
Anche per preparare la III unità didattica occorre innanzi tutto scaricare e studiare le slides mostrate durante le lezioni frontali, reperibili sulla piattaforma ARIEL a partire dalla fine del corso.
A fine corso saranno infine indicate le parti da studiare del volume:
Bernardino Luini e i sui figli. Itinerari, a cura di Giovanni Agosti, Jacopo Stoppa e Rossana Sacchi, Milano, Officina Libraria, 2014.

19/02/2014