Cerca insegnamenti o docenti



Storia della letteratura artistica - [A-Z]
History of artistic literature - [A-Z]

Stampa pagina

ROSSANA SACCHI , responsabile dell'insegnamento

CdL in SCIENZE DEI BENI CULTURALI (Classe L-1) Immatricolati dall'a.a. 2008/2009 - Laurea - 2012/2013

Insegnamento obbligatorioNo
Anno di corso
Periodo di svolgimentosecondo semestre
Settori scientifico disciplinari
  • L-ART/04 - Museologia e critica artistica e del restauro
Crediti (CFU) obbligatori6
Crediti (CFU) facoltativi3

Programma

Programma: Titolo del corso: “Virtuosi et inventori di diverse sorti di arti”. Arti maggiori-arti minori nella Milano del XVI secolo

I unità didattica: Introduzione alla Storia della Letteratura artistica. Descrizione della disciplina. Presentazione cronologica di alcuni nuclei tematici.
II unità didattica: Arti minori? Definizione e impostazione di metodo.
III unità didattica: Le arti minori nel libro V della Nobiltà di Milano di Paolo Morigi (1595)


Avvertenze generali:

Si consiglia agli studenti di Storia dell’arte del corso di laurea in Scienze dei Beni Culturali di affrontare l’esame di Storia della Letteratura artistica dopo aver sostenuto almeno due esami di Storia dell’arte (medievale, moderna, contemporanea) e Storia della Letteratura italiana.

L’ammissione all’orale dell’esame di Storia della Letteratura artistica avviene solo dopo aver superato uno scritto preliminare che riguarda solo la I Unità didattica. La bibliografia per lo scritto è identica per frequientanti e non-frequentanti.
Lo scritto si tiene in tre sessioni annuali, nei mesi di settembre, di gennaio e di maggio.

NB: L’ordinamento della laurea triennale in vigore dall’a.a. 2011-2012 contempla l’esame di Storia della Letteratura artistica per 6 CFU. Poiché, tuttavia, per il suo contenuto formativo, tale esame è considerato basilare per gli studenti che intendano laurearsi in materie storico artistiche, si consiglia caldamente di sostenerlo per 9 CFU, recuperando (ciò avviene in automatico) i 3 CFU aggiuntivi dai 12 a scelta a disposizione in ogni piano di studi del nuovo ordinamento.
In tal modo lo studente si troverà a dover sostenere un solo esame da 9 CFU a scelta (e non 2 da 6 CFU + 6 CFU) privilegiando un percorso che si concentra su appropriati approfondimenti disciplinari.

BIBLIOGRAFIA:

I Unità didattica

Questa prima parte introduce la disciplina presentando temi e figure capitali della stessa in uno sviluppo cronologico. Si tratta di indicazioni metodologiche atte ad affrontare la complessa lettura del manuale “classico” (e imprescindibile) della disciplina, redatto da Julius von Schlosser nel lontano 1924. Il libro andrà integrato con gli aggiornamenti forniti dai testi di Udo Kultermann e di Ferdinando Bologna qui sotto indicati nella bibliografia relativa alla I Unità didattica.

Julius Schlosser Magnino, La Letteratura artistica. Manuale delle fonti della storia dell’arte moderna, (prima ed. Vienna 1924), Firenze, La Nuova Italia, 1964 (e tutte le riedizioni successive).

Il testo va studiato in parte, sebbene l’intero volume, corredato da prodigiosi indici bibliografici e onomastici, costituisca in sé uno strumento ancora oggi fondamentale per fondare (e dotare) la biblioteca di uno storico dell’arte.
Del testo circolano diverse edizioni; si indicano qui quindi le parti da studiare:
I libro = tutto da studiare.
II libro = studiare capitolo primo (La Letteratura storica), tutto escluse le note; capitolo secondo (escluse le parti scritte in corpo minore); terzo, quarto e quinto capitolo.
V libro = su Vasari: studiare tutto, escluse le note.
VI libro = studiare primo e secondo capitolo, senza le note.
VII libro = studiare primo, secondo e terzo capitolo senza le note:
VIII libro = studiare primo e secondo capitolo senza le note.
IX libro = studiare primo, secondo, terzo, quarto e sesto capitolo, tutti senza le note.

Il manuale di Schlosser, esaurito da tempo, nell’edizione in italiano del 1964, è scaricabile dal sito dell’Università di Heildeberg: http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/schlosser1964/0052/ocr

Ferdinando Bologna, La coscienza storica dell’arte in Italia. Introduzione alla “Storia dell’Arte in Italia”, Torino, UTET 1982 oppure Milano, Garzanti, 1992.
Studiare i Capitoli VI (Dalle Scuole seicentesche al “Sistema delle Scuole” di Luigi Lanzi), VII (Dall’Ottocento a Longhi. L’Italia artistica tra soppressione ideologica delle diversità e recupero comparato delle culture locali) e la Conclusione.


Udo Kultermann, Storia della Storia dell’arte, Vicenza, Neri Pozza, 1997, da p. 39 fino a p. 229, escludendo le pp. 113-115; 183-190, 198- 202, 219-220.



Le riproduzioni in fotocopia dei due ultimi testi, purtroppo esauriti e fuori commercio, sono acquistabili nella piccola copisteria di via Noto.

II Unità didattica

Le slides utilizzate durante le lezioni, organizzate in power-point sulla piattaforma ARIEL accessibile dalla homepage Unimi (a destra sulla schermata) sono da cosiderare parte integrante della preparazione del corso. Alle immagini si alternano infatti molte informazioni importanti non reperibili nei testi; le slides presentano inoltre schemi riassuntivi o integrativi da studiare bene.

Da Ferdinando Bologna, Dalle arti minori all’Industrial Design. Storia di una ideologia, Bari, Laterza 1972 (ristampato a Napoli, Paparo 2009):
Studiare l’Introduzione
Capitolo I: La posizione reciproca delle arti nella teoria e nella società del Rinscimento (pp. 13-42 della ed. 1972)
Capitolo II: Il momento della discriminazione. Artista e artigiano nella socità controriformata (pp. 45-82).

Giorgio Vasari, Proemio di tutta l’opera, in Le Vite de’ più eccellenti pittori, scultori e architettori nelle redazioni del 1550 e del 1568, a cura di P. Barocchi e R. Bettarini, Firenze Sansoni e poi SPES 1966, vol I, pp. 9-30.
Il testo, in questa edizione filologica (l’unica da utilizzarsi a scopo di studio), si trova anche a questo indirizzo:
http://biblio.signum.sns.it/cgibin/vasari/Vasariall?code_f=print_page&work=le_vite&volume_n=1&page_n=9


III Unità didattica
Ampi stralci ricavati dal V Libro della Nobiltà di Milano di Paolo Morigi (Milano, 1595) saranno letti e commentati durante le lezioni e poi, corredati da letture complementari che verranno indicate e fornite entro la fine del corso, saranno messi a disposizione degli studenti sia nelle sequenze montate in power-point sia in pdf scaricabili collocati sulla piattaforma ARIEL.



PROGRAMMA INTEGRATIVO PER GLI STUDENTI NON FREQUENTANTI:


Gli studenti non-frequntanti dovranno integrare il programma delle Unità I, II e III con lo studio completo di:
J. Shearman, Il Manierismo, Firenze, SPES, 1983.

Il libro è fuori commercio. Ma una sua versione in pdf viene caricata tra i materiali didattici messi disposizione sulla piattaforma ARIEL.


09-08-2012

Modalità di esame, prerequisiti, esami propedeutici

Esame in un'unica volta o suddiviso in partiunico
Modalità di accertamento conoscenzeEsame
Giudiziovoto verbalizzato in trentesimi

Organizzazione della didattica

Settori e relativi crediti

  • Settore:L-ART/04 - Museologia e critica artistica e del restauro - Crediti: 9
Attività didattiche previste

Lezioni: 60 ore

Unita' didattica A

obbligatorio

Settori e relativi crediti

  • Settore:L-ART/04 - Museologia e critica artistica e del restauro - Crediti: 3
Attività didattiche previste

Lezioni: 20 ore

Unita' didattica B

obbligatorio

Settori e relativi crediti

  • Settore:L-ART/04 - Museologia e critica artistica e del restauro - Crediti: 3
Attività didattiche previste

Lezioni: 20 ore

Unita' didattica C

facoltativo

Settori e relativi crediti

  • Settore:L-ART/04 - Museologia e critica artistica e del restauro - Crediti: 3
Attività didattiche previste

Lezioni: 20 ore

Ricevimento docenti

Orario di ricevimento Docenti
DocenteOrario di ricevimentoLuogo di ricevimento
ROSSANA SACCHI , responsabile dell'insegnamentogiovedì 19 luglio, h. 15.00; giovedì 2 agosto, h. 15.00; giovedì 6 settembre, h. 15.00via Noto 6/8